Chioggia, operazione antidroga: arresti e sequestri anche a Tenerife [video]

ultimo aggiornamento: 07/02/2020 ore 15:57

4940

chioggia operazione antidroga sequestri video

Chioggia teatro all’alba di una vasta operazione antidroga di caratura internazionale. Sono state eseguite 25 misure cautelari personali con contestuale sequestro preventivo di beni mobili, immobili, quote societarie e rapporti finanziari per un valore di circa 7 milioni di euro.

Dall’alba di giovedì, infatti, nelle province di Venezia, Padova, Rovigo, Ferrara, Treviso e Torino, a conclusione dell’indagine convenzionalmente denominata “TSUNAMI”, i Carabinieri della Compagnia di Chioggia Sottomarina, con il supporto dei Comandi Provinciali territorialmente competenti, per uno sforzo complessivo di oltre 250 uomini, hanno dato esecuzione a 25 misure cautelari personali.


Le 25 misure cautelari si sono tradotte in 18 persone in carcere, 5 agli arresti domiciliari, 1 obbligo di dimora e 1 divieto di dimora nella provincia di Venezia.

I provvedimenti, a carico di altrettanti soggetti di nazionalità italiana (22 persone), ucraina (1), marocchina (1) e slovena (1), sono stati emessi dal G.I.P. del Tribunale di Venezia, in accoglimento della richiesta della procura lagunare, per il reato di “spaccio di sostanze stupefacenti in concorso”.

L’attività investigativa, diretta dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Venezia e condotta tra settembre 2017 e dicembre 2018 nell’ambito della città di Chioggia, ha consentito di riscontrare un considerevole consumo di sostanze stupefacenti, nonché di acquisire concreti elementi indiziari nei confronti di un gruppo criminale ben strutturato dedito all’importazione e allo smercio di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti, per un volume complessivo stimato in oltre 70 kg di cocaina, 150 kg di marijuana e 30 kg di hashish.


Nel corso dell’indagine condotta dai Carabinieri di Chioggia sono stati rinvenuti e sequestrati materiale per il confezionamento dello stupefacente, soprattutto gli involucri degli ingenti quantitativi di importazione.

Dalle perquisizioni, inoltre, è stato possibile rilevare la presenza di un bacino di riferimento di oltre 150 acquirenti, residenti a Chioggia e nei comuni limitrofi delle province di Venezia, Treviso, Padova e Rovigo, tutti consumatori delle sostanze.

Gli accertamenti, in particolare, hanno consentito di delineare una rete di pusher i quali, approvvigionandosi dai canali esteri convergenti in Slovenia, rifornivano principalmente gli illeciti mercati della città clodiense e del polesine.

Sono stati, inoltre, confermati i dati segnalati nel recente passato dalla locale Azienda Sanitaria, in merito al considerevole consumo di stupefacenti nella città di Chioggia, dai quali era desumibile come questo fosse oltre quattro volte superiore a quello di Venezia e della sua area metropolitana.

L’indagine ha reso anche possibile verificare ulteriormente la correlazione tra consumo di stupefacente e reati minori, in particolare quelli predatori e di violenza domestica.

Le risultanze investigative raccolte dal personale dell’Arma dei Carabinieri sono state sviluppate sotto il profilo patrimoniale dal G.I.C.O. della Guardia di Finanza di Venezia che, all’esito di complessi accertamenti sviluppati sotto la direzione della Procura lagunare, hanno ricostruito i flussi finanziari sottesi ai traffici droga e il patrimonio accumulato dagli indagati.

Gli accertamenti hanno riguardato oltre 100 persone fisiche, numerose attività economiche nonché articolati assetti societari nella disponibilità di taluni degli indagati – sia in territorio nazionale che in Spagna – ove è stato possibile operare ricorrendo all’Ordine di Indagine Europeo emesso dalla Procura di Venezia ed a una fattiva attività di cooperazione internazionale.

Il patrimonio complessivamente ricostruito ed oggetto del provvedimento di sequestro in corso di esecuzione ammonta a circa 7 milioni di euro, tra beni mobili, immobili, quote societarie e conti correnti bancari.

L’esecuzione dei sequestri sta interessando in Italia le province Venezia, Padova, Rovigo, Treviso, Torino, con l’impiego di oltre 100 finanzieri supportati da 10 unità cinofile, antidroga e anti valuta.

In territorio estero, stanno operando 3 militari del G.I.C.O. in supporto della Policia National per il sequestro di un appartamento e di diversi rapporti finanziari riconducibili al principale indagato e situati a Tenerife.

Sono in corso da parte delle Forze di Polizia anche 75 perquisizioni delle abitazioni e dei luoghi nella disponibilità dei soggetti coinvolti nelle indagini.

Video dell’Operazione TSUNAMI di Carabinieri e Guardia di Finanza qui sotto.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here