7 C
Venezia
domenica 28 Novembre 2021

Centro Donna di Venezia, lettera alla Vicesindaco Luciana Colle

HomeLettereCentro Donna di Venezia, lettera alla Vicesindaco Luciana Colle
la notizia dopo la pubblicità

Centro Donna di Venezia, lettera di Luciana Colle alla Vicesindaco

Qualsiasi cittadina (o cittadino) di questa città abbia seguito, con un minimo d’attenzione, in queste ultime settimane, la vicenda del “Centro Donna”, circa la decisione assunta dalla Giunta comunale, con la delibera 276 dello scorso 27 settembre, non può non aver letto con costernazione il comunicato stampa dell’Amministrazione Comunale del 15/11/2016: “Centro donna: destituite di fondamento le notizie in merito alla chiusura”, dove si afferma che “l’ipotetica notizia della chiusura del Centro Donna da parte dell’Amministrazione comunale […] è falsa e si diffida chiunque dal veicolare notizie prive di fondamento”.

Mi rivolgo a Lei, Vicesindaco Colle, a Lei che ha la delega alla Cittadinanza della Donne, per chiedere se Le pare che questi siano i toni con cui rivolgersi alle donne di questa città che si sono mobilitate a difesa di un’istituzione, come il “Centro Donna”, che tanto ha significato per la vita democratica della nostra città e che è stato, per le donne un laboratorio di “cittadinanza attiva” e che di fatto, sin dalla sua nascita, si è caratterizzato come luogo-simbolo della battaglia delle donne, della loro emancipazione, della loro libertà.

Mi rivolgo a Lei per chiedere come si fa a non capire che la delibera di Giunta del 27 settembre snatura il servizio, smantellando la sua unicità: con la biblioteca di genere che passa al sistema bibliotecario comunale (divenendo una biblioteca tra le tante e perdendo ogni specificità) ed il Centro Antiviolenza che viene conglobato nel Referato alle Politiche sociali. Come si fa a non comprendere che il contrasto alla violenza di genere e, in primis, una battaglia culturale? Che il femminicidio non è altro che la punta dell’iceberg di una violenza sommersa e diffusa? Come si può non capire che separare il Centro Antiviolenza dalla stretta connessione con il “Centro Donna” significa non assumere, neppure sotto un profilo simbolico, quanto riconosciuto dalla Convenzione di Istanbul e cioè che “la violenza contro le donne è una manifestazione dei rapporti di forza storicamente diseguali fra i sessi, che ha determinato discriminazioni e impedito la piena emancipazione”?

E Lei, in primis, vicesindaco Colle, che ha la delega Cittadinanza delle donne, come fa ad accettare che il Centro Antiviolenza non sia di Sua competenza? Come fa a ritenere che le donne di questa città possono esercitare appieno i loro “diritti di cittadinanza”, quando Lei non ha neppure la delega per occuparsi della violenza di genere, che è uno dei fondamentali meccanismi sociali attraverso cui le donne si trovano in posizione subordinata e costituisce il principale ostacolo al raggiungimento della parità dei sessi e, di conseguenza, all’esercizio di una cittadinanza attiva?

Renata Mannise
Comitato Promotore Sinistra Italiana Venezia

21/11/2016

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Amira Willighagen: il video della bambina di 9 anni che fa sbiancare i giudici di Holland got talent

Amira Willighagen è una bambina olandese assolutamente normale, se non fosse per il fatto che ha un dono eccezionale, e il video qui sotto lo sta a dimostrare. Per lei si sono scomodati i più famori critici internazionali, e c'è chi addirittura...

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...