domenica 23 Gennaio 2022
4.9 C
Venezia

Donne ammazzate dagli uomini: nel 2021 tanti drammi che alla fine diventano statistiche

HomeViolenza contro le donneDonne ammazzate dagli uomini: nel 2021 tanti drammi che alla fine diventano statistiche

Donne ammazzate dagli uomini, quando tutto diventa numeri e statistiche : 116 nell’anno 2021.
Perché gli uomini uccidono le donne? Che cosa proviamo nel leggere, che quest’anno sono 116 le donne ammazzate e ben 12mila, a fine settembre, le richieste di aiuto al 1522 (numero verde antiviolenza).
L’Istat segnala che questo fenomeno è aumentato nel periodo lockdown, così come si sono acuiti i maltrattamenti, stalking e violenza sessuale.

Fa riflettere e preoccupare il dato che rileva la diminuzione dei crimini in generale negli ultimi due anni e l’aumento invece delle violenze perpetrate sulle donne.
“I dati – spiega l’Istat – evidenziano che le misure restrittive alla mobilità, adottate per il contenimento della pandemia, hanno amplificato nelle donne la paura per la propria incolumità. Nei primi nove mesi del 2020 si è osservato, infatti, un aumento delle segnalazioni di violenza in cui la vittima si è sentita in pericolo di vita per sé o per i propri cari (3.583 contro 2.663 nel 2019). Al contrario, la riduzione delle restrizioni negli stessi mesi del 2021 ha portato a una diminuzione delle segnalazioni di violenza in cui la vittima percepiva pericolo imminente (2.457 nel 2021) ”. “L’allentamento delle misure restrittive per la pandemia ha avuto anche un effetto selettivo sulle violenze segnalate al 1522. Infatti, sono diminuite, rispetto allo stesso periodo del 2020, le segnalazioni per violenze subite da partner (da 58,6 a 53,4%) e aumentate quelle subite da ex-partner e da altri familiari o altri autori esterni alla famiglia”.

La ricerca segnala che nella stragrande maggioranza dei casi, gli assassini sono i mariti o ex compagni delle donne uccise. E che, molto spesso, le donne vengono uccise quando decidono di separarsi, o mesi dopo averlo fatto.
Ma allora, esiste una sorta di “identikit” del femminicida? Si tratta di uomini che rispondono a uno stesso profilo psicologico e comportamentale? Si può riconoscere un potenziale maltrattatore (capace anche di uccidere) in tempo per salvarsene?

Isabella Merzagora, professoressa di Criminologia presso la Sezione di Medicina Legale dell’Università di Milano e Presidente della Società italiana di Criminologia, ha scritto:
“Una donna uccisa quasi ogni giorno. Ma spostiamo la visuale e guardiamo dall’altra parte: quasi ogni giorno un uomo uccide una donna. Viene da pensare che sia divenuto un gesto imitativo, un modello da seguire, orrendamente, assurdamente, forse inconsapevolmente, ma che, tuttavia, si è imposto nell’immaginario, nel ventaglio di comportamenti e reazioni.
Nel momento della fragilità, della crisi, della necessità di riprogrammarsi, bisogna fare la fatica di trovare una soluzione, una via di uscita. Questa scelta costa. C’è bisogno di silenzio, pena, sofferenza. Che cosa fare? Quello che hanno fatto tanti, che ogni giorno viene ripetuto dai media, che è visto di continuo in televisione. È un gesto che s’insinua nella testa, e nel momento del bisogno emerge automatico, l’hanno fatto altri. È come se ci fosse una strada maestra di risposta che azzera l’infinità di scelte a disposizione dell’umano per risolvere un dramma personale”.

Perché dopo un femminicidio si parla di ‘morte annunciata? Certo, quegli uomini che ammazzano le donne hanno alle spalle una pratica violenta, tengono armi in casa, hanno coltivato una confidenza con il linguaggio dell’offesa che non s’inventa da un giorno all’altro. È una pratica che come dicono gli psicanalisti nasce da una violenza subita e assorbita nella relazione con gli altri.

In termini di motivazioni, Isabella Merzagora ha elaborato delle tipologie.” Pochissimi di questi soggetti hanno commesso il reato a causa di malattia mentale. Le ragioni che ricorrono più spesso, e che a volte sono mescolate tra loro, sono altre. Innanzitutto l’adesione a una sottocultura di discriminazione di genere: si tratta di soggetti che ritengono di dover avere il possesso della donna e il controllo assoluto nella coppia. E poi c’è la dipendenza, l’impossibilità di riuscire a stare senza la partner”.

La zona d’ombra, quella che più preoccupa i centri antiviolenza e gli esperti in materia, è fatta di silenzi, smarrimenti, minacce, di denunce rinviate perché troppe donne sono vinte dalla paura, donne che subiscono e che non sempre chiedono aiuto. E nemmeno i familiari che vivono la brutalità dell’abuso riescono a superare la paura. In un vicolo cieco si muove la disperazione, spesso i figli assistono impotenti alle violenze fisiche e psicologiche, fino a macerarsi, a crearsi alibi a catena, che troppo spesso si finiscono nel modo peggiore.

L’emancipazione femminile? Riguarda quella della società, della pratica del rispetto, più che delle parole. Sempre si richiama all’educazione, alla potenzialità del linguaggio, alla trasmissione di una civiltà possibile, che tuttavia, riguardo la Donna, l’uguaglianza, ha una sua storia che risale all’antichità:
“Quasi tutti i popoli antichi ritenevano che la donna dovesse essere completamente soggetta all’uomo: la famiglia di tipo patriarcale infatti caratterizzava la società presso i persiani, i greci e i romani.
Ad Atene, in Grecia, la donna era considerata un essere inferiore e la sua libertà era molto limitata. Le leggi la definivano incapace di fare testamento e soggetto alla tutela del padre o del marito.
Il grande scrittore greco di tragedie, Euripide, considerato uno dei più grandi poeti del mondo, affermava che la donna fosse il “peggiore dei mali”.

Per Platone, uno dei massimi filosofi greci, non c’era posto per la donna nella buona organizzazione sociale.
Aristotele, un altro dei più grandi filosofi, affermava che essa fosse per natura “ difettosa e incompleta”.
Il grande matematico e filosofo Pitagora affermava che la donna fosse stata creata “ dal principio cattivo che generò il caos e le tenebre”.

A Roma la condizione della donna non era di certo migliore. Poiché ella era considerata per sua natura irresponsabile, era condannata a vivere in uno stato di perpetua minorità. Inoltre l’infedeltà della donna era considerata come un delitto che il marito oltraggiato poteva punire con la morte”. (Fonte Studenti.it)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Il Mose funziona ma a Venezia si perdono ‘barene’

Nella Laguna di Venezia l'apporto di sedimenti, che permette alle barene (terre semi emerse con sedimenti spugnosi) di tenere il passo con l'innalzamento del livello del mare, avviene prevalentemente durante eventi dell'acqua alta. Se da un lato l'utilizzo del sistema Mose...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

“So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Lettere

In risposta alla letterea: "Go fato ben a andar via (da Venezia) chea volta e no me dispiaxe proprio”. So venexian de aqua... nato nei anni cinquanta... abito in campagna a Mestre... sì, Mestre per i venexiani... se campagna... anca Mian e...

Quando la città è troppo affollata di visitatori: “Venezia la si vuole piena di turisti”. Lettere

In risposta alla lettera: "A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani". Venezia la si vuole piena di turisti !!! Questo e’ il business. Dai ragazzi, guardatevi negli occhi. Io a Venezia ci vivo da non Veneziano: le...

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

Venezia e flussi turistici, Brugnaro: “Contributo d’accesso e prenotazione con app”.

A Venezia si ritorna a parlare di regolamentazione dei flussi turistici. Lo ha fatto oggi il sindaco Luigi Brugnaro, a proposito del "Contributo di accesso" (il ticket per Venezia). Una 'app', in soldoni, darà le chiavi per entrare sulla base dell'affluenza tipica in...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 16 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente conosci i nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del mattino. 365...

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...