5.9 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Diana, la vita segreta di Lady D. Quando ci si spoglia dalla regalità e si rimane donna

HomeCinema: news e recensioni di Sara PrianDiana, la vita segreta di Lady D. Quando ci si spoglia dalla regalità e si rimane donna
la notizia dopo la pubblicità

diana, il film

“Una giovane leonessa” così viene chiamata dalla nonna del suo amato Hasnat la dolce ed indimenticabile Lady D. Ed è una donna ostinata, forte e coraggiosa quella che il regista Oliver Hirschbiegel ci porta sullo schermo, una versione inedita, segreta appunto, che a molti potrà non piacere.

La storia prende piede dopo la separazione di Diana (Naomi Watts) dal Principe Carlo, nel momento in cui incontra un cardiochirurgo pakistano, Hasnat Kahn (Naveen Andrews), di cui si innamora follemente. La storia dei due prosegue tra alti e bassi, ma per la principessa del Galles è una relazione seria, il vero amore della sua vita, tanto che Dodi Al Fayed diventò solamente un pretesto per far ingelosire il medico.

C’è un elemento in questa pellicola che si presenta contemporaneamente come qualcosa di negativo, dato che stiamo parlando di un biopic, ma anche positivo perché permette di isolarsi da tutte le critiche sul fatto che la storia sia più o meno reale. Sto parlando dell’interpretazione di Naomi Watts. La sua recitazione, poco convincente anche questa volta, fa dimenticare che sullo schermo stiamo vedendo la storia di Lady D e ci permette, invece, di considerare la pellicola come una rom-com-drama ed esentarci da qualsiasi critica sui fatti mostrati.

La protagonista diventa quindi una donna, amata da molti, ma che si sente sola, insicura, ma allo stesso tempo testarda , che vive di contraddizioni e istinto. Il taglio che Hirschbiegel dà alla pellicola permette di portare la principessa ad un livello alla pari del suo popolo, permette al pubblico di provare empatia con le sue tribolazioni amorose.

Quello che interessa al regista non è raccontare una storia che sanno già tutti, non è interessato a parlare della principessa che voleva cambiare il mondo, ma qui si vuole parlare di una donna che voleva cambiare per sempre la sua di vita, trasferirsi, allontanarsi da un protocollo che la stava soffocando e che si è spinta, forse, troppo al limite.

“Diana” non è da considerarsi un biopic, ed entrare in sala con questa convinzione può finire per rovinare la pellicola, ma una storia d’amore come molte che vediamo sullo schermo, con pochi elementi originali probabilmente, con una sceneggiatura che ha volte dà l’impressione di girare troppo su se stessa, ma che mette in risalto la psicologia femminile e il cuore del gentil sesso (a volte, però, troppo enfatizzato da una recitazione a tratti forzata della Watts).

Con tutti i suoi difetti e tutte le critiche ed estrapolandolo dal contesto biografico che può piacere o non piacere, l’opera di Oliver Hirschbiegel è, quindi, un film discreto che si lascia guardare con piacere, stupore e tenerezza, in bilico tra la commedia e il dramma.

Sara Prian

[04/10/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...

“Venezia ‘Non è ecologica’, si può tranquillamente morire di smog”. Di Michele De Col (*)

Ancora una volta Venezia viene estromessa da qualunque provvedimento contro lo smog : natanti e navi possono continuare ad inquinare nonostante i valori ambientali siano spesso peggiori della terraferma! Chi tutela la salute di veneziani e ospiti in centro storico? Nessuno !

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.