10.2 C
Venezia
martedì 26 Ottobre 2021

Catastrofe India: “Il virus ha avuto una doppia mutazione”

HomeIndiaCatastrofe India: "Il virus ha avuto una doppia mutazione"

La variante Indiana del Covid ha portato un'impennata dei casi perché è più trasmissibile a causa di una doppia mutazione. L'esperto : "Efficacia dei vaccini lievemente minore".

La variante Indiana del Covid è più trasmissibile per 2 mutazioni.
Non è dunque una semplice mutazione come le precedenti, ma è caratterizzata da una duplice mutazione della proteina Spike la cosiddetta variante indiana del virus SarsCov2.
E’ questa che è dilagante in India, segnalata anche in Svizzera ed ora arrivata in un caso anche in Italia.
E proprio a causa di questa particolare ‘mutazione tandem’ alla base di una sua maggiore trasmissibilità, è sottoposta ad attenzione particolare.
A spiegarlo all’ANSA è Massimo Ciccozzi, ordinario di statistica medica ed epidemiologia molecolare all’Università Campus Bio-Medico di Roma.
La variante B.1.671 è stata segnalata per la prima volta lo scorso ottobre nello stato di Maharashtra in India. “Attualmente si sta diffondendo velocemente nel paese asiatico ma è ormai giunta anche in Europa. In Gran Bretagna – afferma Ciccozzi – sono circa 80 i casi rilevati, mentre in Italia ad oggi risulterebbe un solo caso segnalato lo scorso marzo in Toscana”.

Si tratta, chiarisce l’esperto, di una variante con una particolare caratteristica: “Presenta due mutazioni della proteina Spike, che è quella distintiva del virus SarsCov2. Sono le mutazioni indicate come L452R e E484Q. Attualmente stiamo conducendo uno studio su tale variante e la nostra ipotesi è che le due mutazioni lavorino ‘in coppia’ ed una rende più forte l’altra, con il risultato di rendere la variante più trasmissibile”.
In pratica, spiega l’esperto, “la mutazione L452R si comporta come se fosse un interruttore che accende la seconda mutazione E484Q. Quest’ultima ha acquisto un nuovo aminoacido Q che le permette di entrare meglio nelle cellule e di infettarle. Questo perché, in virtù di tale aminoacido, riesce a ‘fondere’ meglio le membrane cellulari. In questo modo, la variante ‘indiana’ riuscirebbe, secondo la nostra ipotesi, a trasmettersi maggiormente e più velocemente rispetto al virus originale”.
La sua maggiore trasmissibilità, afferma Ciccozzi, “sembrerebbe confermata dal veloce aumento di casi in India, mentre è per ora contenuta la sua presenza in Europa”.

L’ipotesi di una maggiore trasmissibilità, sottolinea, “accresce la preoccupazione, mentre si sta valutando anche la risposta ai vaccini. Dai primi dati, emergerebbe una lieve minore efficacia dei vaccini disponibili su questa variante”.
Infatti, precisa, “sembrerebbe diminuire leggermente la risposta degli anticorpi neutralizzanti stimolati dalla vaccinazione, ma non dei linfociti T. Questa – commenta – è comunque una buona notizia perché indicherebbe una certa efficacia dei vaccini in uso”.
Ad ogni modo, avverte l’esperto, “la massima cautela è d’obbligo ed è fondamentale potenziare il monitoraggio ed il sequenziamento dei genomi dei casi positivi, in una percentuale di almeno il 10%, per rilevare tempestivamente la presenza di questa e altre varianti”. Infatti, “la circostanza che in Italia non siano stati al momento rilevati molti casi di variante indiana – afferma – potrebbe essere dovuta anche a un minor flusso di contatti e viaggi dall’India, ma la questione rende evidente la necessità che la vaccinazione anti-Covid sia estesa a tutti i paesi, anche in Asia”.
Se a vaccinarsi sono “solo i Paesi occidentali – conclude Ciccozzi – il problema non verrà risolto e saremo sempre allo stesso punto, perché dall’estero arriveranno nuove varianti contro le quali i nostri vaccini non sono ancora ‘tarati’ e si innescherà una ‘rincorsa alla variante’ molto pericolosa”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Mario Nascimbeni
Giornalista professionista, collabora ed ha collaborato con grandi testate nazionali. Ha base operativa a Roma, ma la sua professione lo porta in ogni parte del mondo come inviato o per reportage personali.

Data prima pubblicazione della notizia:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements