4.2 C
Venezia
domenica 05 Dicembre 2021

Coronavirus: 41 anni, due tamponi negativi ma muore di Covid. Ne ha contagiati 12 in reparto

HomeCoronavirusCoronavirus: 41 anni, due tamponi negativi ma muore di Covid. Ne ha contagiati 12 in reparto
la notizia dopo la pubblicità

Coronavirus: 41 anni, due tamponi negativi ma muore di Covid. Ne ha contagiati 12 in reparto

Coronavirus, ogni tanto si riaffaccia uno dei fantasmi peggiori. E’ possibile esserne affetti pur avendo il tampone negativo? Ogni tanto si parla di ‘falsi positivi’, di ‘falsi negativi’, ma medici ospedalieri potrebbe dirvi che in questo periodo non sono infrequenti casi di polmonite, soprattutto in persone anziane, anche con ‘tampone’ negativo.

Il caso della persona morta a Genova ieri è particolarmente inquietante: un paziente è deceduto di Covid dopo aver avuto refertato il suo tampone negativo. Due volte. La cosa ha purtroppo comportato che un intero reparto è stato infettato perché il paziente è stato trattato senza precauzioni, dato che la sua positività è stata scoperta dopo il decesso.

Atroce la situazione lasciata al decesso: otto pazienti e 4 operatori sanitari dell’ospedale di Lavagna contagiati, l’intero reparto no covid di Medicina sgomberato e sanificato, malati, medici e parenti increduli e sconcertati.

L’uomo, di 41 anni con polmonite bilaterale, ma negativo al tampone, è morto colpito dal virus senza che nessuno potesse prendere i necessari accorgimenti per la sicurezza degli altri.

All’ospedale di Lavagna l’uomo era arrivato in gravi condizioni da casa, a Chiavari: qui era rimasto solo poco tempo, dopo essere stato dimesso dal reparto Covid di Sestri Levante.

Il malato, originario di Canosa in Puglia e che a Chiavari aveva fatto il meccanico prima che un ictus lo rendesse disabile, era risultato negativo a due tamponi.

Solo il terzo, fatto dopo la morte, ha rivelato che era positivo.

Subito dopo la scoperta della positività, la Asl4 ha verificato che il 41enne era stato a contatto di medici, infermieri e pazienti nel reparto di Medicina senza accorgimenti ed ha fatto scattare il piano di emergenza.

I parenti sono “sconcertati”, ha detto un operatore delle pompe funebri che si è occupato dei preparativi per il funerale.

Solo l’insistenza del medico di famiglia, si è appreso, aveva consentito di ricoverare l’uomo a Lavagna, dopo le dimissioni da Sestri Levante. Il malato aveva infatti difficoltà a respirare e il medico chiedeva esami che si potevano fare solo in ospedale.

Secondo quanto è stato possibile ricostruire dell’intera vicenda, l’uomo non si è sentito bene la settimana scorsa ed è stato portato dai parenti al pronto soccorso di Lavagna, dove ha accusato difficoltà respiratorie e gli è stata riscontrata una polmonite bilaterale.

Un primo tampone ha dato esito negativo e, in attesa del secondo, l’uomo è stato trasferito al reparto Covid dell’ospedale di Sestri Levante. Qui è stato effettuato il secondo tampone, che ha dato anch’esso esito negativo.

Nonostante la polmonite, hanno riferito alcuni amici della famiglia, il paziente è stato dimesso e mandato a casa.

A quel punto il medico di base ha chiesto di eseguire tutti gli esami necessari e le cure appropriate, ottenendo un nuovo ricovero a Lavagna.

In reparto è stato però curato come un paziente ‘normale’ ed ha ricevuto le visite dei parenti.

In breve le sue condizioni si sono però aggravate: l’uomo è stato quindi spostato in una stanza singola, dove poco dopo è morto.

Poi il trasferimento nella camera mortuaria di Lavagna a disposizione della famiglia e degli addetti alle onoranze funebri che hanno operato anche loro, come i sanitari, senza precauzioni.

Il tampone fatto dopo la morte ha confermato che la polmonite bilaterale era stata una conseguenza del covid-19.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

Amira Willighagen: il video della bambina di 9 anni che fa sbiancare i giudici di Holland got talent

Amira Willighagen è una bambina olandese assolutamente normale, se non fosse per il fatto che ha un dono eccezionale, e il video qui sotto lo sta a dimostrare. Per lei si sono scomodati i più famori critici internazionali, e c'è chi addirittura...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

Un ragazzo muore a 19 anni a Padova, all’interno di un capannone abbandonato poco distante dal Parco delle Mura, frequentato da chi si trova a vivere in strada, a cercare riparo e rifugio per la notte che sembra coprire con una...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...