19.8 C
Venezia
mercoledì 28 Luglio 2021

Giangavino Sulas è morto, ci lascia un giornalista che diceva sempre la verità

HomePersone che se ne vannoGiangavino Sulas è morto, ci lascia un giornalista che diceva sempre la verità

Giangavino Sulas è morto, è spirato nella notte tra il 24 e il 25 giugno 2021
Sulas era una delle voci più apprezzate di Quarto Grado, la seguita trasmissione di Rete 4.
Ultimamente sempre in collegamento e non in studio, il giornalista non mancava di far sentire la sua versione dei fatti senza timore di fare offesa all’obbligo del compromesso.
Ma la sua carriera non era di certo solo questo.

Inviato di punta del settimanale Oggi e spesso ospite in tv, era chiamato come consulente nei casi di cronaca nera. Di origine sarda, ma bergamasco d’adozione, aveva 77 anni e da alcuni giorni era ricoverato all’ospedale Humanitas di Bergamo per l’aggravarsi delle sue condizioni di salute.
Sempre sulla notizia, proprio in ospedale aveva scritto il suo ultimo articolo sul caso di Denise Pipitone.

Giangavino Sulas lascia la moglie e i figli Roberta e Marco.
Da un anno lottava contro un male che alla fine ha prevalso sulla sua enorme forza di volontà.
Da cronista ha attraversato i fatti di cronaca nera di un’epoca, con puntiglio e curiosità: dal delitto di Perugia, fino al caso di Yara Gambirasio.
Senza trascurare la passione per lo sport, per l’Atalanta in primis, spesso con posizioni controcorrente.
A Bergamo Tv era spesso ospite di ‘TuttoAtalanta’, mentre sui casi di cronaca nera, oltre a Quarto Grado di Rete 4, spesso interveniva anche nei programmi di Telelombardia.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.