5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
10.9 C
Venezia
giovedì 22 Aprile 2021
HomeUlss 3 Serenissima (ex Ulss 12 Veneziana)Coronavirus, i dati nel veneziano. Il punto dell'Ulss 3 e lo studio sulla variante inglese del Covid

Coronavirus, i dati nel veneziano. Il punto dell’Ulss 3 e lo studio sulla variante inglese del Covid

Coronavirus, i dati aggiornati nel territorio veneziano. Ricoveri in leggera discesa, dopo il “picco” del 21 dicembre. Il dato è emerso oggi durante la conferenza stampa dell’Ulss 3 Serenissima per fare il punto sulla situazione dei contagi e dei ricoveri da coronavirus.
La situazione non è allegra ma nel veneziano si registra un leggero calo di ricoveri, nel corso della conferenza stampa è stato affrontato anche il tema della “variante inglese” del Covid-19.
Se il vaccino costituisce una speranza, qualche timido segnale di rallentamento nella cavalcata del contagio sembra giungere proprio nelle ultime ore: «Siamo giunti a 25.432 persone contagiate dall’inizio dell’epidemia – ha spiegato il direttore dell’azienda Ulss 3 Giuseppe Dal Ben, martedì 23 dicembre 2020 – e gli attualmente positivi sono 9510, a cui si sommano 12.081 persone in isolamento.
Il dato dei positivi ogni 10.000 abitanti, che sono 152 contro la media veneta di 210, ci conferma che nel veneziano la situazione è leggermente meno pesante che altrove. E registriamo – prosegue il dg – un leggero calo nel numero complessivo dei ricoverati, che oggi in area non critica sono scesi a 395, una dozzina in meno rispetto a quello che è stato il giorno ‘di picco’, il 21 dicembre; un leggero calo si registra anche nelle terapie intensive, dove dai 51 ricoverati registrati come picco il 17 dicembre, siamo scesi a 48 pazienti. Si tratta di

piccoli segnali positivi, che speriamo non siano smentiti nei prossimi giorni».
Il direttore ha segnalato come siano arrivati alla cifra di 334.456 i tamponi molecolari eseguiti nell’Ulss 3, a cui si sommano i 167.463 tamponi rapidi.
La positività risulta oggi assestata sul 10%, mentre se si calcola tutto il periodo dell’epidemia cala al 6,9%.
«Il vaccino è la luce che si accende nel tunnel in cui ci troviamo per l’effetto del Covid-19 ma, in questi ultimi giorni dell’anno, restano importantissimi i comportamenti dei cittadini», ha commentato Giuseppe Dal Ben, direttore Ulss 3.

Scuole, attività produttive, case di riposo
Intenso il lavoro dell’Ulss 3 nelle scuole, dove sono salite a 1083 le classi interessate fin qui da un contagio (oggi sono 92), per un totale di 1282 tra alunni e docenti individuati come positivi (oggi sono 94) e con 6259 persone messe in quarantena fin qui (oggi sono 371). «Risultati incoraggianti e positivi – ha evidenziato Dal Ben – continuano a giungere dal fronte delle attività produttive: nell’area vasta della cantieristica in questo periodo si registrano solamente alcune positività al giorno, a dimostrazione che è stata efficace l’azione congiunta di Ulss 3, prefettura, Comune di Venezia, Fincantieri, gestori delle aziende».
Qualche miglioramento si registra anche nell’ambito nelle case di riposo. «Monitoriamo quotidianamente – ha continuato Dal Ben – l’azione degli istituti e possiamo dire che si sta registrando un calo significativo nel numero degli anziani positivi, scesi dai 494 del 13 dicembre ai 380 di oggi».

La “variante inglese” del virus
Il direttore ha confermato che anche l’Ulss 3 contribuisce allo studio che il servizio sanitario regionale sta svolgendo sulla “variante inglese” del Covid-19: «si analizzano i test effettuati – ha spiegato – per individuare un possibile legame tra questa variante e l’epidemia nel nostro territorio, anche a partire da certe similitudini tra la curva epidemica della nostra regione e quella del Regno Unito, evidenziate dalla comunità scientifica. A questo fine anche l’Ulss 3 sta inviando a livello regionale tamponi effettuati nel periodo più recente».
Nel frattempo, l’Ulss 3 presidia con il proprio punto tamponi l’aeroporto Marco Polo, per contribuire alle modalità di monitoraggio stabilite dalla normativa regionale e nazionale: sono stati effettuati, dal 16 agosto, quando la postazione è stata attivata prima in Italia, 41.068 test a passeggeri di rientro dai Paesi soggetti a monitoraggio.

Data prima pubblicazione della notizia:

2 persone hanno commentato

  1. Sono un estimatore del presidente Zaia ma a proposito del senso di responsabilità dei veneti forse è il momento di rivedere la sua affermazione.il virus forse oltre a far ammalare e per molti casi far morire migliaia di persone ha fatto perdere sicuramente una virtù che è stata per la nostra gente motivo d’orgoglio

  2. Sig. Dal Ben oltre al minor numero di positivi a Venezia perché invece non spiega il più alto numero di decessi a Venezia rispetto alle altre province?
    E di questi quanti secondo lei sono dipesi dall’aver messo il reparto Covid all’interno di Geriatria all’ospedale civile di Ss. Giovanni e Paolo di Venezia?

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

notizie della settimana di Venezia dopo la pubblicità
spot
Advertisements
sponsor