23.3 C
Venezia
lunedì 20 Settembre 2021

La Festa della Mamma in Rsa: teneri ricordi alla Residenza Venezia di Marghera

HomeFesta della MammaLa Festa della Mamma in Rsa: teneri ricordi alla Residenza Venezia di Marghera

“La nostra vacanza al mare. Te ne ricordi, mamma?” Sono teneri ricordi quelli che arrivano alla Residenza Venezia del Gruppo Orpea Italia per sorprendere e regalare un sorriso alle mamme residenti in struttura.

Negli scorsi giorni figli, figlie e parenti delle ospiti sono stati invitati dalla direzione a far recapitare nell’RSA di Marghera, in occasione del weekend del 9 maggio, un oggetto, un simbolo, un ricordo che racconti il legame con la propria mamma. Qualcosa di personale e condiviso che riporti alla memoria un tempo passato, un momento famigliare felice, un attimo di dolcezza.

E così, nel giorno della loro festa, le mamme di Residenza Venezia riceveranno in dono un’emozione che scalda il cuore: c’è chi scarterà un libro, quello che leggeva ai suoi bimbi, ormai cresciuti, per farli addormentare; chi potrà sfoggiare la collana di perle che indossava la domenica a messa per essere elegante; chi avrà sul comodino una pianta fiorita, perché la passione per i fiori e il giardinaggio sono un’eredità che ha saputo trasmettere a figli e nipotini e chi riceverà una foto di sé stessa a poco più di 20 anni, giovane madre coraggiosa, premurosa, insostituibile…

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Un’esperienza orribile quella vissuta da mio padre, nei suoi ultimi giorni di vita. In una struttura che è solo fumo negli occhi, con un’assistenza sanitaria risibile (ha avuto il triste primato del numero di ospiti contagiati per COVID-19), personale raccogliticcio e impreparato. Ho dovuto accorgermi io che mio padre stava morendo, mentre gli OSS continuavano imperterriti a portargli da mangiare e nessuno si sognò di prepararci al triste evento. Son solo capaci di scimmiottare una sorta di accoglienza alberghiera e di mettere in campo queste stucchevoli iniziative estemporanee: la quotidianità è fatta di giovani infermieri che si arrabattano a fare quello che possono, medici presenti solo poche ore la settimana e una buona parte di personale ausiliario insensibile e inadeguato.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor