lunedì 17 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Giochi per Capodanno da soli, in coppia o più…

HomeGiochi-amo, giochi da tavolo e di ruoloGiochi per Capodanno da soli, in coppia o più...

Stiamo tutti pensando la stessa cosa, ammettiamolo: sarà un Capodanno triste.
Niente tavole imbandite per quaranta, niente infanti urlatori, niente vecchi zii che al secondo bicchiere sbirciano la scollatura della cugina arrivata da lontano (e che lontano vorrebbe tornare alla seconda occhiata).
Ma, soprattutto, niente partite.
E se qualcuno (tutti, diciamoci la verità) abbiamo fatto la ola perché non ci toccherà la tombola con la nonna sorda alla quale bisogna urlare in faccia il numero uscito o il simpatico zio (sì, sempre lo stesso dello sguardo furtivo alla cugina) che dice “Tombola!” al primo numero estratto tra le risate (quasi) generali, oppure ci mancherà altrettanto poco il Mercante in Fiera con i regali riciclati del Natale precedente (che tanto la nonna non si ricorda nemmeno cosa ha mangiato ieri, figurati le bellissime calze in simil-lana con le renne…) quello che porta alla lacrimuccia è il dire no alle otto ore di Axis and Allies con il gruppo di amici tra sottomarini, vodka liscia e molte bestemmie in buona fede.
Ma non tutto è perduto.
Al massimo quattro (forse sei), ma si può ancora provare a intavolare qualcosa. Ecco, quindi, i miei consigli per giocare in due, in gruppo o – nel malaugurato caso – anche per passare un ultimo dell’anno da soli ma divertendosi.

GIOCO DA FINE ANNO DI GRUPPO: HIT Z ROAD

Zombi + Martin Wallace. Basterebbe questo a garantire il successo per un bel gruppetto di amici all’ultimo dell’anno. hit road gioco box
Poi, se ci si aggiunge una confezione invitante per grafica e contenuti, un regolamento scritto come se fosse il quaderno di un sopravvissuto e una scatola (unica pecca, solo in inglese) che si trova ora in offerta online a nemmeno 15 euro quando ne vale il doppio come minimo, ecco un gioco da non perdere assolutamente.
Fino a quattro giocatori (ma è un semi-cooperativo quindi nulla vieta a due persone di fare un unico personaggio per aumentare i giocatori), un’ora al massimo per singola partita (poi muori, sappiatelo…) è un prodotto basato su meccanismi tipici di aste, gestione risorse e lancio dadi in massimo otto round con lo scopo di scorrazzare con la propria auto per le superstrade americane ammazzando quanti più già morti possibili.
Veloce, dinamico e divertente.
Adatto dopo il discorso del presidente per vivacizzare la serata (o per pensarlo come zombie da eliminare, fate voi).

GIOCO DA FINE ANNO DI COPPIA: HIVE

Un classico moderno che non può mancare nelle case dei giocatori, soprattutto ora che esistono anche la versione pocket da viaggio (bella) e la versione black and white (ancora più bella).
hive gioco boxLa sfida è tra due agguerriti gruppi di insetti che combattono spostandosi ognuno con movimenti e caratteristiche diverse gli uni contro gli altri nel tentativo di imprigionare l’ape regina avversaria.
Ad esempio; le formiche si spostano per tutto lo schieramento, le cavallette saltano da una parte all’altra, i ragni strisciano.
In pratica, gli scacchi con gli insetti e una incredibile possibilità di varianti date da 22 pedine diverse per il gioco base e tre espansioni con nuovi animali. Bello e competitivo al massimo.
Attenzione: possono finire amicizie e storie di vita di coppia per una formica. Non bene.

GIOCO DA FINE ANNO IN SOLITARIA: NEMESIS

140 euro, lo so. Ma già siete da soli, per una volta potete anche permettervela una spesa tutta per voi no?
Che poi il gioco funziona egregiamente anche fino a sei, quindi preparatevi che tanto tornerà fuori alla prima occasione. nemesis gioco box
Trama: la vostra nave spaziale sta facendo rotta verso il pianeta terra e vi svegliate dal processo di criogenesi che vi ha tenuti in vita assieme ai vostri compagni. Ma non tutto va per il verso giusto, assieme a voi c’è un cadavere: qualcuno del vostro gruppo è morto divorato da una forma di vita sconosciuta, la nave è infestata da feroci alieni e il ritorno a casa sembra sempre più lontano.
Direi che è tutto chiaro: Alien.
E il mostro è già uscito dalla pancia del vostro compagno.
Preparatevi, perché This war of mine a parte, questo è il gioco con la più alta mortalità probabilmente mai vista, e sarà già tanto sopravvivere le prime vòlte ai primi quindici minuti di gioco.
Ma questo non vi fermerà, soprattutto quando la scelta sarà tra sopravvivere badando solo a scappare o aiutare qualche altro componente della spedizione in difficoltà. Ed è Capodanno. E siete da soli in casa. Tempo di scegliere.

Tre, due, uno. Buon anno.
Massimo Tonizzo

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Massimo Tonizzo
Giornalista, esperto di giochi, organizzatore di fiere e eventi. E' presente in tutte le più importanti manifestazioni tematiche nazionali ed internazionali da cui invia reportage e recensioni.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Ponte della Costituzione scivoloso, altri lavori. Amore-odio dei veneziani per il Ponte di Calatrava

Ancora guai per il Ponte della Costituzione progettato dall’architetto Santiago Calatrava, che tanto ha fatto discutere i cittadini veneziani, che hanno prima incontrato e poi vissuto gli effetti di un’opera che è costata 11 milioni di euro. Il Ponte era entrato nell’immaginario...

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Venezia: da oggi mascherine all’aperto in certe aree. Ecco dove

Venezia: allargamento dell’obbligo dell’uso di mascherine all'aperto alle aree della movida e nelle piazze. Dal 6 dicembre Green Pass obbligatorio fin dai pontili degli imbarcaderi per favorire i controlli a campione

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Da lunedì niente mezzi senza Super green pass: la rabbia dei residenti delle isole

Cattive nuove per gli abitanti nelle isole della laguna sprovvisti di Super green pass: da lunedì non potranno salire sui mezzi di trasporto. Vivere in un’isola e non poter salire sui mezzi di trasporto per recarsi al lavoro, andare a scuola, o...

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...