8.4 C
Venezia
sabato 23 Gennaio 2021

Coronavirus: Juventus-Napoli non si gioca. New York con lockdown a zone, Parigi chiude i bar

Home Coronavirus Coronavirus: Juventus-Napoli non si gioca. New York con lockdown a zone, Parigi chiude i bar
sponsor

Nuovo scandalo nel calcio: fatture false. Squadre di Serie A e giocatori indagati

sponsor

Coronavirus: Juventus-Napoli non si è giocata. Con una pantomima l’arbitro Doveri ha dichiarato concluso l’incontro alle 21.30, dopo 45′ dal (finto) avvio, ma era chiaro dalle 20.30 (e anche prima) che l’incontro non si sarebbe giocato in quanto il Napoli non si è presentato: non è nemmeno partito per la trasferta.
Dopo i casi di positività al Covid tra i suoi calciatori, secondo quanto ricostruito, la società del Napoli Calcio ha chiesto un parere alla Regione e quest’ultima – che ha competenza esclusivamente sanitaria – ha semplicemente fatto applicare il protocollo di contact-tracing, indicando quindi la necessità di isolamento delle persone venute a contatto con i contagiati.

commercial

Il presidente della Juventus Andrea Agnelli, intervistato da Sky, ha confermato che il presidente De Laurentiis gli ha mandato un messaggino nel pomeriggio chiedendo un rinvio, ma il dirigente bianconero: “Gli ho risposto che la Juventus, come sempre, si attiene ai regolamenti. Il messaggio suo era teso a rimandare la partita. E’ una richiesta che può essere legittima, ma ci sono delle norme, come in ogni industria, e ci atteniamo a quelle. Ci sono dei regolamenti e se non ci atteniamo ai regolamenti commettiamo errori

da cittadini, prima che da sportivi”.
Agnelli ha anche spiegato: “Ciò che è indispensabile è rispettare le regole. Abbiamo protocolli molto chiari per queste situazioni. Era prevedibile che sarebbe successo. In questo caso si applica il protocollo della FIGC per le partite in Italia, che rimanda ad una circolare del Ministero della Sanità approvata dal CTS. Riassumendo il caso specifico, devo dire che nel momento in cui viene riscontrata una positività deve crearsi immediatamente la bolla. Ieri abbiamo richiamato l’intero gruppo-squadra e abbiamo creato questa bolla. A questo segue il rispetto dei protocolli. Non so cosa sia successo al Napoli, io mi sono limitato ad attuare strettamente il protocollo, per il resto non so cosa sia successo”.

Juventus-Napoli non si è giocata e questa è la situazione contingente in Italia domenica sera. Nel resto del mondo, però, il panorama pare più grave, al limite del drammatico. New York ha dichiarato il lockdown in 9 quartieri, mentre Parigi oggi ha ordinato la chiusura dei bar.

Il mondo, d’altra parte, conta ormai 35 milioni di contagi dall’inizio della pandemia, e sta cercando di tamponare questa ondata di ottobre anche se in molti casi l’estate non ha portato nessuna pausa apprezzabile nei contagi.
Le grandi capitali, simbolo del pianeta, ora impongono via via misure sempre più restrittive. A cominciare da New York dove da mercoledì scatterà, in nove quartieri, un vero e proprio lockdown.

Mentre l’America segue con il fiato sospeso le condizioni di salute del presidente Trump, infettato dal Covid, ad annunciare la stretta nella Grande Mela è stato il sindaco Bill De Blasio spiegando che saranno le zone di Brooklyn e Queens, focolai dei nuovi casi, a chiudere.

E anche Parigi stringe le maglie: a fronte dell’impennata dei casi (17 mila quelli nuovi registrati ieri in Francia) e la mancanza di un inversione della curva nella capitale e nell’Ile-de-France domani si passerà in “zona di allerta massima”, color “scarlatto” invece dell’abituale rosso. Con la chiusura dei bar.

Segnali chiari che la seconda ondata del virus fa paura ormai quanto la prima. E potrebbe durare: ‘La strada può essere ancora accidentata, fino a Natale e oltre’, ha messo in guardia Boris Johnson, primo ministro di un Paese, il Regno Unito, che continua a vedere impennarsi le curve epidemiologiche. L’ultimo dato, riferito a sabato, parla di un record 12.800 nuovi contagi in Gran Bretagna anche se la cifra è difficilmente interpretabile con le medie dei giorni precedenti (circa 7 mila nuovi contagi ogni 24 ore) perché

nel conteggio sono stati inclusi anche casi che non erano stati registrati nell’ultima settimana.

Una situazione di allerta che continua a riguardare anche Israele dove il premier Benyamin Netanyahu valuta la possibilità di estendere il lockdown che scade il 14 ottobre.

Tornando in Francia, due settimane dopo la stretta che ha imposto a Marsiglia la chiusura generale di bar e ristoranti e a Parigi quella anticipata alle 22, il progredire apparentemente inarrestabile dei contagi, unito all’aumento di ricoveri e di occupazione di letti in rianimazione, ha costretto le autorità a tornare alle dolorose chiusure anche a Parigi.

La rivolta dei ristoratori di Marsiglia non dovrebbe ripetersi a Parigi, anche perché i gestori di brasserie e bistrot hanno presentato al governo un proprio protocollo che – qualora riuscissero ad evitare di abbassare la saracinesca – si impegnano a rispettare: raccolta di nomi e indirizzi dei clienti, misurazione della febbre ad ogni avventore, tetto massimo di 8 coperti per ogni tavola.

Già giovedì scorso, sui criteri presi in considerazione dalle autorità sanitarie per definire il colore di un territorio sulla cartina di Francia, si erano accese tutte le spie nella regione di Parigi: il tasso di incidenza oltre la barra dei 250 casi per 100.000 abitanti, precisamente a 261; il tasso di occupazione di letti nelle rianimazioni

da parte dei pazienti Covid-19 al 34,8% quando la soglia di allerta è fissata al 30%; infine, il tasso di incidenza del contagio per gli over 65 ben oltre la soglia critica di 100.

Il ministro della Salute, Olivier Véran – facendo digrignare i denti a sindaci e ristoratori della regione di Marsiglia costretti a chiudere dalla settimana scorsa – aveva concesso alla capitale altri 4 giorni per verificare la stabilità di questa tendenza al peggio.

Non sono arrivate cifre a contraddire il trend in atto, quindi da domani mattina scatterà il giro di vite, dopo consultazione stasera con la sindaca Anne Hidalgo. La stessa prima cittadina, pur riconoscendo che la situazione è “molto grave” nella capitale, ha detto che “nulla è ancora deciso, si sta ancora discutendo”.

L’input che Emmanuel Macron ha dato al governo è quello di continuare sempre, ove possibile, a tenere tutto aperto ed in funzione, ricorrendo alle misure di chiusura che penalizzano la società intera soltanto in casi estremi.

Quanto alla reazione dei parigini, il governo sembra almeno confortato da un sondaggio Elabe per BFM-TV secondo il quale il 61% degli abitanti dell’Ile-de-France sono favorevoli a una chiusura completa dei bar.

Quanto ai ristoranti, il governo ha ceduto il passo al Consiglio scientifico, l’Authority che domani annuncerà se il protocollo autogestito dei ristoratori per rimanere aperti sia accettabile, almeno per qualche giorno.

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Venezia rialza la testa: si girano tre film

Venezia rialza la testa, al via le produzioni cinematografiche in città. Ciak, si gira. La laguna vuota e semideserta diventa un...

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

Mestre, sabato ore 18: centinaia per lo spritz senza mascherina [video]. Lettere

Mestre, sabato sera: poche ore fa. Il video parla da solo. La segnalazione del lettore questa volta produce le prove incontrovertibili di come (alcuni) giovani se...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Coronavirus a Venezia arretra. Addio a madre e figlio di Cavallino-Treporti

Coronavirus a Venezia che mostra un arretramento, come un'onda di marea che si ritrae, sperando definitivamente. 135 nuovi casi in 24 ore: un numero significativo,...
commercial

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo. Ultima ora

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo domani. La norma è contenuta nella bozza del nuovo Dpcm. Via libera a crociere navi italiane. Le...

Venezia deserta per il Covid, ecco Rialto di domenica [VIDEO]

Venezia deserta per il Covid, con un video vi mostriamo la zona di Rialto oggi pomeriggio, domenica 17 gennaio 2021. Sono immagini tristi e nel...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...
sponsor

Donna dimessa a piedi dal pronto soccorso di notte (poi morta), Lihard: verificare responsabilità

Il Movimento per la difesa della Sanità Pubblica Veneziana è venuto a conoscenza della dolorosa trafila, conclusasi tragicamente, di una signora colta da malore...

È morto anche il papà del falconiere, Gianni Busso

Nella notte tra lunedì e martedì è morto Gianni Busso, di 72 anni, all'ospedale dell'Angelo di Mestre, dov'era ricoverato dall'11 dicembre scorso per il...

Veneto prossima settimana in zona arancione o gialla. Zaia: «Sicuramente non rossa»

Sono 1359 i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto con l'incidenza dei contagi al 3%. Non avendo più con la nuova circolare la...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Esplode la casa, morti due anziani. Forse colpa perdita Gpl dello stabile

Padova, San Giorgio in Bosco, teatro della tragedia di questa mattina legata agli impianti di riscaldamento. A causa dello scoppio e conseguente incendio nell'appartamento, due...

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...
commercial

Hanging Challenge e i ragazzini su TikTok si stringono una cinta al collo. Morta bimba di 10 anni

Hanging Challenge è il nome di quest'ultima aberrazione. E' una 'sfida', le chiamano 'challenge', ed è l'ultima arrivata tra quelle lanciate sui social per provocare...

Virus, c’è una nuova “variante”. Bloccati tutti voli dal Brasile

Virus, c'è una nuova "variante" dopo quella definita "variante inglese". Altrettanto maggiormente aggressiva e pericolosa? Le uniche cose certe al momento sono che l'Italia ha...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

Nuovo Dpcm voce per voce. Zone gialle, arancione, rosse: cosa si può e non si può fare

Nuovo Dpcm voce per voce. E' aperta la scuola? Posso muovermi da casa? Il nuovo Dpcm, ovvero: cosa è consentito e cosa è vietato nell'Italia divisa...

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Pfizer: “Incidenti in linea con previsioni”

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Di più: la definizione testuale dice: "La Norvegia registra 23 morti 'legate alla vaccinazione' ". L'agenzia del...

Trovato morto nel letto d’ospedale dopo l’intervento al piede

Trovato morto nel suo letto d'ospedale dopo l'intervento al piede. E’ successo il 19 gennaio all'ospedale di Mirano: un uomo di 72 anni, Luigi Geretto,...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.