1.2 C
Venezia
giovedì 21 Gennaio 2021

Domenica delle Palme, il patriarca di Francesco Moraglia: “Tutto è grazia. Vivere bene questa anomalia”

Home Patriarcato di Venezia Domenica delle Palme, il patriarca di Francesco Moraglia: "Tutto è grazia. Vivere bene questa anomalia"
sponsor

Patriarca Francesco Moraglia celebra messa Palme in Basilica di San Marco
Domenica delle Palme, il patriarca di Venezia, monsignor Francesco Moraglia, questa mattina ha celebrato la messa nella Basilica di San Marco e ha annunciato l’apertura della Settimana Santa, che precede la Pasqua.

sponsor

Il patriarca, nella sua omelia, ha dato ai fedeli un messaggio di gioia e speranza con le parole “Tutto è grazia”, riferendosi a questa Pasqua particolare, al tempo da trascorrere a casa in questa emergenza sanitaria da Coronavirus, ai momenti di riflessione per ogni persona.

commercial

L’Omelia:

Cari fratelli e sorelle,

iniziamo la Settimana Santa, una Settimana Santa inedita, anomala e la prima cosa che vogliamo dire al Signore con tutto il cuore è: tutto è grazia! Vivere bene questa anomalia, questa Settimana Santa inusuale dicendo “Signore, tutto è Grazia”.

Questo tempo di pandemia può essere un modo di ripensare il nostro essere uomini e donne del nostro tempo, soprattutto il nostro modo di essere discepoli e discepole del Signore.

Sì tutto, tutto, tutto è grazia! Un punto deve essere per noi chiaro cari fratelli e sorelle, la vita cristiana per noi inizia a Pasqua. Nella Risurrezione di Gesù nel Suo vero corpo: è veramente risorto.

Oggi noi iniziamo la settimana più santa dell’anno, i giorni più santi dell’anno, oggi noi iniziamo a disporci per celebrare degnamente la Santa Pasqua.

Pasqua, per il cristiano, non è una celebrazione, un giorno da onorare con qualche rito o devozione fine a se stessi, non sono sufficienti neppure una veloce confessione o comunione. No: celebrare la Pasqua è vivere la realtà determinante della nostra fede, è fare nostro l’esodo salvifico, fare esodo con Gesù.

L’evento salvifico offertoci dal Padre, perché la Pasqua è un dono, nella persona umana e divina di Gesù Cristo.

Tutto questo la liturgia ce lo fa vivere attraverso l’azione potente dello Spirito Santo: Pasqua è oggi.

Venerdì, nell’azione liturgica dell’adorazione della Croce, ci soffermeremo sulla narrazione del Passio, che abbiamo ascoltato oggi nella versione di Matteo.

Oggi con voi desidero fermarmi brevemente, invece, su quella parte della liturgia che abbiamo dovuto omettere: l’ingresso di Gesù in Gerusalemme. Credo che sia il modo più giusto per entrare in questa che, dicevo, è la settimana che contiene i giorni fondamentali della vita cristiana.

Gesù entra nella città che per l’ebreo non era solo la capitale dello Stato: Gesù entra in quella città che è molto di più di quello che per un francese è Parigi, per uno spagnolo è Madrid, per un inglese è Londra. Gerusalemme, possiamo dire, anzi dobbiamo dire, per l’ebreo era una realtà teologica, tanto che i salmi, la preghiera cara al pio israelita, conoscevano i “Salmi dell’Ascensione”, quelle preghiere che si cantavano quando si saliva e si entrava nella città di Gerusalemme, che è posta a 800 metri sul livello del mare.

Salendo, sulle strade che vi conducono, i pellegrini cantavano “Quale gioia quando andremo alla casa del Signore e ora, Signore, i nostri piedi si fermano alle tue porte Gerusalemme” (Salmo 122). Gerusalemme è la città di Dio. E Gesù entra a Gerusalemme come re, nella città che era la gioia di Dio.

La città dove Davide vi aveva portato l’arca, la città dove Salomone vi aveva costruito il tempio, qui entra Gesù di Nazareth della stirpe regale di Davide, Figlio di Dio. E Gesù ne prende possesso, di questa città. E vi sarà incoronato e il suo trono sarà la Croce.

Venerdì parleremo della Croce: la questione seria del cristiano in ogni epoca e in ogni tempo è la croce.

Ecco la celebrazione di oggi: cari amici e amiche, il cristiano e la sua comunità, la chiesa, sono chiamati a seguire Gesù, pensando che tutto questo nel battesimo diventa realtà e dimensione umana, diventa realtà teologica nel rispetto della laicità: noi dobbiamo entrare nelle nostre città in questo modo. E dovremo entrarci nei prossimi mesi perché ce lo chiede la dignità dell’uomo, l’impegno nei confronti dell’uomo.

Dio non voglia che si aprano dei mesi di crisi sociale, non voglio dire di fame.

L’ingresso di Gesù a Gerusalemme sottintende anche il nostro ingresso, questo è celebrare la Pasqua.

Gerusalemme è la città che accoglie e che respinge Gesù. Non a caso i testi escatologici confondono la caduta del mondo con la caduta di Gerusalemme: Gerusalemme è, non dimentichiamolo, la città su cui Gesù ha pianto vedendo in essa l’intera umanità. “Quante volte ho tentato di radunare i tuoi figli come una chioccia fa con i suoi pulcini, ma tu non hai voluto”.

Infine Gerusalemme è la città della Resurrezione.
Gesù risorge a Gerusalemme: dove gli uomini hanno detto “no” a Gesù che è il Vangelo di Dio, Dio dice il suo “Sì!” risorgendolo da morte. Dio dice l’ultima parola. Abbiamo ascoltato nella lettura del Passio che l’ultima parola degli uomini è “Crocifiggilo” mentre l’ultima parola di Dio…. “è davvero risorto”.

Gerusalemme è la città che ci dice cosa è la storia, cosa è la teologia della storia, che cosa è il mondo, che cosa è Dio e ce lo dice nell’umanità di Gesù Cristo. La città, Gerusalemme, dove Dio si dona all’uomo e dove l’uomo è chiamato a dire il suo sì a Dio. Ma di questo ne parleremo nel tempo pasquale: la discesa dello Spirito Santo avviene a Gerusalemme.

Cari amici e care amiche, desidero ringraziare ancora una volta Antenna 3, desidero ringraziare Reteveneta e anche Gente Veneta, ma soprattutto le due emittenti, perché ci consentono di poter celebrare in questo tempo triste di pandemia i misteri della Settimana Santa.

Ci vedremo giovedì alle ore 21 per celebrare la Messa nella Cena del Signore. Poi Venerdì alle ore 16 per l’adorazione della Santa Croce, sabato alle 21 per la Veglia madre di tutte le Veglie, infine domenica 10 alle ore 10 avremo la gioia di proclamare nell’Eucaristia che il Signore è veramente risorto.

Ricordo anche che oggi è la Giornata Mondiale della Gioventù che si celebra a livello diocesano: il discorso del Papa ha un passo ed un titolo che affido ai nostri giovani, sui quali conto per creare un futuro nuovo nella Chiesa e nella società: “Giovane dico a te, alzati!”. Buona Settimana Santa a tutti.

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Venezia rialza la testa: si girano tre film

Venezia rialza la testa, al via le produzioni cinematografiche in città. Ciak, si gira. La laguna vuota e semideserta diventa un...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando...

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo. Ultima ora

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo domani. La norma è contenuta nella bozza del nuovo Dpcm. Via libera a crociere navi italiane. Le...

