I Borghi Medievali della Catalogna

ultima modifica: 31/10/2016 ore 12:19

546

catalogna-i-borghi-medievali

Il viaggio della delegazione della rete dei borghi europei del Gusto in Catalogna, è  stato finalizzato alla scoperta dei borghi medievali della provincia di Barcellona e Girona.

Besalú, in provincia di Girona, è una monumentale testimonianza dell’epoca medievale catalana. Situata nella zona della Garrotxa, si trova a un passo dallo spettacolare paesaggio del Parco Naturale della Zona Vulcanica della Garrotxa e dalle ultime propaggini del settore orientale dei Pirenei della provincia. Strade e facciate di pietra sono il principale segno di identità del suo nucleo urbano, come si può osservare in più punti. Il suo ricco patrimonio medievale presenta al viaggiatore costruzioni di tipo civile e religioso, e addirittura tracce del quartiere sefardita esistente in questa località durante il Medioevo. Tra le opere a carattere civile va ricordato il ponte romanico del XII secolo che attraversa il fiume Fluvià, l’edificio della Curia Reale, destinato all’amministrazione della giustizia, e la residenza dei Cornellà, nella quale spiccano i portici di una galleria in stile romanico. Tra i monumenti religiosi si trovano invece le chiese di Sant Pere, di Santa Maria e di Sant Vicenç, che alternano elementi romanici e gotici. Richiama l’attenzione anche la ricca decorazione della facciata principale della chiesa di San Giuliano (sec. XVII). D’altra parte, nel quartiere ebraico è possibile visitare i bagni medievali dedicati alle abluzioni rituali ebraiche.

Rupit i Pruit (in castigliano Rupit y Pruït) è un comune spagnolo di 295 abitanti situato nella comunità autonoma della Catalogna. Formato da due centri che in precedenza erano comuni separati, Rupit e Pruit, e che furono uniti nel 1977. È l’ultimo paese della provincia di Barcellona sulla strada che congiunge Vic, capoluogo della comarca Osona, a Olot, capoluogo della comarca Garrotxa, nella provincia di Girona.

Tavertet è un comune spagnolo di 146 abitanti situato nella comunità autonoma della Catalogna. Tavertet si trova sui monti che dominano la valle del Ter, è diviso in tre nuclei (“Carrer de Dalt”, “Carrer del Mig” e “Carrer de Baix”) dalle strade che arrivano da Sant Bartomeu Sergourgues, Sant Roma de Sau e Rupit.

Castellfollit de la Roca (in castigliano Castellfullit de la Roca) è un comune spagnolo di 1.014 abitanti situato nella comarca della Garrotxa, area della Provincia di Girona e facente parte della comunità autonoma della Catalogna. Forma parte del Parco naturale della zona vulcanica di Garrotxa e dell’area giuridica di Olot, mentre dal capoluogo Girona dista 46 km. Con nemmeno 1 km2 di superficie, è uno dei comuni più piccoli di Spagna, il secondo più piccolo della Catalogna ed il più piccolo della propria provincia.

La caratteristica principale di Castellfollit de la Roca è dovuta dal fatto che il nucleo storico del paese è situato su uno zoccolo di roccia basaltica a strapiombo sulla valle sottostante. Questa muraglia naturale, alta più di 50 metri e lunga circa un chilometro, è il risultato dell’azione erosiva dei fiumi Fluvià e Toronell sulla roccia vulcanica durata per migliaia di anni. In particolare lo zoccolo basaltico è composto dalla sovrapposizione di due colate di lava rispettivamente di 217.000 e 190.000 anni.

Mauro Trentini

31/10/2016

Riproduzione Riservata.

LEGGI TUTTO

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Carnevale di Venezia 2020
➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here