venerdì 28 Gennaio 2022
5.6 C
Venezia

“Echi di pensieri” la raccolta poetica di Diana Tamantini

HomeLibri“Echi di pensieri” la raccolta poetica di Diana Tamantini

In un’epoca in cui l’immagine è al centro di ogni tentativo di comunicazione, Diana Tamantini, attraverso pennellate di parole, crea atmosfere degne di un film di Tim Burton e attimi che sembrano illustrati da Benjamin Lacombe. L’autrice presenta un’emozionante raccolta di poesie esistenzialiste: fragili, sofferenti, spietate.

«Strade spoglie, senz’anima/i miei passi rumorosi/Potrei ballare, in mezzo al nulla/ma chi ha voglia di ballare».

“Echi di pensieri” di Diana Tamantini è un’intensa raccolta poetica in cui si dipinge un ritratto dell’autrice dai colori evanescenti, e in cui le sue emozioni e le sue riflessioni ci giungono da lontano, echeggianti, eppure sorprendentemente incisive.
Sono poesie feroci, nostalgiche e disincantate, che parlano della difficoltà di comprendersi e di comunicare; le liriche diventano quindi un’occasione di catarsi, per togliersi quel peso dallo stomaco, per sventolare come una bandiera bianca la propria anima ferita.

La poetessa, quasi senza pelle, cerca di raccontarsi nella sua unicità, sperando che qualcuno la ascolti; a volte ella chiede proprio a sé stessa di ascoltarsi, come accade nella poesia “Altra me”: «O forse sono sempre io/forse scrivo a me stessa/cerco risposte diverse/altri significati ai miei perché».

La tematica del doppio è molto presente nelle sue liriche, perché Diana a volte non si riconosce in sé stessa e cerca risposte; in altre occasioni, invece, emerge forte la sensazione che ella non si senta compresa dagli altri, come afferma nella poesia “La voce muta”: «Non serve dire nulla/a chi non ascolta/apro la bocca/e la mia voce è muta».

Lo smarrimento, la solitudine e l’incomunicabilità diventano quindi il cuore dell’opera, e anche la morte è un tema frequentato, declinato in diverse sfaccettature, come nella poesia “Il senso del ricordo”, la più lunga della raccolta e tra le più travagliate: «Il ricordo/fantasma del passato/corpo che facciamo rivivere/la fine della luce di una candela […] Il ricordo è morto/il ricordo è incolore/spirito errante e inquieto/un libro che si chiude».

Diana Tamantini presenta una generosa selezione di poesie introspettive e immaginifiche, in cui si dipingono quadri vividi dove non solo lei ma anche noi lettori diveniamo figure centrali; vi sono anche amare liriche sulla nostra attualità, sulla paura e l’ansia che ci attanagliano, noi prigionieri in libertà vigilata – «Un aiuto/un appiglio per uscirne/dove/dove trovarlo?».

SINOSSI DELL’OPERA
“Echi di pensieri” è una raccolta di quasi cinquanta poesie che catapultano il lettore nell’io più profondo dell’autrice, lo fanno navigare in balia delle onde nel mare dei sogni in una giornata di burrasca, lo rendono partecipe delle fragilità dell’uomo, dei timori che – soprattutto ultimamente – hanno provato tutti, delle paure della scrittrice. Perché se è vero – come disse Moravia – che «lo scrittore narra gli altri, il poeta narra sé stesso».

BIOGRAFIA DELL’AUTRICE
Diana Tamantini nasce a Castelfranco Veneto, in provincia di Treviso, nel 1989. Studi scientifici e umanistici alle spalle, collabora da anni con un giornale sportivo online. Scrivere poesie è uno dei suoi hobby da quando era giovanissima. “Echi di pensieri” è la sua prima pubblicazione.

Casa Editrice: Kimerik
Collana: Karme
Genere: Raccolta di poesie
Pagine: 64
Prezzo: 15,00 €

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Niente vaporetti senza GP: “La situazione qui a Burano è tragica”. Lettere

Con riferimento all'articolo "Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv", riceviamo e pubblichiamo. La situazione nell’isola di Burano è tragica!! Una parte degli isolani è letteralmente sequestrata in isola. Non è possibile fare un tampone...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore

“Venezia ‘Non è ecologica’, si può tranquillamente morire di smog”. Di Michele De Col (*)

Ancora una volta Venezia viene estromessa da qualunque provvedimento contro lo smog : natanti e navi possono continuare ad inquinare nonostante i valori ambientali siano spesso peggiori della terraferma! Chi tutela la salute di veneziani e ospiti in centro storico? Nessuno !

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

“Mi sono trovata visitatori alle spalle in casa mia! Io grido e loro: ‘Ma non è tutto Biennale?’ “

L'articolo che avete pubblicato ieri sui turisti per la Biennale alla Celestia contiene un grande fondo di verità. Dopo averlo letto mi sono decisa a scrivervi per raccontarvi un fatto che mi è appena accaduto. Abito in una laterale di via Garibaldi,...