lunedì 17 Gennaio 2022
3.7 C
Venezia

Conversione ospedali in reparti Covid, il dott. Flor: “Scelta obbligata, ma tornerà tutto come prima”

Homeposti lettoConversione ospedali in reparti Covid, il dott. Flor: "Scelta obbligata, ma tornerà tutto come prima"

“Negli ultimi giorni la pandemia causata dal Covid è molto cresciuta e non possiamo aspettare una sua esplosione per prendere provvedimenti. La trasformazione in Covid Hospital dell’Ospedale di Schiavonia, come di tutti gli altri con questa caratteristica, è assolutamente temporanea ed ha anche uno scopo precauzionale. Dobbiamo essere pronti a fronteggiare un’eventuale ondata e a non sballottare i malati inviandoli fuori provincia, come è successo nei giorni scorsi proprio nella provincia di Padova”.
Lo dice oggi il Direttore Generale della Sanità veneta, Luciano Flor, in relazione alla situazione nel padovano e alle polemiche seguite all’individuazione dell’ospedale di Schiavonia come Covid Hospital.

“Cominciando da Schiavonia – aggiunge Flor – assicuro che l’ospedale sarà ripristinato in tutte le sue funzioni. Garantisco che, comunque, rimangono aperti e funzionanti l’oncologia, la dialisi, il settore materno infantile, il settore parto, i servizi psichiatrici e il primo intervento di emergenza-urgenza. Siamo anche impegnati a recuperare personale, soprattutto del comparto, per dare sollievo alla pressione in atto. Non vogliamo andare oltre – precisa Flor – con l’utilizzo delle risorse interne dell’ospedale, ma cerchiamo di sostenerlo. Abbiamo anche impegnato gli Ospedali di Comunità di Piove di Sacco e Camposampiero, mentre rimane Covid-free l’ospedale di Montagnana per rispondere alle esigenze della Bassa Padovana”.

Più in generale, Flor fa notare che “in questo momento stiamo chiedendo uno sforzo a tutti gli ospedali della regione e del padovano. In tutti si decide di giorno in giorno, a seconda dell’andamento della pandemia e dei ricoveri, la migliore organizzazione per la sicurezza dei malati. Avere reparti con pazienti Covid e non Covid è un rischio che nessuno vuole correre, motivo per il qualela scelta di concentrare i malati in alcune strutture è una scelta obbligata”.

Facendo il quadro dei pazienti positivi negli ospedali padovani, Flor riferisce che “a Schiavonia stiamo assistendo 34 malati in area medica e 9 in terapia intensiva; al sant’Antonio di Padova ci sono 35 pazienti in area medica e 14 in terapia intensiva. In generale in provincia di Padova è in corso un grosso sforzo. Qui sono ricoverati 46 positivi sui 125 di tutta la regione. 29 di questi 46 sono assistiti in Azienda Ospedaliera. Tutto ciò porta a notare che il 36% dei Covid-positivi del Veneto è in rianimazione nel padovano. Stiamo lavorando nell’ottica di una distribuzione in tutti gli ospedali della provincia, tranne Camposampiero dove sono in corso lavori alla rianimazione e i malati intensivi vengono gestito in pronto soccorso. Va da sé – conclude Flor – che in tutti gli ospedali padovani oggi assistiamo malati di Covid, sia nei reparti ordinari che in rianimazione”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Regione
Notizie dalla Regione. Per contattare la redazione scrivere a: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...

“So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Lettere

In risposta alla letterea: "Go fato ben a andar via (da Venezia) chea volta e no me dispiaxe proprio”. So venexian de aqua... nato nei anni cinquanta... abito in campagna a Mestre... sì, Mestre per i venexiani... se campagna... anca Mian e...

Ecco cosa si prova ad andar via dalla Venezia in cui si è nati. “Le lacrime durante il trasloco”. Lettere

In risposta alla lettera: “Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Di G.A. & D. Pugiotto La marsaria Quela matina del febraro sesantaoto Xe ga Liga la barca del Mario in fondamenta, e col careto del osto, che spussa de...

Pensioni, novità in vista: Quota 41, Lavoratori fragili e Opzione donna

Pensioni: novità all'orizzonte in campo previdenziale. Tanta la carne al fuoco con una nuova "faccia" per l' Ape social e una nuova "Quota 41", ma non per tutti, e una certezza: si va verso la proroga per l' Opzione donna.

DEMOCRAZIA? Gnanca su le scoasse! E io pago per l’immondizia tenuta in casa

Sarà l’età con tutti i prò e tutti i contro, sarà che mi giro attorno e vedo andar tutto al rovescio, anche se la buona vista non mi manca ma, da un po’ di tempo sono cambiata, DEVO protestare, perché quello...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...

19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

Un ragazzo muore a 19 anni a Padova, all’interno di un capannone abbandonato poco distante dal Parco delle Mura, frequentato da chi si trova a vivere in strada, a cercare riparo e rifugio per la notte che sembra coprire con una...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

Il Mose funziona ma a Venezia si perdono ‘barene’

Nella Laguna di Venezia l'apporto di sedimenti, che permette alle barene (terre semi emerse con sedimenti spugnosi) di tenere il passo con l'innalzamento del livello del mare, avviene prevalentemente durante eventi dell'acqua alta. Se da un lato l'utilizzo del sistema Mose...