Gondolieri in Provincia. Zaccariotto: “Formazione utile per sicurezza”

ultimo aggiornamento: 25/11/2014 ore 09:18

470

gondola gondole in canal grande a venezia

Incontro a Ca’ Corner, sede della Provincia di Venezia, tra la presidente Francesca Zaccariotto e Aldo Reato, presidente dell’Associazione dei Gondolieri. Erano inoltre presenti Andrea Balbi, vicepresidente dell’associazione, e Franco Conton, direttore dei corsi di formazione per gondolieri e sandolisti, che quest’anno sono stati realizzati con la collaborazione degli istituti superiori veneziani A. Barbarigo e F. Algarotti.

La riunione informale è nata anche dal bisogno di un confronto sui temi della formazione dei gondolieri, sulla situazione della navigazione acquea, a fronte delle ultime problematiche legate al rilascio delle licenze, e rispetto alla continua emergenza causata dalla congestione del traffico acqueo. Il presidente Reato ha sottolineato “l’importanza di un continuo monitoraggio e controllo soprattutto sul Canal Grande, con tre postazioni, e il conseguente intervento sanzionatorio in caso di comportamenti non legittimi, tra cui l’eccessiva velocità”. E’ stato ricordato, tra l’altro, come non sia di particolare utilità il semaforo rosso: fermi nel moto ondoso e con la corrente, con il vento che spinge, e difficoltà di arresto dell’abbrivio, risulta difficile la manovra.


Il direttore Conton ha invece ha illustrato nel dettaglio i corsi di formazione, partiti 20 anni fa con l’Istituzione per la conservazione della Gondola e la tutela del gondoliere, al cui interno si è adoperata anche l’Associazione Gondolieri, di cui è presidente Aldo Reato.

La formazione per gondolieri e sandolisti per l’anno 2014-2015 prevede 3 corsi per un totale di 450 ore, e 60 corsisti circa da formare. Ogni corso prevede 150 ore durante 5 giorni settimanali, tra le materie oggetto d’insegnamento la toponomastica, il diritto della navigazione, le scienze ambientali, la storia dell’arte, le lingue europee inglese e spagnolo. Vengono richiesti la frequenza minima di 120 ore e il superamento dell’esame finale con votazione minima di 70/100.

L’Istituzione per la conservazione della gondola e la tutela del gondoliere indice periodicamente bandi di selezione pubblica finalizzata all’acquisizione del certificato professionale per l’iscrizione al ruolo dei gondolieri e/o sandolisti, istituito presso la Camera di Commercio di Venezia, l’ultimo dello scorso febbraio 2014. I concorrenti risultati idonei possono poi partecipare al corso di formazione culturale professionale.


Superato il corso e la prova pratica di voga, gli aspiranti gondolieri e sandolisti possono accedere all’esame per idoneità presso la commissione provinciale, in esecuzione del Regolamento provinciale per l’iscrizione ai ruoli dei conducenti di natanti in servizio di trasporto pubblico non di linea, e di trasporto di cose per conto terzi (determinazione n 2013/3453 del 04/11/2013, prot. n. 95256 del servizio Trasporti, per l’iscrizione al ruolo dei conducenti di natanti adibiti a servizi pubblici non di linea, addetti al trasporto di persone istituito presso la C.C.I.A.A. di VENEZIA).

La Presidente Zaccariotto ha poi dichiarato: «Confermo l’interesse e la preoccupazione per i problemi inerenti alla navigazione lagunare, soprattutto rispetto al traffico sul Canal Grande e alla sicurezza, e plaudo alle valide iniziative di formazione. Ho ascoltato con attenzione le categorie che operano nel settore della navigazione; ma in questo momento è difficile intervenire nel ginepraio di competenze in materia di navigazione lagunare, e c’è purtroppo ancora poca collaborazione tra le istituzioni. La Provincia ha finora fatto la sua parte, ma il prossimo commissariamento ostacola in questo momento qualsiasi ulteriore atto o iniziativa, che per ora restano in stand-by».

Franco Conton, direttore dei corsi di formazione per gondolieri e sandolisti, ha invece dichiarato: «Ho ribadito l’importanza della formazione, anche culturale, che fornisca un’adeguata preparazione all’esame provinciale per l’iscrizione alla Camera di commercio. E’ importante anche proseguire il progetto di istituzione del Museo della Gondola e del Gondoliere, che non ha finora trovato spazi, nonostante gli annunci del Comune, e che darebbe un notevole contributo in termini d’immagine alla cultura veneziana».

Redazione

25/11/2014

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here