5.6 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Giovanni Vernia in tour con “Vernia o non Vernia”

HomecomiciGiovanni Vernia in tour con “Vernia o non Vernia”
la notizia dopo la pubblicità

Si riaprono i sipari nei teatri d’Italia e torna in scena anche uno degli show più divertenti, che prende ispirazione da un dilemma shakesperiano, rivisitato in chiave comica: dopo il successo del precedente tour, Giovanni Vernia torna sul palco con il suo VERNIA O NON VERNIA, a partire da novembre 2021 fa tappa nelle città italiane.

Per chi pensa di conoscere Giovanni, “Vernia o non Vernia” è l’asso nella manica dello showman che in questo spettacolo spiazza e, da solo sul palco, riesce a costruire divertimento partendo da qualsiasi pretesto, al punto tale da chiedersi: ma è lui o non è lui? Conosciamo davvero tutto di Vernia?

Una tournée di 20 date per festeggiare con il sorriso migliore il ritorno in scena, che Giovanni commenta così: “Si riparte finalmente! Non vedo l’ora di tornare a coccolare il pubblico, di fargli dimenticare ogni problema per due ore. Divertimento puro. Ce lo meritiamo. E nel caso in cui comunque lo spettacolo non piaccia, tranquilli perché nel lockdown ho imparato a fare le pizze, almeno alla fine si mangia”.

“Vernia o non Vernia” farà tappa a: Spilimbergo (PN) il 16 novembre, al Teatro Miotto; Milano il 18 novembre, al Teatro Manzoni; Artegna (UD) il 20 e 21 novembre, al Teatro Mons. Lavaroni; Montagnana (PD) il 3 dicembre, al Cinema Teatro Bellini; San Daniele del Friuli (UD) il 10 dicembre, all’ Auditorium alla Fratta; Lestizza (UD) l’11 e il 12 dicembre, Auditorium Comunale); Pontebba (UD) il 12 gennaio, Teatro Italia; Mestre (VE) il 13 gennaio, al Teatro Toniolo; Saronno (VA) il 14 gennaio, al Teatro Giuditta Pasta; Varese il 15 gennaio, al Teatro di Varese; Biella il 16 gennaio, al Teatro Sociale Villani; Borgomanero (NO) il 17 gennaio, al Teatro Nuovo; Ivrea (TO) il 20 gennaio, al Teatro Giacosa; Vinovo (TO) il 21 gennaio, al Teatro Auditorium; Roma, il 29 e 30 aprile, al Teatro Ambra Jovinelli; Padova il 4 maggio, al Gran Teatro Geox; Brescia il 5 maggio, al Gran Teatro Morato.

Giovanni Vernia è veramente un talento della comicità all’italiana, che dà sempre conferma della sua poliedricità espressiva agli spettatori, ai fan, ai tantissimi affezionati dei personaggi che, negli anni, ha interpretato, a partire da Jonny Groove. Grazie alla sua versatilità e alla capacità di cimentarsi in più ambiti, è anche autore del suo spettacolo, scritto insieme a Paolo Uzzi (ai testi ha collaborato anche Pablo Solari).

Racconta l’attualità con ironia attraverso più forme artistiche e spaziando tra progetti di diversa natura ma spesso collaterali: conduttore radiofonico, personaggio televisivo, attore per il teatro e per il cinema, è anche un influencer sui generis, capace di diventare opinion leader della risata migliore, quella che nasce per la satira di costume e/o politica sempre originale. Su Youtube periodicamente lancia i suoi video e format virali, come “How to become italian” e “Un giorno capirai”, seguitissimi dal pubblico del web; su Facebook conta 2 milioni di follower e su Instagram Giovanni è nel mood “se rido io sto bene, se ridete voi sto benissimo”. Recentemente è sbarcato anche su Tik Tok con uno dei suoi personaggi più “glam”, Jonny Groove, che torna in pista dopo più di un anno di assenza dalle disco.

