7 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Covid, Rt nazionale sceso a 1

Homeandamento pandemiaCovid, Rt nazionale sceso a 1
la notizia dopo la pubblicità

Covid, Rt nazionale sceso a 1, parla Giovanni Sebastiani (Cnr): Rt a 1 però varianti del 40% più letali. Per questo è necessario “Continuare con misure di contenimento e accelerare con le vaccinazioni”.
L’indice di contagio Rt a livello nazionale è sceso a 1, il valore “critico per l’andamento espansivo o meno dell’epidemia”, mentre rispetto ad ottobre è aumentata del 40% la letalità delle varianti del virus SarsCoV2 in circolazione in Italia.
Questo è quanto indicato dalle analisi del matematico Giovanni Sebastiani, dell’Istituto per le Applicazioni del Calcolo ‘Mauro Picone’ del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr-Iac), che sta anche analizzando i dati della campagna vaccinale.

Il valore dell’indice Rt si è abbassato, secondo il calcolo aggiornato al 10 marzo, e risulta inferiore a quello del 3 marzo, grazie “alle misure restrittive di fine febbraio-inizio marzo”, rileva l’esperto. “La notizia è positiva, ma bisogna continuare con le misure allo scopo di ridurre ulteriormente la circolazione del virus per mettere in atto nel modo più veloce ed efficace possibile la campagna di vaccinazione di massa”, osserva Sebastiani. Inoltre “dall’analisi della curva di incidenza dei positivi ai test molecolari e di quella dei decessi relative alla fase di espansione corrente e a quella di ottobre 2020, risulta che la letalità media delle varianti che circolano al momento nel nostro Paese sia circa il 40% più alta rispetto a quelle di ottobre”.

Analizzando le due curve attraverso un modello matematico che mette in relazione i valori della prima e quelli della seconda dopo un certo intervallo di tempo” e “dai valori numerici stimati dai dati per questo legame quantitativo risulta che la letalità delle varianti che circolano nel nostro Paese nella fase espansiva corrente è superiore al 40% di quella relativa alle varianti che circolavano in Italia nella fase espansiva di ottobre”. Dal momento che lo studio “si riferisce in entrambi i casi ai test molecolari, e dato che è ragionevole assumere che ora siamo in grado di individuare una percentuale più alta dei casi positivi effettivi rispetto a ottobre, il valore del 40% – conclude Sebastiani – è verosimilmente una sottostima del valore reale”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi
spot

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...
Advertisements

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.