7 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Coronavirus, ecco come chiedere i buoni spesa a Venezia. Da lunedì si può presentare domanda

HomeCoronavirusCoronavirus, ecco come chiedere i buoni spesa a Venezia. Da lunedì si può presentare domanda
la notizia dopo la pubblicità

Reddito di cittadinanza, qual è il prezzo della dignità?

Coronavirus, come chiedere i buoni spesa a Venezia.
Da domani, lunedì 6 aprile, sarà possibile accedere al modulo per richiedere i suoni spesa da 50 a 400 euro. Ecco come fare e le Faq (domande più frequenti).

Domani sarà pubblicato dalle ore 12, sulla piattaforma online del Comune “DiMe”, il modulo per richiedere i Buoni Spesa, del valore di 50 euro l’uno, rivolti alle famiglie in difficoltà a causa dell’epidemia da Coronavirus.

Sarà possibile fare richiesta fino alle ore 12 di martedì 14 aprile. I moduli saranno vagliati mano a mano da un pool di esperti del settore Commercio e Servizi sociali del Comune che, sulla base della descrizione, assegnerà il valore dei buoni spesa, che potrà andare da 50 a 400 euro per nucleo familiare.

Per la compilazione occorre il proprio codice fiscale e i dati anagrafici.

Si dovranno indicare alcune informazioni, come i componenti del nucleo familiare e il non essere percettore di ammortizzatori sociali o di reddito di cittadinanza.

I buoni spesa, inoltre, dovranno essere utilizzati solo per l’acquisto di generi alimentari o per l’igiene personale. In caso servissero ulteriori approfondimenti, il richiedente potrebbe essere contattato telefonicamente da alcuni operatori. Può presentare richiesta un solo componente per nucleo familiare.

I buoni saranno spendibili in tutti gli esercizi commerciali e supermercati che aderiscono all’iniziativa, i cui gestori dovranno compilare un modulo ad hoc con la convenzione pubblicato sempre su DiMe.

BUONI SPESA: LE FAQ

Cos’è il contributo di solidarietà alimentare?

Il contributo (buono spesa) è una misura economica di solidarietà e sostegno alimentare da destinare ai cittadini che siano in gravi condizioni di necessità e bisogno a seguito dell’emergenza COVID-19 Coronavirus.

Chi può accedere al contributo di solidarietà alimentare?

Tutti i cittadini residenti nel Comune di Venezia, privi delle risorse economiche necessarie all’acquisto dei beni di prima necessità e che versano nella condizione di bisogno economico a causa dell’emergenza Coronavirus in cui nessun componente del nucleo familiare sia:
titolare di Reddito di Cittadinanza e/o Pensione di Cittadinanza,
percettore di ammortizzatori sociali ovvero di ammortizzatori sociali sufficienti in relazione al fabbisogno minimo familiare.
Il nucleo familiare inoltre non deve avere disponibilità economiche (conti correnti bancari, postali, liquidità, carte) sufficienti per l’acquisto di beni di prima necessità.

Quante domande si possono/devono fare per nucleo familiare?

Ogni nucleo può presentare una sola domanda.

Devo motivare la domanda?

Nell’istanza va brevemente descritta la motivazione per cui il nucleo familiare si trova nelle condizioni di bisogno.

A quanto ammonta il contributo di solidarietà alimentare (buono spesa)?

I buoni spesa hanno un valore di 50 euro cadauno. Il numero dei buoni erogati al richiedente sarà stabilito successivamente tenendo conto del numero dei componenti del nucleo familiare e della situazione dello stesso, per un valore massimale di 400 euro.

Quando mi verrà dato il buono spesa?

L’erogazione dei buoni avverrà, dopo l’effettuazione delle necessarie verifiche, a partire da lunedì 20 aprile 2020.

Cosa posso acquistare con il contributo di solidarietà alimentare?

Il buono si può utilizzare esclusivamente per l’acquisto di beni alimentari di prima necessità e per l’igiene personale.

Dove posso utilizzare il buono spesa?

Il buono potrà essere utilizzato presso gli esercizi commerciali accreditati che saranno presto indicati nell’apposita pagina del sito del Comune di Venezia.

Come si richiede il contributo di solidarietà alimentare?

I nuclei familiari possono presentare la richiesta di contributo di solidarietà alimentare esclusivamente online attraverso DIME a partire da lunedì 6 aprile alle ore 12.00, fino alle ore 12.00 del 14 aprile.

Chi non avesse la possibilità di collegarsi al sito e registrarsi autonomamente può chiamare, sempre dal 6 aprile ore 12.00, lo 041041 dalle 8.30 alle 17.00 e lasciare i propri dati per essere richiamato da operatori che procederanno con la compilazione della domanda.

Viene dato un ordine di priorità in base alla data di presentazione della domanda?

No. Tutte le domande verranno vagliate, senza alcun ordine di priorità temporale; non è necessario quindi precipitarsi a presentare la domanda, c’è tempo fino al 14 aprile ore 12.00.

Quali documenti devo allegare alla domanda?

Non è necessario allegare nessuna documentazione.

Servono autenticazioni particolari per accedere al modello on-line?

No, non è necessaria alcuna autenticazione (SPID, CNS, …).

Cosa devo fare dopo aver presentato la domanda?

Al momento dell’inserimento della domanda nel sito verrà chiesto di confermare i dati inseriti, successivamente verrà inviata una mail con la conferma di ricezione della domanda. Non si dovrà richiamare, si verrà ricontattati dal Comune, anche per le modalità di consegna del contributo, ai recapiti indicati nel modulo.

Chi verifica la domanda?

La domanda sarà esaminata da un’apposita commissione composta da funzionari del Comune di Venezia i quali potrebbero richiedere ulteriori chiarimenti o integrazioni.

CONTROLLI

Il Comune di Venezia effettuerà controlli sulla veridicità delle auto-dichiarazioni rilasciate. L’inserimento dei dati è una autocertificazione e quindi il cittadino che presenta la domanda è consapevole delle responsabilità penali a cui può andare incontro ai sensi delle norme di legge in caso di dichiarazioni mendaci, formazione o uso di atti falsi, nonché della decadenza dei benefici.

Sono un esercente, posso far parte della rete di negozi che accetta i buoni spesa?

Per aderire è necessario sottoscrivere la convenzione, reperibile e scaricabile dal sito del Comune di Venezia e seguire le istruzioni indicate nella pagina dedicata.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.