giovedì 20 Gennaio 2022
3.6 C
Venezia

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

HomeVenezianiFrancesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza.
Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni nel settore turistico, un mondo che negli ultimi tempi le ha riservato soprattutto esperienze negative: inquadramenti al ribasso, straordinari imposti, stipendi saltati.
Trovatasi disoccupata, Francesca risponde all’annuncio di una ditta di pulizie.
La proposta parla di un lavoro part time nelle affittanze turistiche “di livello”: quegli appartamenti cioè “destinati a famiglie che si fermano almeno per una settimana”. Si garantisce, dopo un opportuno periodo di rodaggio, un contratto a tempo indeterminato.

Contro ogni professionalità, il colloquio viene fissato in un bar.
L’incaricata non smette di decantare il valore e l’organizzazione dell’azienda: parla di un’assunzione a termine per i primi tre mesi, ma un contratto sul quale apporre la firma non c’è. “In ufficio hanno avuto da fare, te lo consegneremo domani”.
Francesca si presenta l’indomani nel luogo designato, notando come la realtà sia ben diversa da come le era stata dipinta. “Un centinaio di appartamenti dislocati nei vari sestieri – racconta – la maggior parte dei quali con una permanenza media di una/due notti. Per far fronte a ciò, una dozzina di pulitrici, quasi tutte straniere”.
Del contratto ancora nessuna traccia: “siamo stati impegnati, te lo facciamo avere domani”.
Passano i giorni, i turni proseguono ben oltre l’orario pattuito: “era normale trattenersi due, tre ore in più – denuncia Francesca – il personale era insufficiente per la mole di lavoro che avevamo da gestire. Inoltre, essendo l’unica residente nel Centro Storico, ricevevo chiamate fuori turno anche in orario serale per commissioni e vari aggiustamenti. Non mi era più possibile gestire la mia vita personale: avrei dovuto essere sempre reperibile”.
Il contratto, intanto, non arriva, portando Francesca alla paradossale situazione di non conoscere le condizioni per le quali stesse lavorando. Dalla direzione giunge poi un’ulteriore beffa: “visto l’elevato numero di prenotazioni, non sarà più garantito alcun giorno di riposo”.

Dopo due settimane di ininterrotto lavoro, ecco però una lettera di proposta di assunzione.
“Notai subito che qualcosa non tornava: non si applicava il CCNL di settore ma un documento alternativo, siglato da associazioni e sindacati che non avevo mai sentito. Mi dissero che ormai lavoravo per loro e che avrei dovuto firmare, ma temporeggiai. Rispetto alle tabelle ufficiali, avrei percepito 120 euro in meno, senza quattordicesima e con una maggiorazione di 50 centesimi nel caso di straordinari e festivi.”
Si era imbattuta in uno di quelli che CGIL, CISL e UIL definiscono “contratti pirata”, non riconosciuti dall’Ispettorato del Lavoro, dall’INPS, dall’Inail e dei quali si è parlato nell’articolo precedente a cui rimandiamo in apertura.
Reduce da esperienze passate, Francesca compie un’ulteriore ricerca: è qui che scopre come l’azienda sia legata ad un gruppo del sud-Italia il cui presidente è accusato di non soddisfare le retribuzioni. E’ lo stesso nome che si trova in calce al contratto.

sponsor

 

Una consultazione con le colleghe rivela inoltre che gli straordinari non figurano in busta paga: “Le ragazze ipotizzavano l’esistenza di un monte-ore che prima o poi sarebbe stato elargito, ma di fatto questa sicurezza non c’era. In verità regnava un’atmosfera di timore: avevano tutte bisogno di lavorare. C’era chi non parlava italiano, chi aveva figli, chi temeva per il proprio permesso di soggiorno.”
Francesca si rifiuta di firmare, ma per l’azienda non è possibile. Rassegnando le dimissioni, inoltre, perderebbe l’indennità di disoccupazione. “Ho dovuto rivolgermi ad un sindacalista, calandomi in una grana burocratica che mi ha portato via tempo e salute. Fortunatamente tutto poi si è risolto.”

“Mi meraviglia – conclude Francesca -che qualcuno continui ad associare l’attuale turismo al benessere e ai posti di lavoro: si parla di appartamenti per 7/8 persone che in piena stagione vengono affittati a 150/170 euro a notte, 20 euro a testa. E per mantenere questi prezzi si assume al ribasso, con ritmi massacranti e l’obbligo di garantire la propria disponibilità 24 ore su 24, 7 giorni su 7.”

Altre testimonianze come quella di Francesca ci sarebbero da raccontare: lavoratori con esperienza anche pluriennale che, di fronte a questo turismo, si trovano accomunati dal medesimo, drastico calo delle condizioni di vita.

