giovedì 27 Gennaio 2022
1.6 C
Venezia

Confcommercio, partita la campagna per aiutare i negozi di vicinato

HomecommercioConfcommercio, partita la campagna per aiutare i negozi di vicinato

“Fai un regalo alla tua città. Sostieni con i tuoi acquisiti i negozi vicini a te”.
E’ partita oggi, Venezia Città Metropolitana compresa, la campagna di Confcommercio Veneto per sostenere le attività commerciali di vicinato.
L’emergenza sanitaria impone restrizioni e attenzione, ma l’avvicinarsi delle feste può essere l’occasione per aiutare le attività sotto casa. Da qui lo slogan simbolico, ideato da Confcommercio Veneto per sostenere le attività commerciali di vicinato attraverso una campagna di sensibilizzazione e di promozione dei negozi di vicinato.
In tutte le province del Veneto, compresa Venezia, le imprese esporranno delle vetrofanie e distribuiranno dei volantini – in allegato la grafica – con l’invito alla popolazione a fare gli acquisiti nei negozi del quartiere di residenza e dei centri storici.

“I negozi di vicinato da sempre sono un elemento distintivo dell’Italia, della nostra città e della nostra provincia – spiega Massimo Zanon, presidente della Confcommercio Unione Metropolitana di Venezia – Con quello che è successo quest’anno, molti sono in sofferenza, non pochi hanno chiuso, tanti potrebbero farlo a breve. Mobilitiamoci assieme per salvaguardare una tradizione di valori che hanno fatto la storia del commercio. Rischiamo uno stravolgimento del tessuto urbano e sociale senza via di ritorno.
“Non diamo per scontate – prosegue Zanon – le aperture dei negozi di quartiere dove risiediamo, delle strade dove passiamo ogni giorno, delle piazze, principali o più decentrate, che frequentiamo o frequentavamo prima della pandemia. I negozi hanno bisogno del nostro aiuto, soprattutto in questo periodo che precede il Natale che sarà giocoforza un Natale diverso. Un’insegna, una vetrina accesa, una commessa al lavoro sono il segno di una città

che vive. Una saracinesca abbassata per sempre è il simbolo di una città che si svuota: e se muoiono i negozi, “muoiono” la comunità, la qualità di vita, la socialità”.
Saranno migliaia le vetrofanie e i volantini in distribuzione in tutti i mandamenti della provincia: un appello affinché il tessuto commerciale nel “cuore pulsante” delle città non venga a spegnersi, con il rischio di un non ritorno, proprio mentre si accendono le luminarie natalizie.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Che comincino a prezzare la merce ! Dalle mie parti c’è una cartoleria/giocattoli che non ha un prezzo che sia uno esposto in modo visibile. Hanno cancellato la legge sulla pubblicità dei prezzi ? I vigili si sono estinti ?

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 16 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente conosci i nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del mattino. 365...

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

“Io, sfrattata da Venezia, ho voluto a tutti i costi tornarci ed è stato un incubo”. Lettere

In risposta alla lettera “So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Venezia... Io ci sono nata 60 anni fa e sono dovuta scappare a 15 anni con tutta la famiglia perché già a quei tempi per...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Venezia e flussi turistici, Brugnaro: “Contributo d’accesso e prenotazione con app”.

A Venezia si ritorna a parlare di regolamentazione dei flussi turistici. Lo ha fatto oggi il sindaco Luigi Brugnaro, a proposito del "Contributo di accesso" (il ticket per Venezia). Una 'app', in soldoni, darà le chiavi per entrare sulla base dell'affluenza tipica in...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."