22.6 C
Venezia
lunedì 20 Settembre 2021

Presa a Mestre la coppia che colpiva nelle auto in sosta

HomeSicurezzaPresa a Mestre la coppia che colpiva nelle auto in sosta

Presa a Mestre una coppia di ladri. Erano specializzati nell’aprire e trafugare dalle auto in sosta.
La Polizia di Stato di Venezia messo fine ai furti in serie denunciando la coppia di giovani di origini italiane.
L’uomo e la donna, rispettivamente classe 89 e 91, sono stati trovati in possesso di documenti, profumi, creme, occhiali da sole e pelletteria, provenienti da furti messi in atto ai danni di autovetture parcheggiate.
A mettere fine alle gesta della coppia alcune segnalazioni arrivate nella mattinata di sabato 22 maggio.
Passanti, residenti a Mestre, segnalavano infatti alle forze dell’ordine soggetti aggirarsi, con fare sospetto, nei pressi di autovetture parcheggiate nell’area compresa tra Corso del Popolo e la zona attorno alla stazione.
Gli operatori delle Volanti, impegnati negli ordinari servizi di pattugliamento della città, hanno notato i due individui che corrispondevano alle descrizioni e, dopo averli fermati, hanno proceduto ad accurato controllo a seguito del quale sono stati rinvenuti documenti, prodotti di bellezza e pelletteria e altro. Inoltre, la donna è stata trovata in possesso di droga.

I due sono stati quindi accompagnati negli uffici della Questura, dove si è proceduto alla loro identificazione con successivo deferimento all’autorità giudiziaria per ricettazione.
I beni rinvenuti sono stati immediatamente riconsegnati ai legittimi proprietari.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Se qualcuno mi spiega che senso ha la vita di queste persone, quale sia l’utilità per la società , il perchè devono vivere facendo solo soffrire per la vita i propri padri, nonni ecc. Derubandoli magari … non è meglio una dignitosa morte ? Così i loro cari soffrono e li piangono una sola volta ?

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor