30.1 C
Venezia
lunedì 26 Luglio 2021

Continue minacce alla ex: veneziano arrestato dai carabinieri

HomeViolenza contro le donneContinue minacce alla ex: veneziano arrestato dai carabinieri

Applicate le norme a tutela delle vittime di stalking: le continue minacce e pesanti intimidazioni verso la donna, perpetrate in preda ad una furia cieca, hanno convinto inquirenti e Magistratura che dalle minacce verbali si potesse a breve passare alle vie di fatto.

I Carabinieri della Stazione di Marcon hanno tratto in arresto M.A., cittadino veneziano 49enne, destinatario di misura cautelare di arresti domiciliari emessa dalla Magistratura lagunare, per minaccia ed ingiurie commessi nei confronti della ex moglie.
La dura storia racconta dell’uomo, già colpito da un provvedimento di divieto di avvicinamento alla donna emesso a settembre, già aggravato ad ottobre con il divieto di dimora a Marcon, colpito dalla misura cautelare della massima gravità, ovvero con la privazione della libertà personale attraverso gli arresti domiciliari a causa del suo persistente atteggiamento aggressivo e minaccioso verso la ex consorte.
Le continue minacce e pesanti intimidazioni verso la donna, perpetrate in preda ad una furia cieca, hanno convinto inquirenti e Magistratura che dalle minacce verbali si potesse a breve passare alle vie di fatto.

L’informativa dei Carabinieri è stata quindi presa nella massima considerazione dal Pubblico Ministero ed il GIP ha emesso l’ordine di arresti domiciliari, eseguito dai Militari della Stazione di Marcon ieri pomeriggio.
Giuste e opportune le misure prese dalle forze dell’ordine in questi casi, la letteratura, come purtroppo sappiamo, è nutrita di frangenti con queste caratteristiche.
Come quello avvenuto a giugno dello scorso anno a Mestre. In quel caso l’ex marito, autore di stalking, aveva anche tentato di far recapitare a casa della signora alcune pizze, nel tentativo poi di entrare nell’abitazione all’atto della consegna.
I comportamenti si sono interrotti solo una volta attivata la procedura del cosiddetto “codice rosso”, formalmente eseguita dalla polizia di Stato, con la misura cautelare disposta dal magistrato.

I Carabinieri invitano ancora una volta vittime o testimoni di violenze o minacce di genere a denunciare prontamente gli episodi più gravi, per non vanificare lo scopo preventivo di queste misure cautelari adottate.

» ti potrebbe interessare anche: “Stalking e violenze alla ex moglie. Un’aggressione a Lido ripresa dal cellulare

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.