Convivere con il virus: le norme per l’isolamento e per i famigliari

ultimo aggiornamento: 11/03/2020 ore 09:52

938

Coronavirus, quali sono le norme per i malati a casa? Come ridurre i rischi per famigliari e per chi assiste una persona in isolamento? Le indicazioni dell’Istituto Superiore della Sanità.

Stanze separate, asciugamani in carta usa e getta, mascherine quando si cambiano le lenzuola e lavaggio di vestiti a 60-90 gradi. Per gli ormai migliaia di italiani che affrontano a casa l’isolamento dopo esser stati trovati positivi al virus o in attesa di capire se lo sono o meno, l’Istituto Superiore di Sanità ha messo a punto una serie di raccomandazioni, per evitare di diffondere il contagio in famiglia. Ecco le principali.

SEPARAZIONE: la persona con sospetta o accertata infezione Covid-19 deve stare in una stanza separata e, se non è possibile, deve mantenere una distanza di almeno un metro dagli altri, quindi anche dormire in un letto diverso. Le stanze, in casa, vanno areate spesso e non vanno condivise sigarette, spazzolini, asciugamani, biancheria da letto.


USA E GETTA: utilizzare fazzoletti monouso e asciugamani di carta usa e getta. Se ciò non è possibile, utilizzare asciugamani riservati e sostituirli quando sono bagnati. In generale bisogna evitare il contatto diretto con i fluidi corporei, come catarro, urina, feci.

MASCHERINA: chi assiste il malato deve indossare una mascherina chirurgica accuratamente posizionata sul viso quando si trova nella stessa stanza. Se è bagnata o sporca va sostituita immediatamente e bisogna lavarsi le mani dopo averla rimossa.

RIFIUTI: utilizzare contenitori con apertura a pedale, posizionati all’interno della stanza del malato. Va sospesa la raccolta differenziata e i rifiuti eliminati nel bidone dell’indifferenziata.


CAMBIO BIANCHERIA: la biancheria sporca va messa in un sacchetto dedicato, bisogna utilizzare la mascherina e i guanti quando si cambiano le lenzuola del malato e lavarne vestiti, biancheria e asciugamani a 60-90 gradi con normale detersivo.

IGIENIZZAZIONE: pulire e disinfettare quotidianamente le superfici di mobili della camera del malato e servizi igienici con un normale disinfettante, candeggina oppure con alcol 70%, indossando indumenti protettivi (come un grembiule di plastica).

LAVAGGIO MANI: le mani vanno lavate in modo approfondito, dopo ogni contatto con il malato o con il suo ambiente, prima e dopo aver preparato il cibo, prima di mangiare.

GUANTI: Evitare il contatto diretto con i fluidi corporei, in particolare le secrezioni orali o respiratorie, feci e urine utilizzando guanti monouso.

(categoria “virus cinese”, aggiornamento 8 marzo 2020 ore 12.00)

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here