Venezia richiama ogni anno 27/28 milioni di turisti, ma siamo ancora sicuri che “quantità” equivalga sempre a “qualità”?

Nino Baldan

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Nino Baldan
Nino Baldan è laureato in tecniche artistiche e dello spettacolo. Blogger e autore, è profondo conoscitore delle realtà storiche veneziane.

13 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Mi sembra che certe persone giustifichino lo sfruttamento dei lavoratori/trici o perlomeno siano rassegnati ad accettare tutto in nome del lavoro, non é una equazione bisogno di lavorare = sfruttamento non bisogna giustificare un ladro evasore e sfruttatori solo perché tra virgolette fa lavorare degli esseri umani bse fossimo i un paese civile li prenderebbero e li sbatterebbero in galera, ma in questo paese dove bisognerebbe cambiare il primo articolo della costituzione con L’Italia é una repubblica basata sulla corruzione. Abbiamo una classe politica che pensa solo ai propri privilegi e a riempirsi le tasche non gliene frega niente delle persone che in teoria dovrebbero rappresentare basta vedere lo schifo che hanno fatto con le pensioni in mezz’ora si sono votati una legge per cui non é necessario finire la legislatura per avere la pensione a vita ció vuol dire che anche quelli che verranno tagliati grazie al referendum popolare avranno la loro bella pensione mentre un operaio deve lavorare fino a 67 anni per avere una pensione da fame e quello che fa più schifo é che nel momento in cui si sono votati questa nefandezza erano tutti d’accordo non c’era destra sinistra rossi verdi o gialli e i sindacati zitti servirli ai loro padroni siamo un paese allo sfascio morale e politico e nessuno dice niente

  2. credo che i politici e i sindacati con questi contratti abbiamo peggiorato le condizioni dei giovani.
    E’ vergognoso per l’Italia e per noi italiani.

  3. Sono pienamente d’accordo con Francesca, a Firenze forse è anche peggio, però se non ci fossero i turisti cosa farebbero tutte le Francesca?

    • Se non ci fossero i turisti ci sarebbero almeno 105.000 veneziani in più, e le varie Francesca farebbero quello che hanno fatto come lavoro tutti i veneziani per secoli: insegnanti, commesse in negozi di vicinato (non certo di multinazionali che assumono solo stagisti a lavorare gratis…), impiegate, operaie, stiratrici, sarte, medici, commercialiste, collaboratrici domestiche, e anche pulizie (non certo in cooperative di sfruttamento) per 105.000 abitanti in più… Vi siete mai chiesti come fanno a vivere le varie Francesca in tutte le altre città d’Italia dove non c’è il turismo, e dove magari si comprano pure la casa che costa al massimo terzo rispetto a Venezia? Per quanto il lavoro col turismo paghi, quanto si dovrebbe guadagnare in più per comprare una casa da 80 metri che qui costa 480.000 euro, mentre da altre parti la si trova a 160.000?Almeno tre volte tanto…!
      Conoscete allora qualche albergo di Venezia che paghi gli addetti alle pulizie 3.000 euro al mese invece di 1.000 o meno?
      Spero il concetto ora sia chiaro e utile a sfatare il falso mito del turismo.
      La matematica non è un’opinione…

      Prof. Fabio Mozzatto – Veneziano D.O.C.

      • Grazie prof. Mozzatto, sono sante parole. Purtroppo non si vedono sui giornali né si sentono nel Consiglio Comunale.

  4. Nessuno ha obbligato la signora.
    Ci sono più lavoratori in regola oggi che negli anni fine 70 e inizio 80 quando ho cominciato io.
    Venivamo assunti anche per lunghi periodi in nero. Ci dicevano che era il periodo di prova.
    Qui in Italia c’è il gusto di polemizzare su tutto. Mi auguro che non arrivino più turisti così poi non ci sarà più nemmeno la possibilità di fare pulizie.

    • Complimenti per la deprecabile risposta. Se lei ha subito (da codarda) ingiusti trattamenti, si plaude invece a chi come questa signora denunciano dimostrando di avere più dignità!

  5. Mi manca un dato: la paga.
    Per tutto ciò cosa riconoscono al lavoratore sfruttato?
    Chiedono disponibilità h24 per 4 noccioline o a fronte di una paga in nero conveniente per tutti?
    si offrono di monetizzare la disponibilità extraordinaria o chiedono di rinunciare ai diritti dei lavoratori per grazie ricevuta?

