martedì 18 Gennaio 2022
12.3 C
Venezia

Covid, come sta diventando il Capodanno

HomefesteggiamentiCovid, come sta diventando il Capodanno

Covid: ecco cosa si prevede per Capodanno sulla base dell’andamento ad oggi.
Concerti in piazza a numero chiuso per Capodanno nelle città italiane, alcune delle quali restano in forse o rinunciano già persino all’evento.
Super Green pass obbligatorio per i veglioni nei locali.
Ma anche a casa, in occasione dei cenoni delle feste natalizie, restano i timori per la continua risalita dei contagi in possibile correlazione con l’aumento dei contatti tra le persone.

Su quest’ultimo tema non si può ancora escludere che una serie di riflessioni e raccomandazioni possano arrivare nei prossimi giorni o su quelli a ridosso del Natale.
Tutto dipenderà ancora dalla curva epidemica. In queste ore un primo appello è stato lanciato dalla direttrice dell’Agenzia europea per la prevenzione ed il controllo delle malattie (Ecdc), Andrea Ammon, che in una sessione pubblica del Consiglio Salute Ue avverte: “Siamo in una situazione molto grave con alti livelli di trasmissibilità del Covid. Il prossimo periodo festivo, in cui i contatti tra gruppi di persone aumentano, può peggiorare le cose. Con l’espansione ulteriore che attendiamo dalla variante Omicron la situazione potrebbe passare veramente di male in peggio, perciò occorre prendere altre misure di prevenzione, in parallelo ad un’espansione della vaccinazione”.

Le città si stanno già organizzando per fronteggiare in sicurezza i rischi anche all’aperto. Anche se è necessario esibire il Green pass ai mercatini, la stretta arriverà pure per i grandi eventi e concerti all’aperto in occasione del festeggiamenti natalizi: è ormai certo che tutti i Comuni cercheranno di organizzare iniziative solo dove si potrà controllare e limitare il numeri di accessi ed evitare assembramenti.
Ma in alcune città il contingentamento, le mascherine e l’esclusiva partecipazione con posti a sedere non basta.

A Torino il sindaco, Stefano Lo Russo, ha annunciato la rinuncia al Capodanno in piazza. “Non possiamo consentire assembramenti – spiega il primo cittadino – questo è il primo degli obblighi che abbiamo, garantire la salute dei nostri cittadini e cittadine. Ovviamente non possiamo neanche non festeggiare il capodanno. Dentro questo stretti paletti cercheremo di muoverci e di farlo al meglio possibile”.

Il sindaco partenopeo, Gaetano Manfredi, sullo stesso tema aggiunge: “A Napoli valuteremo giorno per giorno l’andamento della pandemia. Siamo in una fase molto delicata: in bilico tra una propagazione del virus e la capacità di contenerlo”.

Le incertezze non cambiano tra le mura domestiche. Con l’80% di italiani vaccinati, questo Natale non sarà certo come quello del 2020, quando furono fissate per decreto alcune regole da rispettare durante questo periodo e con il limite di due adulti non conviventi da poter invitare a casa.
Ma le esortazioni alla prudenza arrivano lo stesso (per il momento dagli esperti e non con nuove norme) anche per questo fine 2021, per questo il possesso del certificato verde potrebbe essere una garanzia in più che anche tra i singoli cittadini che decidono di riunirsi in casa e al chiuso.

“Siamo messi meglio dell’anno scorso, ma non abbastanza bene da poter pensare di trascorrere un Natale senza limitazioni. Meglio qualche limitazione che qualche ospedalizzazione in più”, sostiene l’infettivologo Massimo Galli, per il quale “un abbraccio con una persona che non ha una copertura vaccinale è da evitare”.

La voglia di festeggiare, uscire e brindare c’è, ma tra certificato verde rafforzato e nuove regioni verso il giallo, cresce l’incertezza per veglioni o cene fuori casa e di sicuro nei locali, dove sarà rispettato un numero massimo sulla presenza di persone, servirà avere il Super Green pass: soprattutto, per i non vaccini saranno feste più austere.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Vaporetti Actv Venezia: torna la Linea 2 fino a Lido

Actv implementa più corse: Linea 2 adesso arriva fino a Lido e ci sono corse supplementari 5.1 2 5.2.

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...

A Venezia barche solidali (e molti taxi) contro l’obbligo di GP a bordo

A Venezia le barche solidali trasportano gli isolani che non possono salire sui mezzi pubblici. “Aiutiamoci”, e una barca solidale parte dalla Palanca alla Giudecca e attraversa il Canale. Il porto sono le Zattere e i viaggiatori sono persone non vaccinate...

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Venezia: arriveranno un nuovo Ferry boat e due battelli ibridi

La Giunta Comunale, riunitasi oggi, ha approvato la convenzione tra il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili ed il Comune di Venezia avente ad oggetto la “Regolamentazione dei rapporti relativi al finanziamento per incentivare la salvaguardia ambientale e la prevenzione...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...