7.4 C
Venezia
mercoledì 01 Dicembre 2021

Coppia gay aggredita: responsabile identificato per un’altra lite a Tessera

HomeAggressioneCoppia gay aggredita: responsabile identificato per un'altra lite a Tessera
la notizia dopo la pubblicità

Coppia gay aggredita: il responsabile della violenza è stato identificato per un’altra lite a Tessera lo stesso giorno. La polizia ha trovato e denunciato l’uomo che si è scagliato contro due ventenni il 26 febbraio scorso ad una stazione metro di Roma, un’aggressione resa pubblica un paio di giorni fa con un video che ha creato scalpore in Italia per la violenza di connotazione omofoba.
L’uomo vive e si sposta tra Roma e Jesolo per lavoro. E proprio a Jesolo è stato rintracciato dagli agenti: si tratta di un romano di 31 anni che è stato incastrato per un episodio all’Aeroporto Marco Polo di Venezia.
Andiamo con ordine. Il 26 febbraio 2021 due giovani vengono aggrediti da uno sconosciuto alla stazione metro di Valle Aurelia, a Roma, la violenza avviene dopo che i due si erano baciati. “Ma non vi vergognate?” Le parole che l’aggressore avrebbe pronunciato prima di raggiungerli e menar le mani. Solo pochi giorni fa è stato reso pubblico un video realizzato da un amico delle vittime che riprende parte dell’aggressione.

Il 3 marzo sono iniziate le indagini, dopo la denuncia da parte delle vittime: Jean Pierre Moreno, 24 anni, attivista lgbtq e originario dal Nicaragua, a Roma con lo status di rifugiato politico e studente in Lingue per la comunicazione interculturale, e Alfredo Zenobio, 28 anni, il compagno.
La polizia di Roma aveva subito acquisito le immagini delle telecamere presenti nella stazione metro di Roma, ma la svolta è arrivata in questi giorni, proprio grazie al video realizzato dall’amico delle vittime e reso pubblico, online, dall’associazione Gaynet Roma. Video che è stato poi ripreso e diffuso da vari social e media nazionali, diventando virale.
Grazie a quelle immagini c’è stata la svolta. Un agente della Polaria di Venezia ha riconosciuto l’aggressore: lo avevano fermato e identificato proprio quel giorno, il 26 febbraio, poche ore prima dell’episodio di violenza a Roma, per un litigio con una donna all’aeroporto Marco Polo di Tessera.
A causa di quel litigio il romano avrebbe perso l’areo per tornare a Roma, optando per un viaggio in treno. Alle 17.05 si trovava alla stazione ferroviaria di Mestre e lì è stato di nuovo controllato, stavolta dagli agenti della Polfer. Ha quindi preso il treno ed è arrivato a Roma Termini poco dopo le 21, dove è poi salito in

metro, raggiungendo la fermata Valle Aurelia. E proprio lì, poco prima delle 22, avviene l’aggressione alla coppia. Dopo l’episodio di violenza sarebbe salito su un altro treno dirigendosi ad Anguillara, dove vive.
Gli investigatori ieri sera sono andati a casa del 31enne romano, ad Anguillara, scoprendo dai genitori che l’uomo era ripartito per tornare a Jesolo, dove lavora. A quel punto tramite la localizzazione del cellulare lo hanno rintracciato e hanno chiesto la collaborazione dei colleghi del commissariato locale, che hanno bloccato il 31enne mentre era in giro per Jesolo. L’uomo è stato poi riconosciuto anche dalle due vittime. I due giovani hanno raccontato che quella sera, dopo che si erano scambiato un bacio alla stazione di Valle Aurelia, il 31enne ha attraversato i binari e li ha aggrediti prima verbalmente e poi fisicamente, con calci e pugni. I ragazzi hanno provato a parare i colpi, poi si sono rivolti all’ospedale, dove sono stati medicati e refertati con prognosi lievi. La violenza dell’uomo, però, avrebbe potuto causare danni più gravi.
In particolare, l’aggressore è stato riconosciuto

grazie al video della violenza da un agente della Squadra di Polizia Giudiziaria della Polizia di Frontiera all’aeroporto di Venezia, diretta dal Primo Dirigente della Polizia di Stato Rosanna Conte. Il poliziotto ha infatti ricordato che la mattina del 26 febbraio quello stesso uomo si era reso responsabile di un diverbio all’interno della sala partenze dell’Aeroporto “Marco Polo” di Venezia.
In quel frangente era intervenuta una pattuglia della Polizia di Stato del Dispositivo di Sicurezza Aeroportuale, che lo aveva identificato.
L’informazione è stata dunque subito veicolata ai colleghi romani, che hanno così potuto confermarne l’identità.
L’uomo frequenta per motivi lavorativi la zona di Jesolo, e proprio nel paese, ieri sera, è stato individuato e denunciato dai poliziotti del Commissariato della Polizia di Stato, diretto dal vicequestore Marco Fabro.
Le volanti infatti, informate della presenza dell’uomo sul territorio si sono immediatamente messe sulle sue tracce, pattugliando strada per strada, fino a quando, dopo accurate ricerche e perlustrazioni, sono riuscite ad individuarlo, riconoscendolo per strada mentre era in compagnia di alcuni amici. I poliziotti hanno dunque inviato ai colleghi romani le foto dell’uomo, che è stato poi riconosciuto dalla coppia malmenata.
Il 31enne romano è stato quindi denunciato all’Autorità giudiziaria per lesioni aggravate.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102. Ma che cos'è "Quota 102" che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni? Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall'anno...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...

Venezia e flussi turistici, Brugnaro: “Contributo d’accesso e prenotazione con app”.

A Venezia si ritorna a parlare di regolamentazione dei flussi turistici. Lo ha fatto oggi il sindaco Luigi Brugnaro, a proposito del "Contributo di accesso" (il ticket per Venezia). Una 'app', in soldoni, darà le chiavi per entrare sulla base dell'affluenza tipica in...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...