sabato 22 Gennaio 2022
0.4 C
Venezia

Coronavirus, quali obblighi sull’uso delle mascherine? Vediamoli regione per regione

HomeCoronavirusCoronavirus, quali obblighi sull'uso delle mascherine? Vediamoli regione per regione

Coronavirus, quali obblighi sull'uso delle mascherine? Vediamoli regione per regione

Coronavirus, quali obblighi sull’uso delle mascherine? Ogni regione si muove per se’, in un momento in cui si sentono esperti dire che la mascherina deve essere obbligatoria a cui viene replicato da altri studiosi che non è necessaria in assenza di vicinanza sociale.
Quai sono le norme oggi? Eccole.

LOMBARDIA
Soltanto la Lombardia ha emesso un’ordinanza che prevede l’obbligo di indossare le mascherine, o almeno altre coperture del viso, in caso si esca da casa.

Una decisione dovuta all’alto livello di contagio e che fino ad ora vede soltanto nella Toscana l’unica altra Regione che sta approntando un’altra ordinanza per estendere le mascherine.

Nelle altre regioni, soprattutto quelle più colpite dal coronavirus, le regole sono meno ferree, ma ci sono.

FRIULI VENEZIA GIULIA
In base all’ordinanza del governatore Fedriga, l’uso di mascherine o comunque protezioni per naso e bocca e guanti è obbligatorio soltanto all’interno di mercati e degli esercizi commerciali di beni alimentari.

Fedriga ha spiegato che, “non c’è l’obbligo della mascherina ma basta accedere con sciarpa, foulard o anche un copricollo”.

ALTO ADIGE
Introdotto l’obbligo di coprire naso e bocca in caso di incontri fuori dell’ambiente familiare, soprattutto nei negozi. Lo prevede un’ordinanza del governatore Arno Kompatscher che recepisce, tra l’altro, l’ultimo decreto nazionale.

“Mascherine e scaldacollo non escludono al 100% un’infezione, ma riducono notevolmente il rischio di contagio. E’ di un dovere civico”.

PIEMONTE
Anche la Regione Piemonte sta valutando di prevedere l’obbligo di indossare la mascherina, ma solo per determinate categorie di persone, più a contatto col pubblico.

E’ questo, a quanto si apprende, l’orientamento del governatore Alberto Cirio e dell’Unità di crisi regionale, al lavoro per integrare l’ordinanza in vigore.

Le misure attuali, infatti, non prevedono nulla in materia di dispositivi di sicurezza individuale.

LIGURIA
“Mi appare stravagante rendere obbligatorio uno strumento che fino a qualche ora fa era praticamente introvabile”, ha detto il governatore della Liguria Giovanni Toti.

“Come Regione ci stiamo impegnando a distribuire gratuitamente le mascherine a tutta la popolazione della Liguria e solo dopo che questo sarà avvenuto valuteremo cosa fare”.

EMILIA ROMAGNA
Il presidente Stefano Bonaccini non si esprime e dalla Regione al momento non c’è allo studio alcun provvedimento che obblighi a uscire di casa con naso e bocca coperti.

Tuttavia per il futuro i comportamenti individuali dovranno cambiare: il commissario ad acta per l’emergenza in regione, Sergio Venturi auspica scorte proprie dell’Italia perchè rischiano di servire per molto tempo.

LAZIO
Nessun obbligo nella regione, tranne per quello che riguarda le indicazioni date a livello nazionale dalla Protezione Civile e dal ministero della Salute.

CAMPANIA
L’obbligatorietà delle mascherine in Campania è in valutazione ma non è al momento ritenuta la priorità per il presidente De Luca.

La macchina regionale è impegnata a completare le scorte di dispositivi di protezione per tutti gli ospedali e le strutture sanitarie, in interlocuzione con la struttura nazionale guidata da Domenico Arcuri.

SICILIA
Nessuna decisione sulla obbligatorietà o meno delle mascherine per tutti è stata ancora presa dalla Regione.

Gli esperti dell’assessorato alla Salute stanno ancora valutando la necessità di questa misura, anche sulla base di una eventuale differenziazione tra luoghi dove è assolutamente necessaria la protezione, come strutture sanitarie o luoghi con la presenza di numerose persone come i supermercati, o zone all’aperto.

VALLE D’AOSTA
E’ obbligatorio l’uso della mascherina per i clienti all’interno degli esercizi commerciali.

Anche il personale dei negozi deve essere protetto. Lo stabilisce un’ordinanza del presidente della regione, Renzo Testolin, che concede anche alcune deroghe ai cantieri (massimo 5 operai impiegati) e introduce il divieto di svolgimento dei mercati ad eccezione di quelli che garantiscono un unico varco di accesso e di uscita e la sorveglianza delle distanze sociali.

VENETO
“Non ho nulla da ridire su quello che ha fatto Fontana. La Lombardia ha anche un contagio molto più importante del nostro, e ha fatto la scelta anche partendo da questo aspetto”. Così il governatore Luca Zaia, ha commentato la decisione delle mascherine obbligatorie.

In Veneto, diversamente dalla Lombardia, sono solo previste per accedere nei supermarket e nei mercati all’aperto e al chiuso, assieme ai guanti.

“Abbiamo avuto un approccio più graduale – ha detto Zaia -, con mascherine nei supermercati; ci siamo fermati ai luoghi pubblici dove si va a fare la spesa”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

“I televirologi che ci avevano promesso l’immunità col vaccino…”. Lettere

Dal mese di dicembre, televirologi, burocratici della sanità pubblica e chi ha fatto del virus misteriosamente arrivato dalla Cina (e mai isolato) una prolifica professione, stanno cadendo come pere dagli alberi. Gli interessati adoratori del Dio vaccino, si accorgono o fingono...

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

“C’è l’obbligo di vaccinazione, perché non posso scegliere il Novavax?”. Lettere

Siamo a gennaio 2022 ( i commenti che ho letto sono molto più vecchi). Non mi sono ancora vaccinata perché, vedendo anche brutte conseguenze post vaccino su alcune persone a me conosciute ( direttamente o indirettamente) a me questa Terapia genica...

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 16 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente conosci i nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del mattino. 365...

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate