5.7 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Donald Trump presenta dazi sulla Cina, Borse a picco

HomeBorsaDonald Trump presenta dazi sulla Cina, Borse a picco
la notizia dopo la pubblicità

Donald Trump presenta dazi sulla Cina, Borse a picco

Donald Trump non demorde sulla sua politica economica
I nuovi dazi sulla Cina scatteranno venerdi’ alla mezzanotte dopo il passo indietro di Pechino
sull’accordo raggiunto.

Trump avrebbe già dato mandato ai suoi funzionari di preparare le disposizioni da far pubblicare.

Il rappresentante Usa al Commercio, Robert Lighthizer, e il segretario al Tesoro Steven Mnuchin, hanno già confermato la decisione.

Si preannunciano quindi nuove sedute di passione alle Borse che, gia’ solo per questa minaccia di Trump su Twitter, sono affondate.

Le Borse sono raggelate dai timori di una guerra commerciale a tutto campo fra le due superpotenze mondiali. Una battaglia che rischia di soffocare la già debole ripresa economica globale e innescare una recessione.

Nonostante i dazi le trattative pero’ proseguono: la delegazione cinese e’ attesa a Washington come previsto nei prossimi giorni per il nuovo round di trattative, quello che avrebbe dovuto suggellare la storica intesa entro la fine della settimana.

Ora invece entro la fine della settimana, e precisamente venerdi’, scatteranno i rialzi dei dazi dal 10% al 25% su 200 miliardi di Made in China. Per la Cina al tavolo delle trattative e’ atteso – spiega Lighthizer – anche il vice premier Liu He. Una presenza che rappresenta un segnale positivo che mostra la volonta’ di cercare di sbloccare l’impasse.

Le trattative hanno subito una brusca battuta d’arresto durante il fine settimana quando e’ apparso chiaro, mette in evidenza Mnuchin, che Pechino voleva rivedere il linguaggio dell’accordo con modifiche in grado di cambiarlo profondamente.

Gli Stati Uniti, aggiunge Mnuchin, non vogliono rinegoziare gli impegni presi in precedenza considerato anche che il 90% dell’accordo era orami finalizzato.

Secondo indiscrezioni, il nodo riguarderebbe le obiezioni sollevate dai negoziatori di Pechino a qualsiasi accordo commerciale e concessione che richiedesse una modifica delle leggi cinesi, come chiesto dagli Stati Uniti.

La strada indicata dal Dragone sarebbe quella di atti e provvedimenti amministrativi, in contraddizione agli impegni precedenti. Da qui l’impasse e la minaccia di dazi di Trump, che ha messo all’angolo il presidente cinese.

Xi Jinping è consapevole che un accordo commerciale con gli Stati Uniti è cruciale per la ripresa economica della Cina, che ha bisogno di una spinta: una guerra con Washington – secondo le stime degli economisti – si tradurrebbe in una riduzione della crescita cinese fra gli 1,6 e i 2 punti percentuali in 12 mesi.

Dall’altra parte però Xi sa anche di non poter cedere e mostrarsi debole di fronte agli attacchi del tycoon: farlo significherebbe complicare la sua posizione politica.

La reazione dei mercati alle minacce di Trump e’ stata violenta soprattutto in Cina, dove il presidente americano e’ stato bollato dagli investitori come ‘Thanos’, il cattivo di Avenger che vuole spazzare via il mercato cinese.

Un ‘cattivo’ che ha fatto crollare la borsa di Shanghai del 5,58%. In rosso anche le borse del Vecchio Continente, con Milano maglia nera d’Europa che cede l’1,63%. Francoforte arretra dell’1,01%, Parigi dell’1,18%.

E’ andata meglio ai listini americani: Wall Street ha aperto in forte calo, per poi pero’ chiudere con perdite contenuto sotto lo 0,50%.

Nelle ultime settimane l’ottimismo su un accordo commerciale a portata di mano aveva spinto i listini e rassicurato gli investitori, convinti che un’intesa tra Washington e Pechino potesse spingere la ripresa globale e spazzare via i timori di una recessione.

Comunque, le speranze per un accordo a breve restano, nonostante l’imprevedibilità di Trump, che potrebbe impuntarsi e portare ad una guerra commerciale che non avrebbe alcun vincitore.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Niente vaporetti senza GP: “La situazione qui a Burano è tragica”. Lettere

Con riferimento all'articolo "Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv", riceviamo e pubblichiamo. La situazione nell’isola di Burano è tragica!! Una parte degli isolani è letteralmente sequestrata in isola. Non è possibile fare un tampone...

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...