domenica 23 Gennaio 2022
4.9 C
Venezia

Ex Scuola Gramsci di Favaro all’associazione Assoarma

HomeComune di VeneziaEx Scuola Gramsci di Favaro all'associazione Assoarma

Ex Scuola Gramsci di Favaro all'associazione Assoarma

La Giunta concede ad Assoarma l’ex scuola Gramsci di Favaro. La vicesindaco Colle: “Un centro aperto a tutti e contraddistinto dall’impegno sociale e dal volontariato”.

La Giunta comunale, riunitasi ieri a Ca’ Collalto a Mestre, ha approvato la delibera che concede ad Assoarma – Associazione permanente delle Associazioni d’arma, per tre anni, gli spazi dell’immobile comunale “ex scuola Gramsci” in via Cristoforo Sabbadino 7, per lo svolgimento delle loro attività statutarie.

“E’ con grande soddisfazione che il sindaco Luigi Brugnaro e tutta la Giunta hanno approvato questa delibera – commenta la vicesindaco e assessore al Riordino del patrimonio Luciana Colle – E’ un segnale di attenzione ad Assoarma, che rappresenta e sostiene, presso gli organi istituzionali, le istanze e le esigenze dell’associazionismo militare. Grazie al loro impegno non solo vengono mantenuti i rapporti con le Autorità militari e viene garantita la difesa dei valori delle tradizioni delle Forze Armate, ma si mantengono vivi i naturali legami fra Paese e Forze Armate anche nel ricordo della memoria dei Caduti in nome dell’Italia.

Con questa decisione – continua la vicesindaco – si stabilisce quindi che ad Assoarma vengano concessi, a titolo oneroso, gli spazi presso l”ex scuola Gramsci’, dove troveranno spazio per le loro attività statutarie l’Istituto Nastro Azzurro di Mestre, l’Associazione nazionale del Fante di Mestre, l’Associazione nazionale Marinai d’Italia, l’Associazione nazionale Arma di Cavalleria di Mestre, l’Associazione nazionale Bersaglieri di Mestre, l’Associazione nazionale Artiglieri, l’Associazione nazionale Paracadutisti d’Italia di Mestre, l’Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia di Venezia e, in un prossimo futuro, anche l’Associazione Arma Aeronautica. L’edificio diventerà così un luogo di attività destinate non solamente agli iscritti alle diverse associazioni ma anche a quanti vorranno condividere con loro i preziosi ideali che da sempre contraddistinguono il loro operato: dall’impegno sociale e umanitario al volontariato e al servizio di difesa e protezione civile. Un importante segnale non solo per Favaro Veneto ma per tutta la Città di Venezia”.

Soddisfazione viene espressa dal presidente di Assoarma Mestre, Tenente di Vascello Furio Zuliani, congiuntamente a Raimondo Canu, presidente Istituto Nastro Azzurro di Mestre, Nicola Sautariello, presidente Associazione Nazionale del Fante di Mestre, Roberto Martinelli, presidente Associazione Nazionale Marinai d’Italia di Mestre, Gianni De Lena, presidente Associazione Nazionale Arma di Cavalleria di Mestre, Roberto Gasparet, presidente Associazione Nazionale Bersaglieri di Mestre, Guido Cavezzali, presidente Associazione Nazionale Artiglieri, Andrea Juris, presidente Associazione Nazionale Paracadutisti d’Italia di Mestre e Alessandro Cuk, presidente Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia di Venezia: “Con grande piacere ed entusiasmo abbiamo accolto la decisione della Giunta di assegnarci una sede consona alle nostre aspettative – commentano – Questa soluzione, che ci auspichiamo sia definitiva, ci darà la possibilità di ricompattarci ma soprattutto di rilanciare l’importanza delle associazioni d’Arma sul territorio, avendo a disposizione una struttura in grado di ospitare in modo più articolato attività per i nostri soci ma soprattutto per farci conoscere dalla cittadinanza e dalle scuole con proiezioni, conferenze, mostre, ed altro. La nostra presenza sul territorio – continuano – non sarà solamente in concomitanza delle festività nazionali e locali in piazza Ferretto, ma cercheremo di approfondire i temi della storia della nostra Patria, di quanto le Forze Armate operino sul suolo nazionale ed internazionale in tempo di pace a favore di chi è colpito da calamità, da centro informativo per eventuali arruolamenti. Insomma, sarà un centro vivo a disposizione della Città. Un grande grazie – concludono – va quindi al sindaco Luigi Brugnaro e alla vice Luciana Colle, che ci ha sempre personalmente sostenuto ed incoraggiato, oltre che a tutta l’Amministrazione comunale”.

Assoarma, infine, si è impegnata a provvedere alla pulizia, apertura e chiusura dei locali, alla manutenzione e cura del verde dell’area scoperta, degli scarichi dell’acqua piovana nello scoperto pertinenziale e il ripristino del piazzale antistante l’ingresso, oltre che a svolgere l’incarico di referente unico per l’intero complesso, nel caso di eventuali problematiche che dovessero sorgere con le altre associazioni presenti nell’ex scuola.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

“Venezia ‘Non è ecologica’, si può tranquillamente morire di smog”. Di Michele De Col (*)

Ancora una volta Venezia viene estromessa da qualunque provvedimento contro lo smog : natanti e navi possono continuare ad inquinare nonostante i valori ambientali siano spesso peggiori della terraferma! Chi tutela la salute di veneziani e ospiti in centro storico? Nessuno !

“Ma è normale che il marinaio Actv abbandoni una borsa trovata a bordo in un pontile deserto?”. Lettere

Mi piacerebbe capire se il seguente comportamento è normale: fatto avvenuto la sera del 12 dicembre, a bordo del motoscafo linea 4.1 delle ore 20,16 circa, partenza piazzale Roma, direzione Murano. Alla stazione una coppia scende e dimentica una borsa che il marinaio...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...

“Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Lettere

In risposta alla lettera “Venezia è ingorda di denaro. Sarebbe l’ora di un progetto sostenibile”. Mi si spezza il cuore ogni volta che vado a Venezia. La mia città dove sono nata e cresciuta e che amo profondamente. Vivo in terraferma da...

Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv

Laddove non si convince, si scatena la creatività e il far da sé. Barche private, iniziative dovunque, social scatenati, soprattutto tra chi vive nelle isole e deve recarsi al lavoro o accompagnare i figli a scuola: ognuno si organizza a modo...