Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
13.2C
Venezia
mercoledì 03 Marzo 2021
Homepesca abusivaDoppio blitz della polizia ittico venatoria: salvate 10 tartarughe e una trentina di carpe

Doppio blitz della polizia ittico venatoria: salvate 10 tartarughe e una trentina di carpe

Doppio blitz contro il fenomeno del bracconaggio da parte della polizia ittico venatoria per la vigilanza ambientale della Città metropolitana. Gli agenti sono intervenuti domenica 14 febbraio e lunedì mattina, 15 febbraio, per sventare un duplice episodio di bracconaggio in località Cittanova nel Comune di San Donà di Piave, lungo il ramo del canale Brian dove sono stati scoperti 350 metri di reti da pesca destinati a raccogliere carpe e siluri e nella quale sono rimaste incastrate anche delle tartarughe.

Il blitz è scattato grazie anche a una segnalazione del consigliere metropolitano Costante Marigonda che ha subito informato la polizia ittico venatoria. Gli agenti, in base anche alle indicazioni della Fipsas (Federazione italiana pesca sportiva e attività subacquee), hanno individuato un primo punto in cui erano presenti delle reti abusive calate nell’acqua ed hanno deciso di predisporre un appostamento in attesa che qualcuno le recuperasse.

Sul posto, sempre domenica sera, poco prima delle 20, si è fermata un’auto con targa dell’Est europeo da cui è sceso un uomo con una torcia che ha solamente controllato che le reti fossero ancora in acqua, per poi risalire e andarsene. La rete, alta circa 2 metri e lunga 100 metri, aveva già imbrigliato una decina di testuggini autoctone che sono state liberate, e alcune carpe oltre a un esemplare di siluro di circa 30 chili.

Questa mattina gli agenti della Città metropolitana si sono nuovamente recati in località Cittanova dove hanno individuato una seconda rete calata in acqua: in questo caso lunga 250 metri e che aveva imbrigliato 25 carpe e 7 siluri. Le tartarughe e le carpe sono state rilasciate in acqua mentre i siluri dovranno essere smaltiti perché animali che danneggiano l’ecosistema del Brian. Quest’ultimo particolare tipo di pesce, secondo le indagini degli agenti, potrebbe venir pescato abusivamente per alimentare una sorta di mercato nero gestito proprio da cittadini stranieri dell’est europeo.

La targa dell’auto notata domenica sera vicino al Brian è stata comunque segnalata ai carabinieri di San Donà. Da parte degli agenti metropolitani proseguirà il monitoraggio dei canali e fiumi dove possono verificarsi casi simili.

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.