20 C
Venezia
martedì 27 Luglio 2021

Droga ordinata sui social, poi arrivava col corriere a Mestre

Homespaccio di drogaDroga ordinata sui social, poi arrivava col corriere a Mestre

Droga ordinata sui social: veneziano scoperto e denunciato dai Carabinieri.
Tutto è emerso con un’operazione antidroga dei Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Mestre, che hanno denunciato in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti un 30enne veneziano, insospettabile, domiciliato in pieno centro a Mestre.
L’operazione è stata sviluppata dai militari e lo spacciatore è stato individuato grazie ad un’attività di monitoraggio delle transazioni elettroniche e dei social network.
Nel caso specifico il commercio si basava su una nota applicazione di messaggistica, dalla quale si è sviluppata l’opera di ricognizione informativa e controllo svolta sul territorio.
La scoperta è stata che lo stupefacente arrivava con la posta dei corrieri espressi di turno.
Gli investigatori, grazie ad approfonditi accertamenti, avevano acquisito notizie su un soggetto insospettabile del posto, che si occupava di ordinare in chat le sostanze stupefacenti, facendoselo arrivare comodamente a casa tramite corriere.
Quando i Carabinieri appostati hanno notato che un pacco era in consegna presso l’abitazione dell’uomo, in piena zona residenziale di Mestre,

sono entrati in azione.
Scattato il controllo, i militari hanno fermato l’uomo non appena ricevuto il pacco, qualificandosi così velocemente da non permettere alcuna azione elusiva.
Lo spacciatore, ormai certo di essere caduto nella trappola ben congegnata, consentiva l’accesso all’appartamento senza resistenze, dove il contenuto del pacco veniva esaminato: 100 grammi di Hashish.
Le modalità di confezionamento dello stupefacente, proveniente dalla Spagna, e la sua qualità fanno pensare ad un commercio in grande stile.
L’italiano veniva quindi denunciato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, con il sequestro dello stupefacente.
Le indagini continuano per accertare la capacità operativa del micro-nucleo di spaccio e sulla portata del portafoglio clienti, nonché sulle possibili estensioni ad altri spacciatori al dettaglio.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.