continua a leggere dopo la pubblicità

LO SPETTACOLO.
Vernia o non Vernia è la vera novità teatrale. Chiunque conosca Giovanni Vernia associa il suo nome alle irresistibili maschere con cui ha conquistato tv e web. In questo spettacolo l’artista racconta da dove nasce la sua follia comica. È un demone interiore il suo, che comincia ad apparire da bambino, stimolato dalla Genova in cui è cresciuto e degli stravaganti parenti pugliesi e siciliani. È una sorte di spiritello dispettoso, che si manifesta in modo sempre più invadente durante la sua carriera da ingegnere, costringendolo a diventare comico di professione. Questo nuovo spettacolo è un esercizio di leggerezza intelligente, dove la storia personale dell’artista si sovrappone a un divertentissimo ma acuto viaggio attraverso i luoghi comuni di questi strani tempi moderni. Ne emerge uno showman completo, che spazia con disinvoltura dal racconto alla parodia, dal canto al ballo, creando un rapporto col pubblico unico e coinvolgente”.

“Vernia o non Vernia” è uno spettacolo scritto da Giovanni Vernia, Paolo Uzzi, con la collaborazione di Pablo Solari. La regia è di Giampiero Solari e Paola Galassi. La produzione esecutiva è di Savà Produzioni Creative.

RDS 100% Grandi Successi è radio partner dello spettacolo.

GIOVANNI VERNIA


Giovanni Vernia è attore, conduttore tv e speaker radiofonico, comico di professione alias elargitore di risate quotidiane. È l’unico artista italiano ad avere un intero spettacolo comico in lingua inglese “How to become italian” in cui insegna, in chiave ironica, vizi e virtù degli italiani agli stranieri (il debutto era stato programmato per maggio del 2020 a New York e rimandato a causa della crisi sanitaria ancora in atto). Protagonista di un vero exploit in televisione con Jonny Groove negli anni di “Zelig”, Vernia è inarristabile e negli anni ha continuato a rinnovarsi, fino a riscuotere un grande successo anche sul web, dove vanta milioni di follower. Proprio per la capacità di raccontarsi, di comunicare sempre in maniera autentica ma surreale al tempo stesso, ha lanciato divertenti e innovativi progetti virali, come #Ancheioshowacasa, social show nato durante il primo lockdown: un format home-made dalle caratteristiche di un vero show televisivo che ha ottenuto grande popolarità tradotta in milioni di views e attenzione da parte della stampa. Da citare anche le pubblicazioni periodiche di video su Facebook ed Instagram “Un giorno capirai”: la rubrica da milioni di click in cui l’attore spiega a suo figlio i paradossali fatti di attualità del nostro Paese, facendo una satira originale di costume e/o politica; e la più recente “News Cantata”, una rubrica dal pubblico e dagli addetti ai lavori, molto in cui l’artista riesce con abilità a tradurre, sulle notte di canzoni famose, i fatti di attualità più controversi, che per magia diventano divertenti. Da ingegnere per una multinazionale a comico di professione, ma anche cantante, ballerino, Giovanni nel corso della sua carriera non si è fatto sfuggire nulla! Il pubblico televisivo, dopo averlo amato per le più esilaranti imitazioni in Tale e Quale Show, l’ha poi ritrovato in diverse occasioni, ultima tra tutte, quest’anno, è il PrimaFestival, unico programma dedicato al racconto dei retroscena della kermesse in onda su Rai1, che Giovanni ha condotto insieme a Giovanna Civitillo e Valeria Graci.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

Reliquie Santa Lucia da Venezia alla Sicilia con assistenza della Polizia

Santa Lucia da Venezia alla Sicilia Domenica 14 dicembre, la Polizia di Stato accompagnerà “Santa Lucia” nel suo prossimo viaggio in Sicilia. Alle 7:30 del mattino le spoglie della Santa saranno portate, con imbarcazioni della Polizia di Stato, dalla basilica dei Santi Geremia...

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...