COMMENTA QUESTO FATTO
 

Con l’avvicinarsi delle feste di Natale e Capodanno, come fanno i “critici seri” anche noi umili redattori di questa paginetta (grazie a tutti voi, o lettori aumentati da 10 a 12 nell’ultimo mese…) vogliamo consigliarvi alcuni utili prodotti per passare una serata rilassante mentre i nonni tirano fuori le carte, gli zii la tombola e i non-adepti il gioco dell’oca (brr…..).

Per questo primo appuntamento, quindi, ho deciso di concentrare l’attenzione su un marchio più che su un gioco singolo, perché è ormai appurato che qualsiasi cosa esca con la scritta “Red Glove – light and fun” sul lato della scatola non lascerà delusi i giocatori.

Due al prezzo di uno (no, non letteralmente… non chiedetelo così che se no la Grande Capa della Red Glove poi mi fa pagare la differenza) per una serata dedicata alle parole e alle maledizioni.

Vudù per RG è ormai sinonimo di successo sicuro in tutte le forme e le varianti, quindi in pieno spirito natalizio appare più che giusto mescolare invettive , fantasy e follia.

ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000

Per tutti i fan dell’originale, a Natale braccia aperte (qualsiasi numero di braccia e occhi gioco vudulhh boxabbiate) per Vudulhu, il gioco di maledizioni folli, in cui verrete catapultati nella classica ambientazione lovecraftiani piena zeppa di Grandi Antichi, tentacoli e giorni di ordinaria follia.

Come nell’originale, dovrete scagliare maledizioni a destra e a manca con l’obiettivo di eliminare fisicamente gli avversari in un torneo di incantesimi dai risvolti decisamente concreti Gli effetti delle maledizioni affliggeranno in modo diretto gli avversari che dovranno saltellare su un piede, giocare con la testa sul tavolo oppure sillabare ogni parola, Ottimo per perdere amici, consiglio di usare anhce (spot! Spot! Spot!) la carta promo inclusa nel numero 1 di “IoGioco” (in tutte le edicole, però se non mi rispondete al curriculum finisce qua…).

Meno cattivo, forse, ma altrettanto divertente il classico gioco di parole Links. Se dico rosso gioco links boxe dolce cosa viene in mente? Ognuno può dire qualcosa di diverso, buffo, semplice o insolito. Qui dovremo trovare la parola che unisce due o più carte caratteristica in ben sette modi diversi a seconda del numero di giocatori, del tempo a disposizione, delle varianti di età e caratteristiche.

In links la base del gioco è creare dei collegamenti fra le carte caratteristica, trovando la parola che può essere “una cosa”, “una persona”, “un animale” con le caratteristiche richieste dalle carte. Ad esempio, utilizzare la parola Pagliaccio per collegare “Divertente” e “Maschile” è corretto, perché l’essere divertente è una sua caratteristica peculiare e associata ad esso per definizione. La parola Pagliaccio è inoltre maschile Ovviamente al mondo esistono delle persone che non trovano divertenti i Pagliacci (io), ma questo non influenza la validità della parola.

Ovvio che se per “divertente” e “maschile” associo “travestirsi” dovrò spiegare bene le mie motivazioni, ed è proprio da questo che nasce spesso il divertimento del gioco.

Consiglio, ovviamente, di provare prima Links e poi Vudulhu: si rischiano di perdere meno amicizie per un pagliaccio che per una partita intera giocata spalle agli altri…

Vudulhu di Marco Valtriani e Francesco Giovo, Red Glove editore, party-game di dadi e maledizioni da 3 a 6 giocatori, durata 60 minuti, difficoltà medio-bassa, del tutto dipendente dalla lingua. Prezzo 19,50 €

Links di Dario Massa, Red Glove editore, party-game di combinazione di parole e fantasia da 2 a 10 giocatori, durata 40 minuti, difficoltà medio-bassa, del tutto dipendente dalla lingua. Prezzo 16,50 €


Massimo Tonizzo

GIOCHI-AMO, GIOCHI DA TAVOLO E DI RUOLO

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here