COMMENTA QUESTO FATTO
 

Juve vince ma fatica con il Chievo. Roma seconda

Sardegna Arena ancora terra di conquista: dopo il Sassuolo mercoledì, anche il Chievo espugna il nuovo stadio del Cagliari. Due a zero per la squadra di Maran: a segno Inglese e Stepinski. Per i veronesi è il ritorno alla vittoria dopo il colpo di Udine alla prima di campionato. Ora è a quota 8. E sette punti sono stati conquistati in trasferta.

Nella ripresa il gol improvviso di Inglese, di testa all’indietro appena dentro l’area. E partita vinta. Perché il Cagliari se reagisce, lo fa senza molto convinzione.

Il finale è disastroso per i padroni di casa: in dieci per il cartellino rosso a Pisacane. Poi la botta dello zero a due.

Per i rossoblu è la seconda sconfitta di fila. Rastelli, tra
stanchezza e necessità, ne cambia cinque. Barella diventa
regista davanti alla difesa, ritorna Dessena e c’è Giannetti
dall’inizio perché Pavoletti non è nemmeno in panchina.

Più contenuto Maran: rispetto a Genova ci sono Rigoni e
Pucciarelli, fuori Hetemaj e Bastien. Gli schemi sono gli
stessi: 4-3-1-2 per tutti e due. Nel primo tempo succede poco
perché nessuno trova spazi: è uno 0-0 che rappresenta bene
quello che succede in campo. Anche perché i due da cui ci si
aspetta di più, Birsa e Barella, si annullano a vicenda. Accade
poco: uno scontro aereo Andreolli-Rigoni che costringe i medici
a fasciare entrambi. E poi Rigoni a uscire. Un pallone che si
impenna davanti alla linea di porta di Cragno. L’intervento di
Pisacane risolve la situazione. E un rasoterra di Inglese da
ottima posizione, ma centralissimo.

La ripresa si apre con il Cagliari che butta dentro Cigarini
per liberare un po’ Barella. Ma anche con il gol improvviso di
Inglese: cross dalla sinistra di Cacciatore e pallone colpito di
testa in avvitamento che diventa un pallonetto imprendibile per
Cragno. Rastelli si affida a Cossu. La reazione c’è ma è
confusa: una mischia, un tiro di Sau. Ma il tracollo è dietro
l’angolo: secondo giallo ed espulsione per Pisacane. Il Chievo a
questo punto prova a chiuderla: Stepinski, Tomovic ed Hetemaj ci
vanno molto vicino. Al 48′ ci riesce: imprendibile il diagonale
di Stepinski.

“Siamo stati bravi a stare sul pezzo. Arrivare alla terza partita in una settimana in queste condizioni ci ha permesso di avere una marcia in più”.

Queste le parole dell’allenatore del Chievo Rolando Maran per commentare il successo della sua squadra in casa del Cagliari.

Ed ora i tifosi aspettano gol e vittorie anche in casa. “I nostri obiettivi sono chiari: noi contiamo di salvarci magari con un certo anticipo. Da quel momento in poi cercheremo di toglierci le nostre soddisfazioni”, ha concluso Maran.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here