7.4 C
Venezia
mercoledì 01 Dicembre 2021

Covid e lockdown cambiano la vita: più alcol e più sedentari

HomeSaluteCovid e lockdown cambiano la vita: più alcol e più sedentari
la notizia dopo la pubblicità

Covid e lockdown cambiano la vita: i sospetti percepiti da semplici intuizioni confermati da uno studio scientifico.
E’ ora certo che mesi di pandemia hanno cambiato gli stili di vita sia sul fronte pratico che emotivo, come si intuiva.
Il numero di sedentari tra gli ultra65enni cresce e la quota di donne che fa un consumo moderato di alcol, mentre quasi un italiano su quattro (il 23% degli adulti) dichiara di aver vissuto la pandemia in modo emotivamente doloroso.
Persone che hanno avuto esperienze diretta a causa di lutti in famiglia o fra amici cari soprattutto, o perché hanno subito perdite economiche.
E’ tutto contenuto nell’ultimo aggiornamento dei dati delle sorveglianze Passi e Passi d’Argento realizzati dalle Aziende Sanitarie Locali (Asl), in collaborazione con le Regioni e coordinati a livello nazionale dall’Istituto Superiore di Sanità e pubblicati nel Rapporto “Passi e Passi d’Argento e la pandemia Covid-19”.
I dati sono il risultato di due nuove domande del modulo Covid, adottato per il campione di interviste realizzate fra agosto e dicembre 2020.
Il 23% degli adulti ha dichiarato di aver ripensato, negli ultimi 30 giorni, all’esperienza vissuta e legata alla pandemia in maniera dolorosa, ovvero il ‘pensiero intrusivo’, risultato più frequente fra le donne, fra le persone più mature, fra i più svantaggiati, per difficoltà economica o per bassa istruzione e fra i residenti del Centro-Sud.
Ma anche fra chi ha sintomi di depressione o ha una salute compromessa ed è affetto da almeno una patologia cronica, oltre che per chi ha vissuto in maniera diretta la pandemia.
Il pensiero intrusivo tra gli ultra65enni è riferito dal 34% degli intervistati.
In riferimento agli stili di vita, se fra gli adulti si riduce la quota di sedentari, perché aumenta l’attività fisica nel tempo libero, tra gli anziani, al contrario, si registra un aumento significativo della quota di sedentari nel periodo pandemico rispetto agli stessi mesi del 2019, che sale dal 40% del 2019 al 43% nel 2020.
E per il consumo di alcol nella popolazione ultra 65enne si registra un incremento statisticamente significativo della quota complessiva di persone che riferisce di consumarlo, che passa dal 39%, osservato negli stessi mesi del 2019 al 45% del 2020.
Questo aumento è totalmente attribuibile ad un aumento di consumo moderato (non più di una unità alcolica al giorno) nelle donne

che passa da 17% del 2019 al 25% del 2020.
Complessivamente, si legge nell’aggiornamento dei dati delle sorveglianze Passi e Passi d’Argento, tra gli adulti il trend rimane più o meno invariato dal 2018: il 17% degli intervistati 18-64 anni ha fatto un consumo di alcol a maggior rischio per la salute, per quantità e modalità di assunzione, il 3% ne ha fatto un consumo abituale elevato superando le soglie di consumo medio giornaliero indicate dalle linee guida internazionali, l’8% risulta un binge drinker e un altro 9% ha consumato prevalentemente alcol fuori pasto.
Il consumo di alcol a rischio resta una prerogativa delle classi socialmente più avvantaggiate, per reddito o per istruzione, residenti nel Nord Italia ed è maggiore fra gli uomini.
Questi nuovi dati si aggiungono a quelli diffusi alla fine dello scorso anno in cui si evidenziava che due persone su tre sono disposte a vaccinarsi contro il Covid con una percentuale che sale tra gli anziani (84%) e i 18-34enni (76%); che per il 32% degli italiani sono peggiorate le risorse economiche, ma nella fascia 35-49 anni la quota sale al 36%; e che la quasi totalità degli intervistati afferma di indossare “sempre” la mascherina nel caso di uso dei trasporti pubblici e nei locali pubblici, senza distinzione di età genere o condizioni sociali.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 15 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente hai già letto nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del...

Reliquie Santa Lucia da Venezia alla Sicilia con assistenza della Polizia

Santa Lucia da Venezia alla Sicilia Domenica 14 dicembre, la Polizia di Stato accompagnerà “Santa Lucia” nel suo prossimo viaggio in Sicilia. Alle 7:30 del mattino le spoglie della Santa saranno portate, con imbarcazioni della Polizia di Stato, dalla basilica dei Santi Geremia...

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...