  6. Caro Nino, mi meraviglio che la signora sia così ingenua da non capire subito l’andazzo,ma abbia aspettato 15 giorni per fare quello che doveva fare dal primo giorno, sapeva benissimo cosa fare,lo dimostra il fatto che se si fosse licenziata ( non è una sprovveduta ) avrebbe perso il diritto alla NASPI,che a questo punto percepirà per almeno 12 mesi.
    Nessuno ha puntato una pistola alla tempia della signora,ha scelto di rispondere ad una richiesta di lavoro che poteva rifiutare da subito.
    Mi dispiace sono fuori dal coro,che ci siano tanti disonesti è una sacrosanta verità,basta leggere i nomi di chi ieri a patteggiato dai 10 mesi in giù per evasione fiscale milionaria,e sono tutte persone che godono della stima dei veneziani,e forse sarebbe il caso di scrivere qualche articolo su di loro,ma alla fine offrono centinaia se non almeno mille posti di lavoro che in poche parole se chiudessero bottega salterebbero,lasciando tutte le famiglie in mezzo alla strada.Cosa vogliamo fare ? buttiamo via il bambino con l’acqua sporca o cerchiamo la soluzione ?
    Le auguro una buona giornata

      • Gentile Ida,
        il problema credo sia:
        la concorrenza si basa sul risparmio, e il risparmio finisce spesso con lo sfruttamento dei lavoratori. lo vediamo in tutti i settori e nella globalizzazione.
        Il settore turistico, nonostante a Venezia non soffra affatto, nemmeno in termini di concorrenza (visti i 30 milioni di turisti annui), purtroppo si distingue per l’avidità senza etica né morale, che toglie anche la dignità alle persone.
        I ricchi imprenditori del turismo spesso non hanno più né nobiltà né morale, e usano ancora la formula, “o così, o quella è la porta”…cose da schiavisti del medioevo!

        L’imprenditore benestante, nobile, rispettabile, si comporta invece molto diversamente, tentando sempre di instaurare un rapporto di fiducia, collaborazione ed appagatezza reciproca, anche economica, col suo dipendente.
        Questo distingue i nobili,che vorremmo vedere sempre di più, dagli arricchiti.
        A Venezia pare rimangano sempre più solo questi ultimi…

        Il salario minimo garantito sarebbe già qualcosa, ma servono controlli seri (magari senza preavviso…): forse sarebbe utile un numero verde per segnalazioni in pieno anonimato.

        Queste cose però le dovrebbe farle anche il Comune con un protocollo d’intesa con Inps, Agenzia delle Entrate ed Ispettorato del Lavoro, nonché il Governo, più che i cittadini.
        Comuque tutti possono contribuire, se vogliono risolvere il problema che non è solo a Venezia, purtroppo.

        Sarò lieto di vedere, anche dai cittadini, proposte concrete e risolutive, e la ricchezza del turismo distribuita in modo equo tra tutti.

        Cordiali saluti.
        Prof. Fabio Mozzatto

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Capodanno 2022 a Venezia e divieti: feste private con balli fino al mattino

“La serata continuerà fino alle 4:00”, “festa open bar dopocena”, “Dj set dance, revival, house”: con questi e altri slogan vengono pubblicizzati i vari party di Capodanno in programma nei palazzi e negli hotel di Venezia. Nonostante la “stretta” del Governo che...

Salvi abitanti delle isole: possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base

"Salvi", si fa per dire, gli abitanti delle isole: è possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base fino al 10 febbraio. E' tutt'ora considerata un'eccezione, quindi il nuovo documento parla dei soli motivi di salute e di studio, ma è sicuramente...

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".

Cognato circuisce ragazzina di 12 anni con regali e ne approfitta sessualmente, Tribunale di Venezia: niente patteggiamento

Ha abusato sessualmente di una ragazzina di 12 anni. Il responsabile è il cognato che di anni ne aveva ben più di trenta. Ne ha abusato ripetutamente ammaliandola con regali e regalini per confonderla. Finché la scuola si è accorta che...

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

Turisti riducono Piazza San Marco pizzeria a cielo aperto: da oggi non pagherò più le tasse

Il prof. Tamborini denuncia che la Polizia Municipale è intervenuta solo dopo molte insistenze e quando ormai non c'era più niente da rilevare. Oltre al fatto che ormai non viene praticamente sanzionato più nulla (neanche agli abusivi), perchè un cittadino deve...

Polmonite Bilaterale da Covid, ricoverata in rianimazione. Ha sette mesi

A sette mesi ha il Covid ed è ricoverata in rianimazione. Alla piccola viene assicurata la migliore assistenza possibile, per questo è stata trasferita dalla Calabria a Roma. La piccola ha soli sette mesi ed è ricoverata in terapia intensiva perché contagiata...

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all'Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio In base alle risultanze d'indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l'aggressore...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione