Frecciarossa deragliato: lavori in corso di una ditta su quella linea

ultimo aggiornamento: 06/02/2020 ore 11:38

477

frecciarossa deragliato lavori corso 200206

Frecciarossa deragliato all’alba di giovedì 6 febbraio 2020: grande dolore per vittime e feriti ma pareri collaterali concordi: poteva essere una strage. Si ritiene una fortuna che sul convoglio fossero presenti solo una trentina di persone essendo una linea a grande frequentazione.

“Poteva essere una carneficina”: sono state le prime parole all’ANSA del prefetto di Lodi Marcello Cardona.


Il prefetto sta effettuando un sopralluogo in questi minuti sul luogo del deragliamento del Treno Av 9595 avvenuto stamani nel lodigiano.

Il prefetto ha spiegato che la prima motrice si è rovesciata ed ora si trova giacente a circa 30 metri dal resto del treno. La sua corsa si è fermata a ridosso di una palazzina, una struttura delle ferrovie.

La seconda carrozza è piegata sul lato destro mentre il resto del treno è fuori dai binari ma è rimasto in asse sulla sede ferroviaria.


“Alcuni feriti sono stati accolti al Pronto soccorso di Piacenza e Castel San Giovanni. Il 118 di Piacenza e tutte le strutture della Ausl piacentina allertate e pronte a intervenire se richiesto dalle autorità lombarde”. Lo scrive sui social il presidente dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, esprimendo vicinanza ai familiari delle vittime e dei feriti del deragliamento del treno dell’Alta velocità nel Lodigiano. L’incidente è avvenuto a circa 30 chilometri da Piacenza.

Nella fase di ricostruzione dell’accaduto prende consistenza la voce che ci fossero dei lavori di manutenzione in corso sulla linea Alta Velocità nel lodigiano dove è deragliato il treno Frecciarossa.

Secondo quanto si apprende, l’intervento – affidato ad una ditta specializzata da Rfi – era in corso anche nelle ultime ore, proprio nel punto in cui è sviato il treno. Gli investigatori stanno ora verificando se vi sia una connessione tra l’incidente e i lavori stessi.

La Procura della Repubblica di Lodi ha subito aperto un’inchiesta sull’incidente. Sul posto, oltre ai carabinieri e alla polizia con i reparti della Scientifica, è arrivata in questo momento anche la Guardia di Finanza e sta arrivando da Milano il nucleo investigativo dei vigili del fuoco.

“La manutenzione viene fatta costantemente, associare una manutenzione all’evento tragico mi pare assolutamente prematuro”: è quanto ha risposto il prefetto di Lodi Marcello Cardona a chi gli ha chiesto se ci sono stati lavori di manutenzione nella notte lungo la linea dove è deragliato un treno dell’alta velocità.

”C’è il magistrato sul posto e la Procura ha individuato i due tecnici per chiarire le dinamiche del gravissimo incidente. Tutto deve essere valutato, repertato e quindi non sono questioni che si dipanano dopo dieci minuti o dopo un’ora”, ha aggiunto Cardona, spiegando che “sarà un lavoro certosino, già in atto come ho riferito al ministro dell’Interno”.

Il traffico sulla linea AV Milano – Bologna rimane sospeso.

I treni sono istradati su percorso alternativo tra Milano e Piacenza con maggior tempo di percorrenza di 1 ora. Lo rende noto Rete Ferroviaria italiana (Rfi) in questi minuti, la quale fa sapere che è in corso la riprogrammazione dell’offerta commerciale.

Il treno direttamente coinvolto FR 9595/9597 partito da Milano Centrale alle 5:10 sarebbe dovuto arrivare a Salerno alle 11:27.

Sono stati cancellati questi treni: FR 9613 Milano Centrale (8:30) – Roma Termini (11:40): passeggeri con FR 9523 Milano Centrale (9:10) – Napoli Centrale (14:13); FR 9620 Roma Termini (9:20) – Milano Centrale (12:30): passeggeri diretti a Bologna con FR 9308 Napoli Centrale (7:58) – Torino Porta Nuova (14:20) e diretti a Milano con FR 9622 Napoli Centrale (8:25) – Milano Centrale (13:00); FR 9617 Milano Centrale (9:30) – Roma Termini (12:40): passeggeri con FR 9527/9529 Milano Centrale (10:20) – Salerno (16:06); FR 9624 Roma Termini (10:20) – Milano Centrale (13:35): passeggeri con FR 9626 Roma Termini (10:50) – Torino Porta Nuova (15:10).

Sono stati parzialmente cancellati altri quattro treni: FB 8814 Lecce (6:06) – Milano Centrale (15:25): limitato a Bologna Centrale (13:15); FB 8811 Milano Centrale (12:35) – Lecce (21:52): origine da Bologna Centrale (14:42); IC 604 Pescara (7:02) – Milano Centrale (13:37): limitato a Bologna Centrale (11:01); IC 613 Milano Centrale (15:05) – Pescara (22:05): origine da Bologna Centrale (17:58)

“Il bilancio dell’incidente è di due morti e 30 feriti (2 in codice giallo e 28 in codice verde) – riporta l’assessore al Welfare, Giulio Gallera – sul posto sono subito intervenuti con grande tempestività mezzi di soccorso coordinato dall’Azienda Regionale per l’Emergenza Urgenza Areu di Regione Lombardia con due elicotteri attrezzati per il volo notturno provenienti da Brescia e da Como, e con 12 ambulanze alle quali se ne sono aggiunte altre. I due feriti in codice giallo sono stati trasportati a Cremona (in elicottero) e a Lodi. Si sta procedendo a trasportare anche gli altri feriti in codice verde negli ospedali vicini, 18 di questi sono stati evacuati dalla zona dell’incidente”.

Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, assieme all’assessore al Welfare, Giulio Gallera, a nome dell’intera Giunta, in una nota esprimono il cordoglio per le due vittime del deragliamento ferroviario avvenuto questa mattina alle 5.35 all’altezza di Ospedaletto Lodigiano.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here