Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
3.8C
Venezia
domenica 07 Marzo 2021
HomeNotizie di aperturaGuardians di San Marco, un lavoro difficile, a volte impossibile

Guardians di San Marco, un lavoro difficile, a volte impossibile

guardians san marco nostra
Difficile compito giornaliero quello dei Guardiani di San Marco, che per ore e ore cercano di arginare i comportamenti inadeguati alla bellezza e alla vulnerabilità di Venezia. Sono giovani volontari gentili e cercano di essere persuasivi con i tanti-troppi turisti, che per qualche ragione che sfugge alla ragione stessa, si sentono autorizzati a vivere in libero arbitrio la città, a bivaccare nell’area marciana, nel perimetro della Basilica di San Marco, alle porte di Ca’ Farsetti, la Casa comunale oggi abitata da persistenti preoccupazioni per lo stato di cose che continua a rivelare una deriva culturale ed umana inarrestabile.

C’è chi nuota nei canali, pensando di essere in spiaggia (anche i veneziani negli anni ’50 nuotavano negli stessi canali, ma “allora” l’acqua non era inquinata e persino si mangiava il pesce pescato in laguna ); c’è chi si stende sui gradini dei ponti, chi dorme sulle panchine dei giardini…
Eppure è la bellezza e in fondo la grande differenza da tutte le altre città, a portare il turista a Venezia: spesso arriva e non capisce, è colto di sorpresa dalla sua forma urbana, dallo scorrere dell’acqua, dalla mancanza di automobili, se è ricco, conosce le porte dei grandi alberghi, se è giovane sceglie su internet la sua dimora, se è povero, arriva e si arrangia. Se appartiene al turismo mordi e fuggi, talvolta risulta meno educato degli altri, meno consapevole, ha fretta, vuole assaporare tutto, spesso si porta dietro la famiglia, i carrozzini, il cane, si sente giustamente in diritto di godersela questa Venezia, che come già aveva presagito Carlo Goldoni, tutti devono poter visitare, in quanto unica e insostituibile.

Come armonizzare tutte queste esigenze? I guardiani spiegano e raccomandano instancabilmente in tutte le lingue le regole da rispettare, qualcuno si secca, risponde in malo modo, altri ascoltano e accettano i consigli. Si coglie una moltitudine di sensazioni: gli anziani e i bambini si mostrano stanchi, sfiniti nella fatica di camminare e salire e scendere i ponti, si siedono dove possono (i Guardiani hanno il tatto di lasciar correre in questi casi), altri rivelano la delusione di essere stati svegliati dal sogno di vivere Venezia, sembrano inconsapevoli e meravigliati se vengono ripresi perché mangiano un panino seduti a terra. Gioiscono i piccioni e gli uccellini che aspettano ghiotti qualche briciola abbandonata.

Ecco che da Ca’ Farsetti si stanno studiando sanzioni e ulteriori cartelli informativi, dall’Università e dalle Fondazioni culturali nasce l’esigenza di progettare qualcosa di diverso dal preminente impulso turistico: potrebbe essere a carattere informativo, scientifico, o attività legate all’acqua, che potrebbero attirare i visitatori in inverno e in zone diverse da San Marco.

C’è chi si orienta verso il numero chiuso in estate, chi invece preferirebbe flussi ragionati con offerte turistiche coordinate e consapevoli che l’emergenza si supera solo se tutti i soggetti che operano a Venezia, che vivono la città, che delle attività della città vivono, sapranno orientare la bussola della ragionevolezza e proporre opzioni capaci di superare la disarmonia, che oggi la città con i suoi pochi (56mila) residenti, vive e subisce.

Andreina Corso | 24/08/2016 | (Photo d’archive) | [cod sanma]

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ciclista trovato morto a bordo strada a Sernaglia, forse investito e non soccorso

Trovato morto ciclista a bordo strada questa mattina. Si tratta di un uomo di 45 anni. Il deceduto è stato scoperto un paio d'ore fa al...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati
spot

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...

Vigili in monopattino: sono agenti in borghese

Vigili in monopattino elettrico. Una novità per la polizia locale e un supporto per il controllo delle zone a traffico limitato e pedonali. Anche a...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Covid Veneto mercoledì : +895

Riprendono a crescere i contagi Covid in Veneto. Sono 895 i nuovi positivi al virus in 24 ore, per un totale di 328.973 infetti...

Zaia, contagi in Veneto? “Segnali d’allarme”

Sull'andamento della pandemia in Veneto, "ci sono piccoli campanelli d'allarme, in linea con l'andamento nazionale" ha affermato il presidente del Veneto Luca Zaia. "La...

Trambusto a Piazzale Roma: straniero si denuda in tram e aggredisce tutti

Si denuda a bordo del tram e poi aggredisce il conducente e gli agenti: arrestato dalla Polizia locale a Piazzale Roma. Protagonista uno straniero che...
spot

Covid, limitazioni a Venezia: ordinanza anti-assembramenti

Riprendendo quanto disposto nei weekend passati, dalle ore 15 di oggi, venerdì pomeriggio, sarà in vigore l'ordinanza per la limitazione all’accesso di determinate strade...

Normative anti Covid ignorate: due negozi chiusi a Mestre

Le normative anti Covid in qualche occasione paiono diventate obsolete, invece continuano i controlli anche della Polizia locale di Venezia. Controlli nei quali sono incappati...

Draghi tra due fuochi: terza ondata contro pressing per riaperture

Mario Draghi tra due fuochi: da una parte la consapevolezza che sta crescendo la variante inglese, dall'altra è sotto pressing per le riaperture. Le...