22.8 C
Venezia
venerdì 30 Luglio 2021

Ex Ospedale al Mare: le proposte di Italia Nostra alternative al Resort

Homeex Ospedale Al Mare Lido VeneziaEx Ospedale al Mare: le proposte di Italia Nostra alternative al Resort

Riqualificare non distruggere!
Italia nostra ha accolto a gennaio con soddisfazione l’Ordinanza del Tar del Veneto, in merito al ricorso contro l’autorizzazione della Commissione regionale per il patrimonio culturale del Veneto alla demolizione di cinque padiglioni vincolati dell’ex Ospedale al mare.
I giudici, dichiarando che «le questioni prospettate necessitano approfondimento» hanno rimandato il giudizio di merito al primo trimestre 2022; la decisione ha concesso il tempo per riaprire il “dibattito pubblico” sulle possibili alternative rispetto a quelle prospettate dai proprietari –CDPI- che vedono nella distruzione di una parte consistente del complesso il presupposto necessario e indispensabile per una riconversione al turismo d’elite dell’ex Ospedale, orientandosi unicamente verso l’ennesima struttura ricettiva.

Le bonifiche sono state ultimate e questo dovrebbe preludere, una volta approvata in consiglio comunale la variante urbanistica, alla demolizione dei padiglioni storici.
Il progetto di CDPI con seducenti rendering, annuncia edifici multipiano connotati dall’impeccabile stile dei resort di lusso che, realizzati sul sedime dei padiglioni demoliti, di fatto occuperanno tutto il fronte a mare, conquistando uno degli ultimi varchi che i vincoli erano riusciti a sottrarre alla fame dell’economia turistica.
Nel frattempo tuttavia, il tempo guadagnato ha riaperto la discussione.
Possono infatti essere valutate altre destinazioni, anche miste, considerate le diverse esigenze sanitarie emerse dalla pandemia, dal bisogno di salute e benessere e dalla crisi della monocoltura turistica. Le proposte non mancano.

Tra queste il progetto, che l’architetto Manoni insieme agli altri progettisti ha costruito fin dai tempi della prima ipotesi di riconversione a scopo turistico ricettivo di Est Capital, parte dall’esistente, esalta il valore di unitarietà del complesso, valorizza la caratteristica modularità dei padiglioni per diversificare le funzioni sulla base di un’analisi delle tipologie costruttive, attribuendo loro la funzione più adatta e compatibile senza snaturarne la struttura.
Le funzioni individuate sono molteplici ma tutte in continuità con la vocazione naturale e storica del luogo che, situato a pochi passi dalla spiaggia e immerso in un contesto naturale di grande interesse ambientale, si propone di dedicare spazi al termalismo e alle terapie del benessere ma anche all’assistenza e alla cura degli anziani, centri di riabilitazione, padiglioni destinati a foresteria e a servizi, con spazi dedicati allo sport e al tempo libero e, soprattutto, lasciando il presidio ospedaliero nel Monoblocco.
Tali scelte richiederanno posti di lavoro qualificati e stabili che i progettisti quantificano per ciascuna delle 5 funzioni, delineando uno scenario occupazionale alternativo al turismo.

Il progetto andrà sicuramente dettagliato dal punto di vista progettuale e vagliato nei suoi aspetti economici e gestionali ma ha già il merito di portare avanti un’idea culturale forte di riqualificazione che parte dal rispetto delle preesistenze e intercetta le richieste della collettività che ha diritto alla salute e al riconoscimento del valore identitario dei luoghi che sono ancora vivi e operanti nella memoria delle vecchie generazioni e nelle prospettive future delle nuove.

Proprio queste ultime hanno infatti dichiarato, reclamando una visione finalmente lungimirante, la priorità della conservazione dei servizi sanitari, della tutela dell’ambiente rinaturalizzato della spiaggia antistante e delle opportunità lavorative differenziate ma, soprattutto, della condivisione e della fruizione di beni comuni, espressione più genuina della vitalità della nostra città.

Il Consiglio Direttivo di Italia Nostra Venezia

» leggi anche: “Lido di Venezia: Club Med all’ex Ospedale Al Mare. Partita l’operazione. La storia dell’OAM

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. La Polonia, con i fondi europei, ha creato e sta creando strutture ospedaliere per accogliere degenti dal resto d’Europa, in particolare Germania . Anche l’Ospedale al Mare sarebbe potuto diventare un ospedale internazionale, a servizio anche degli abitanti del Lido, creando un indotto turistico sanitario su un arco di tempo annuale e non più solo stagionale .
    Analoga conversione potrebbe essere pensata anche per l’Ospedale Civile di Venezia .

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.