11.9 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Giochi di Natale, ecco i primi suggerimenti

HomegiochiGiochi di Natale, ecco i primi suggerimenti
la notizia dopo la pubblicità

Con l’avvicinarsi delle feste di Natale e Capodanno, come fanno i “critici seri” anche noi umili redattori di questa paginetta (grazie a tutti voi, o lettori aumentati da 10 a 12 nell’ultimo mese…) vogliamo consigliarvi alcuni utili prodotti per passare una serata rilassante mentre i nonni tirano fuori le carte, gli zii la tombola e i non-adepti il gioco dell’oca (brr…..).

Per questo primo appuntamento, quindi, ho deciso di concentrare l’attenzione su un marchio più che su un gioco singolo, perché è ormai appurato che qualsiasi cosa esca con la scritta “Red Glove – light and fun” sul lato della scatola non lascerà delusi i giocatori.

Due al prezzo di uno (no, non letteralmente… non chiedetelo così che se no la Grande Capa della Red Glove poi mi fa pagare la differenza) per una serata dedicata alle parole e alle maledizioni.

Vudù per RG è ormai sinonimo di successo sicuro in tutte le forme e le varianti, quindi in pieno spirito natalizio appare più che giusto mescolare invettive , fantasy e follia.

Per tutti i fan dell’originale, a Natale braccia aperte (qualsiasi numero di braccia e occhi gioco vudulhh boxabbiate) per Vudulhu, il gioco di maledizioni folli, in cui verrete catapultati nella classica ambientazione lovecraftiani piena zeppa di Grandi Antichi, tentacoli e giorni di ordinaria follia.

Come nell’originale, dovrete scagliare maledizioni a destra e a manca con l’obiettivo di eliminare fisicamente gli avversari in un torneo di incantesimi dai risvolti decisamente concreti Gli effetti delle maledizioni affliggeranno in modo diretto gli avversari che dovranno saltellare su un piede, giocare con la testa sul tavolo oppure sillabare ogni parola, Ottimo per perdere amici, consiglio di usare anhce (spot! Spot! Spot!) la carta promo inclusa nel numero 1 di “IoGioco” (in tutte le edicole, però se non mi rispondete al curriculum finisce qua…).

Meno cattivo, forse, ma altrettanto divertente il classico gioco di parole Links. Se dico rosso gioco links boxe dolce cosa viene in mente? Ognuno può dire qualcosa di diverso, buffo, semplice o insolito. Qui dovremo trovare la parola che unisce due o più carte caratteristica in ben sette modi diversi a seconda del numero di giocatori, del tempo a disposizione, delle varianti di età e caratteristiche.

In links la base del gioco è creare dei collegamenti fra le carte caratteristica, trovando la parola che può essere “una cosa”, “una persona”, “un animale” con le caratteristiche richieste dalle carte. Ad esempio, utilizzare la parola Pagliaccio per collegare “Divertente” e “Maschile” è corretto, perché l’essere divertente è una sua caratteristica peculiare e associata ad esso per definizione. La parola Pagliaccio è inoltre maschile Ovviamente al mondo esistono delle persone che non trovano divertenti i Pagliacci (io), ma questo non influenza la validità della parola.

Ovvio che se per “divertente” e “maschile” associo “travestirsi” dovrò spiegare bene le mie motivazioni, ed è proprio da questo che nasce spesso il divertimento del gioco.

Consiglio, ovviamente, di provare prima Links e poi Vudulhu: si rischiano di perdere meno amicizie per un pagliaccio che per una partita intera giocata spalle agli altri…

Vudulhu di Marco Valtriani e Francesco Giovo, Red Glove editore, party-game di dadi e maledizioni da 3 a 6 giocatori, durata 60 minuti, difficoltà medio-bassa, del tutto dipendente dalla lingua. Prezzo 19,50 €

Links di Dario Massa, Red Glove editore, party-game di combinazione di parole e fantasia da 2 a 10 giocatori, durata 40 minuti, difficoltà medio-bassa, del tutto dipendente dalla lingua. Prezzo 16,50 €


Massimo Tonizzo

GIOCHI-AMO, GIOCHI DA TAVOLO E DI RUOLO

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Massimo Tonizzo
Giornalista, esperto di giochi, organizzatore di fiere e eventi. E' presente in tutte le più importanti manifestazioni tematiche nazionali ed internazionali da cui invia reportage e recensioni.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

Venezia e flussi turistici, Brugnaro: “Contributo d’accesso e prenotazione con app”.

A Venezia si ritorna a parlare di regolamentazione dei flussi turistici. Lo ha fatto oggi il sindaco Luigi Brugnaro, a proposito del "Contributo di accesso" (il ticket per Venezia). Una 'app', in soldoni, darà le chiavi per entrare sulla base dell'affluenza tipica in...

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

Turisti riducono Piazza San Marco pizzeria a cielo aperto: da oggi non pagherò più le tasse

Il prof. Tamborini denuncia che la Polizia Municipale è intervenuta solo dopo molte insistenze e quando ormai non c'era più niente da rilevare. Oltre al fatto che ormai non viene praticamente sanzionato più nulla (neanche agli abusivi), perchè un cittadino deve...

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...