4.9 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Chiusa oggi sala scommesse di via Mestrina, rimaneva aperta nonostante diffida

HomeSicurezzaChiusa oggi sala scommesse di via Mestrina, rimaneva aperta nonostante diffida
la notizia dopo la pubblicità

La Polizia Locale chiude la sala scommesse di via Mestrina per violazione del Regolamento comunale. L'assessore Venturini: “Un impegno concreto per la tutela della salute dei cittadini”

Chiusa oggi sala scommesse di via Mestrina, rimaneva aperta nonostante diffida

La Polizia Locale ha provveduto oggi alla chiusura della sala giochi di via Mestrina 87/A aperta dalla ditta “Bet Sas” lo scorso 26 maggio, malgrado le difformità con il regolamento comunale.

Gli agenti del Servizio Attività Produttive hanno eseguito il provvedimento dopo aver verificato che la sala giochi rimaneva aperta nonostante la diffida all’esercizio dell’attività di sala scommesse emanato dal Settore Sportello Unico Commercio. Scaduti i 30 giorni previsti dalla legge per l’ottemperanza oggi si è proceduto alla chiusura dell’esercizio con l’apposizione dei sigilli.

Lo scorso 26 maggio la ditta Mestrina Bet Sas aveva aperto al civico 87/A la sala scommesse sulla base di una licenza rilasciata dalla Questura, “ai soli fini di pubblica sicurezza”, ma in difformità dal Regolamento comunale che prevede come l’apertura delle sale giochi sia possibile, in linea con quanto stabilito dalla normativa regionale, solo in locali che distano almeno 500 metri, dai luoghi definiti sensibili quali chiese, scuole, impianti sportivi. Difformità di cui la ditta era già stata informata sia dal Comune di Venezia, in sede dei lavori edilizi, sia dalla Questura al rilascio dell’autorizzazione.

L’Amministrazione comunale è subito intervenuta a seguito dell’apertura della sala giochi, segnalata con preoccupazione anche dai residenti nell’area circostante per l’impatto negativo che tale attività può avere in un’area nelle cui vicinanze insistono luoghi sensibili come la chiesa parrocchiale, scuole e o asili nido. Gli uffici dello Sportello Unico Commercio hanno quindi emanato la diffida all’esercizio con l’obbligo di chiusura entro 30 giorni dall’emanazione del provvedimento. Oggi, alla scadenza dei 30 giorni, verificata l’inottemperanza, è così avvenuta l’immediato blocco dell’attività.

“La chiusura tempestiva della sala giochi di via Mestrina conferma come il Regolamento approvato dal Consiglio Comunale sia uno dei più severi in Italia – è il commento dell’assessore alla coesione sociale Simone Venturini – Su questo tema l’Amministrazione Brugnaro sta facendo scuola e giurisprudenza in tutta Italia. Grazie all’adozione di questo regolamento sono state chiuse una serie di sale giochi non autorizzate e si è impedita un proliferazione di attività come questa, che negli ultimi anni stava assumendo una dimensione preoccupante per la salute dei cittadini. Un impegno concreto contro la ludopatia”.

Il fenomeno di nuove aperture, e successive chiusure da parte dell’Amministrazione comunale, di sale giochi in zone vietate non dovrebbe più ripetersi, grazie ad una circolare del Ministero dell’Interno che ha previsto come la Questura non possa più rilasciare le autorizzazioni “ai soli fini di pubblica sicurezza e fatto salvo il rispetto degli altri requisiti”, ma dovrà chiedere preventivamente al Comune il rispetto dei Regolamenti in riferimento alle distanze.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

Niente vaporetti senza GP: “La situazione qui a Burano è tragica”. Lettere

Con riferimento all'articolo "Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv", riceviamo e pubblichiamo. La situazione nell’isola di Burano è tragica!! Una parte degli isolani è letteralmente sequestrata in isola. Non è possibile fare un tampone...

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all'Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio In base alle risultanze d'indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l'aggressore...

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"