30.9 C
Venezia
giovedì 29 Luglio 2021

Clara Ceccarelli è stata uccisa dall’ex compagno. Confessione nella notte

HomefemminicidioClara Ceccarelli è stata uccisa dall'ex compagno. Confessione nella notte

Clara Ceccarelli è stata uccisa dall’ex compagno. L’ennesimo femminicidio ha ora la fisionomia del responsabile che è stato fermato nella tarda serata di venerdì ed ha ammesso l’omicidio.
Clara è la donna di 69 anni uccisa nel pomeriggio nel suo negozio di pantofole in pieno centro a Genova.
L’uomo, Renato Scapusi, 59 anni disoccupato, stava cercando di uccidersi lanciandosi da Mura delle Cappuccine, vicino all’ospedale Galliera.
Aveva vagato alcune ore in un’area non distante dal luogo del delitto.
Gli agenti delle volanti lo hanno visto e hanno urlato il suo nome. Lui ha risposto “sono io” e non si è più gettato.
E’ stato portato in questura dove ha parlato della aggressione.
E’ emerso che era stato sottoposto a cure psichiatriche.
La donna stava lavorando nel proprio negozio in via Colombo quando è stata colpita con una trentina di coltellate. La polizia è arrivata sul posto dopo l’allarme di alcuni passanti, che avrebbero anche cercato di fermare l’omicida.
La loro relazione era finita un anno fa ma Scapusi aveva continuato a cercarla, a chiamarla.
Lei lo aiutava ancora dandogli dei soldi. Lui,

che soffriva di ludopatia, li dilapidava.
“Si erano lasciati da alcuni mesi. Lui le telefonava sempre, prima le rubava in casa. Gliene aveva fatte tante e lei non poteva più sopportare” ha raccontato la cugina appena arrivata sul luogo del delitto, a pochi passi dalle scintillanti vetrine di via XX Settembre.
La donna aveva incontrato la vittima anche oggi: “L’avevo vista – ha continuato la parente – e mi era sembrata tranquilla”.
Invece, improvvisa, la morte ha raggiunto Clara Ceccarreli sul finire della giornata di lavoro.
Come sempre, la donna stava riordinando il negozio di pantofole per poi attendere il momento di abbassare le serrande e fare ritorno a casa.
Qualcuno è però entrato

nella ‘Pantofoleria’ di Clara e l’ha aggredita.
Alcuni testimoni hanno riconosciuto l’ex e messo subito sulle tracce dell’uomo gli agenti delle volanti e gli investigatori della mobile, coordinati dal pm Giovanni Arena.
La negoziante è stata colpita al collo e all’addome con una furia cieca.
L’omicidio è avvenuto in un’ora in cui la zona è molto frequentata dai genovesi per gli ultimi acquisti della giornata.
Anche in tempo di Covid via Colombo e le strade circostanti, come via San Vincenzo, attirano negli eleganti negozi molti clienti.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.