spot_img
spot_img
spot_img
12.3 C
Venezia
venerdì 22 Ottobre 2021

“Giù le mani dall’area ex Gasometri!”. Lettere al giornale

HomeVenezia città"Giù le mani dall’area ex Gasometri!". Lettere al giornale

Ex Gasometri San Francesco: "Manovre per l'ennesimo grande albergo"

Giù le mani dall’area ex Gasometri!
Si riparla dell’area ex gasometri e della sua destinazione.
Se dovesse approdare ai banchi del Consiglio Comunale la richiesta di cambio di destinazione d’uso, noi, in tutti i modi consentiti, la bloccheremo.
Da anni, anche come Municipalità, siamo al fianco del comitato ex gasometri e abbiamo contribuito a far nascere e crescere, grazie ai docenti e ai ragazzi del Benedetti, un ampio fronte contrario alla nascita di un altro albergo in una zona così viva come San Francesco della Vigna.
Giù le mani dai Gasometri!
Giovanni Andrea Martini
per Tutta La Città Insieme

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

Data prima pubblicazione della notizia:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. …siano partiti e movimenti (a cominciare da PD e il Movimento 5 Stelle), che hanno deputati, senatori e ministri a Roma, ad intervenire per soddisfare le richieste inascoltate che fanno al Comune di Venezia e alla Regione!!!
    Si aggiorni la legge speciale anche con interventi per:
    -bloccare cambi di destinazione d’uso, aperture di nuovi alberghi e affittacamere anche a Mestre (i clienti poi arrivano a Venezia!)
    -finanziare l’edilizia residenziale pubblica (E.R.P. – case comunali, unica via per invertire la tendenza allo spopolamento)
    -fermare al cementificazione di Tessera, l’espansione dell’aeroporto e relativa linea ferroviaria, gli appartamenti ed alberghi conseguenti e lo stadio.
    -fare ZTL nei canali accessibili solo con motori elettrici per fermare lo smog da record e rumori
    -impedire l’accesso in laguna di navi da crociera, e commerciali se non con “bollino” per il transito con motori ecologici, elettrici o a idrogeno finanziandone lo sviluppo piuttosto che finanziare il Bonus Vacanza/Monopattino/bicicletta…
    A volte non capisco: qui alcuni consiglieri protestano, impotenti, contro il Sindaco e la Regione e i loro provvedimenti e concessioni che distruggono Venezia, e a Roma i loro ministri, deputati e senatori, che possono cambiare leggi e regolamenti per i centri storici, e la Legge Speciale, non muovono un dito?
    Qualcuno sa dare una risposta?
    O qui si lamentano per fare opposizione e a Roma in realtà non vogliono cambiare nulla perché …. fa comodo anche a qualcuno di loro?

    Prof. Fabio Mozzatto
    Venezia

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements