3.2 C
Venezia
lunedì 06 Dicembre 2021

Germania in ginocchio per il Covid: ora i politici litigano

HomeGermaniaGermania in ginocchio per il Covid: ora i politici litigano
la notizia dopo la pubblicità

In Germania accuse incrociate sul disastro Covid.
Volano gli stracci fra i due governi (quello uscente e quello in via di formazione), fra Stato e Regioni, e un mare di polemiche-

Anche questo sta vivendo una Germania travolta dal Covid, che sta prendendo poco a poco atto del fatto che la crescita esponenziale dei contagi potrà esser forse rallentata ma non davvero stoppata, dal momento che le misure – come stanno facendo presente virologi e medici – sono state adottate troppo tardi.

E dunque potrebbero non bastare: i lockdown locali sono attesi come inevitabili, e c’è chi spinge per un obbligo vaccinale generalizzato.

Il ministro del Lavoro ha annunciato che da mercoledì prossimo ci sarà il Green pass sul posto di lavoro, e su Twitter replica l’esperto salute dei socialdemocratici, Karl Lauterbach: troppo tardi.

Volto noto per le previsioni sempre durissime sull’andamento del virus, Lauterbach ha cinguettato: “Che si possa andare al lavoro solo se testati o vaccinati arriva troppo tardi. Quanto spesso accade che al ristorante tutti sono 3G tranne il cameriere? Assurdo. Anche il rischio dei dipendenti sul posto di lavoro è uno scandalo. Il posto di lavoro non è una zona franca per il virus”.

Lauterbach afferma che i Laender avrebbero avuto tutti gli strumenti per intervenire prima, alla luce delle previsioni divulgate da epidemiologi ed esperti della materia fin dall’estate. E le misure annunciate ieri, la conclusione, “a questo punto non sono sufficienti” per tornare indietro, ha spiegato parlando a NTV.

Anche il presidente dell’istituto Robert Koch, Lothar Wieler, ha fatto presente in conferenza stampa di aver divulgato le stime sullo sviluppo della curva per l’autunno-inverno, in base a diverse quote vaccinali, fin da luglio.

Il dibattito è a dir poco cacofonico, con talk show accesissimi fino a notte fonda. Il Bund accusa i Laender, e i Laender accusano il Bund.

Mentre i partiti si fanno la guerra fra loro. È chiaro che a Berlino il vuoto di poter creato fra la reggenza dell’esecutivo uscente di Angela Merkel e la spinta dei partiti alle prese con il negoziato per il futuro ‘Semaforo’ di Olaf Scholz (Spd, Verdi e liberali) abbia avuto un peso molto rilevante nelle esitazioni delle ultime settimane: la conferenza Stato-Regioni è stata ritardata fino a ieri, per poter stare al passo della nuova legge voluta dal governo che dovrebbe entrare in carica a dicembre.

Un ritardo gravido di conseguenze, ha segnalato chiaramente ieri un’irritatissima Bundeskanzlerin.
Gli errori, però, arrivano anche da più lontano: a partire dai mesi di campagna elettorale, in piena estate, quando nessuno ha più avuto il coraggio e la voglia di parlare del coronavirus, secondo l’accusa più rivolta dai giornalisti tedeschi.

continua a leggere dopo la pubblicità

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Se a tutti i leader mondiali e le varie élite economiche fosse importata la salute prima della ripresa economica non si sarebbe profilata una nuova crisi sanitaria e conseguentemente una economica. Invece no, il vaccino di qua il vaccino di lì, e strumenti concreti in campo socioeconomico (home working,assunzioni, riduzione dell’orario di lavoro, diversificare i turni di riposo,ecc..),oltre a quelli sanitari, ignorati completamente per ritornare alla follia pre covid. Bravi loro e tutti i polli che non vedevano l’ora della “normalità” che chi pagherà il conto sarà chi i 21000 € annui di stipendio sono un miraggio.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott. Dina Sandon è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...