Mestre, sabato ore 18: centinaia per lo spritz senza mascherina [video]. Lettere

Mestre, sabato sera: poche ore fa. Il video parla da solo. La segnalazione del lettore questa volta produce le prove incontrovertibili di come (alcuni) giovani se...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...
commercial

Coronavirus a Venezia arretra. Addio a madre e figlio di Cavallino-Treporti

Coronavirus a Venezia che mostra un arretramento, come un'onda di marea che si ritrae, sperando definitivamente. 135 nuovi casi in 24 ore: un numero significativo,...

Accumulatore scomparso, lo trovano morto sotto metri di abbigliamento

Accumulatore scomparso da giorni, i pompieri lo trovano morto sotto alcuni metri di abbigliamento. Oggi pomeriggio, venerdì 15 gennaio 2021, i vigili del fuoco sono...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

È morta Gina Smerghetto, la mamma del falconiere Ivan Busso

È morta ieri, venerdì 15 gennaio, Gina Smerghetto di 65 anni. È scomparsa poco prima della celebrazione del funerale del figlio Ivan Busso, il...

Donna dimessa a piedi dal pronto soccorso di notte (poi morta), Lihard: verificare responsabilità

Il Movimento per la difesa della Sanità Pubblica Veneziana è venuto a conoscenza della dolorosa trafila, conclusasi tragicamente, di una signora colta da malore...

Venezia deserta per il Covid, ecco Rialto di domenica [VIDEO]

Venezia deserta per il Covid, con un video vi mostriamo la zona di Rialto oggi pomeriggio, domenica 17 gennaio 2021. Sono immagini tristi e nel...
sponsor

La Milano bene trema: abusi su modelle minorenni, tre manager della moda in manette

Abusi su modelle minorenni, una vittima, "eravamo carne da macello". Anche clienti facoltosi tra gli "incontri". La più giovane è del 2004, ha solo 17...

Venezia surreale per il covid. La basilica di San Marco diventa “faro”

Di Giorgia Pradolin E' un meraviglioso set a luci spente Piazza San Marco. Vuota e immersa nel silenzio, tranne l'eco di qualche passo sui masegni,...

Baby Gang in tram, Sambo: “Dov’è finito il piano educativo?”. Lettere

Baby Gang in tram. (Riceviamo e pubblichiamo). Ieri è andato in scena l'ennesimo episodio di violenza ad opera di adolescenti. Gli adulti, in particolare quegli adulti che...

Operazione ‘Onda Lunga’: alberghi e appartamenti a Venezia con traffici dei ‘Permessi di Soggiorno’

Operazione 'Onda Lunga' della Divisione Anticrimine della Questura di Venezia: sequestri per oltre un milione di euro. Nella mattinata di oggi si è infatti svolta...

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Pfizer: “Incidenti in linea con previsioni”

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Di più: la definizione testuale dice: "La Norvegia registra 23 morti 'legate alla vaccinazione' ". L'agenzia del...

Multe e denunce dopo le verifiche alle oltre 10.000 autocertificazioni in aeroporto a Venezia

Multe e denunce penali dopo che gli agenti hanno svolto le opportune verifiche alle oltre 10.000 autocertificazioni all'aeroporto Marco Polo di Venezia, e sono...
commercial

Mestre: all’esame di guida manda l’amico, tanto è nigeriano come lui

Mestre: all'esame di guida manda l'amico. Così un terzo si è sostituito al connazionale per sostenere l’esame teorico di guida. Ma è andata male...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

La morte di Daiana, 28 anni, mentre cammina in Strada Nova, sconvolge Venezia

La morte di Daiana, 28 anni, ha sconvolto la città. Già quando si riferiva di un improvviso malore per la giovane donna, mentre si...

Quando finisce il Grande Fratello VIP? La conferma di Signorini

Dopo un primo allungamento all'8 febbraio e le successive voci che parlavano di "finale il 15 febbraio", nell'ultima puntata di GF VIP Party Alfonso...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.