20.1 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Ebola fa paura: il Veneto moltiplica ordinanze anti clandestini

HomeNotizie VenetoEbola fa paura: il Veneto moltiplica ordinanze anti clandestini

Ebola fa paura: il Veneto moltiplica ordinanze anti clandestini

Ebola fa paura, nonostante si sia attenuato il ritmo delle segnalazioni di nuovi contagi, il virus fa sentire minacciati.
Per questo diversi sindaci, dopo Massimo Bitonci, si apprestano a seguire la linea dell’amministratore leghista della città di Padova che prevede il divieto di dimora ai profughi senza certificato medico.

A ruota di Bitonci si colloca Gianluca Forcolin, ex deputato e primo cittadino di Musile di Piave.
E’ atteso per lunedì pomeriggio l’arrivo in Giunta della sua ordinanza mira a non accettare sul territorio «tutti coloro privi di documento di identità». In caso di fermo, per loro ci sarà l’obbligo di sottoporsi a controllo medico «per accertarne le condizioni sanitarie, soprattutto in relazione all’eventuale presenza di malattie infettive».

Dopo Musile di Piave si accodano il sindaco di Cittadella e il sindaco di San Giorgio in Bosco.

Ebola fa paura, anche per il motivo che pare porre le figure dei sanitari ad ‘alto rischio’.
L’Usl 20 di Verona, ad esempio, ha reagito inoltrando una circolare a tutti i medici di famiglia. Nello scritto si raccomanda che nel caso qualcuno si dovesse presentare con sintomi paragonabili a quelli di Ebola (febbre alta, vomito e cefalea) venga effettuato «il colloquio mantenendosi alla distanza di almeno un metro evitando di toccare il paziente».

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.