Furti di bagagli a Tessera, preso ladro

ultimo aggiornamento: 05/01/2015 ore 20:39

147

Sono intensificati i servizi di prevenzione dei furti ai danni dei passeggeri presso l’Aeroporto “Marco Polo” nel periodo delle festività natalizie. Dopo i quattro arresti in flagranza del giorno 15.12.2014, un altro ladro è caduto nelle maglie della giustizia il giorno 30 dicembre 2014.

Personale della Squadra di Polizia Giudiziaria dell’Ufficio Polizia di Frontiera raccoglieva la denuncia di furto di un bagaglio da parte di un cittadino italiano. Gli agenti quindi, attraverso le registrazioni delle telecamere del Sistema di Video Sorveglianza, riuscivano a ricostruire la scena del furto e ad individuarne l’autore.

L’uomo è stato immediatamente cercato all’esterno dell’aerostazione di Tessera ed è stato scorto mentre saliva a bordo di un’auto. Si trattava di un taxi, la qual cosa ha fatto supporre agli investigatori che l’autore del furto fosse un cosiddetto “trasfertista”. Immediatamente scattava la segnalazione e la tempestività permetteva al Compartimento Polfer di avvistare il ladro a bordo dell’ES Frecciabianca 9726 diretto a Milano Centrale.


Una volta giunto nel capoluogo meneghino il sospetto veniva bloccato dagli agenti del Compartimento Polizia ferroviaria di Milano, i quali recuperavano l’intera refurtiva ed identificavano lo straniero come: Z.A. , cittadino algerino di anni 36, irregolare nel territorio nazionale e responsabile di analogo reato presso l’aeroporto di Milano Linate.

L’algerino veniva indagato alla competente Autorità Giudiziaria di Venezia per il reato di furto aggravato, mentre oggi è stato possibile restituire la refurtiva al passeggero derubato.

(nelle foto: il momento del furto e il momento della fuga in taxi)


Redazione

[02/01/2014]

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here