8 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Coronavirus Venezia, 28 morti. Mai così tanti dall’inizio della pandemia

HomeCoronavirus VeneziaCoronavirus Venezia, 28 morti. Mai così tanti dall'inizio della pandemia
la notizia dopo la pubblicità

Coronavirus Venezia e provincia: un altro record. 28 morti, quelli registrati dalle 17 di lunedì alle 17 martedì, non si erano mai visti in tutta la pandemia.
Viene fatto sapere che vi sono all’interno del conto dei decessi di giorni precedenti, ma preferiamo non partecipare a questo gioco di “metti-e-togli” che può anche essere interpretato come una manipolazione dei numeri, ritenendo valido solo il dato ufficiale che viene fornito dell’azienda sanitaria.
28 morti nell’area metropolitana di Venezia in 24 ore portano le vittime all’incredibile numero di 1.069 nel Veneziano.
Lo sciorinamento dei numeri di giornata della nostra provincia continua con 414 contagi, quota che porta gli “attualmente positivi” a 12.311.
Calano i ricoveri che oggi sono 582, con un -17 di giornata, ma bisogna sempre ricordare, purtroppo,

che non sono solo le dimissioni a “liberare” un posto letto, bensì anche i decessi.
Tra i molti decessi particolarmente dolorosa, se mai possibile fare raffronti in queste tragedie, la vicenda che vede scomparsi padre e figlio a Mirano.
Paolo Vian, noto carrozziere di Zianigo, se ne è andato a soli 60 anni. Appena 10 giorni fa era scomparso il padre.
Alzando lo sguardo ad una visione regionale, il Veneto si conferma in uno dei suoi momenti peggiori.
Nelle ultime 24 ore sono 2.655 in più i positivi, dato che porta la cifra complessiva da inizio pandemia a 246.098. I morti sono 191 in più, dato che

fa raggiungere un totale di 6.298 deceduti.
Nelle ultime ore è sceso di 9 unità il numero dei ricoverati (2.998) mentre, di contro, sono stati occupati 10 posti in più in terapia intensiva (397 il totale).
Ieri è arrivata, inoltre, una curiosa lettura di Luciano Flor, neo capo della Sanità Veneta, secondo cui una persona ricoverata in rianimazione per Covid non andrebbe contata se dopo qualche giorno il tampone torna negativo. Secondo questa lettura,

i motivi per cui resta ricoverata in terapia intensiva, anche se gravemente provocati dal Covid, non sarebbero più collegati al virus.
Non sono pochi gli osservatori a cui la nuova distinzione è parsa invece una via per far apparire i numeri dei malati della Regione Veneto “meno peggio” di quelli che sono.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.
spot

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".
Advertisements

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...