lunedì 17 Gennaio 2022
3.7 C
Venezia

Caro bollette: l’impennata danneggia le imprese e riduce il reddito delle famiglie

HomefamiglieCaro bollette: l’impennata danneggia le imprese e riduce il reddito delle famiglie

Il presidente Zanon: “Rincari su energia elettrica, gas, ciclo idrico e gestione rifiuti: una batosta pesante per tutto il terziario, il settore più penalizzato dalla pandemia. Servono riforme strutturali e misure immediate”.

E’ di tutta evidenza come il trend al rialzo dei prezzi delle materie prime energetiche risulti in fortissima accelerazione, influendo in modo drammatico sui costi di gas ed elettricità, ma a cascata anche sulle altre utility energivore come ciclo idrico e gestione rifiuti. Questa situazione, che si è palesata già ad ottobre/novembre 2021, laddove molte imprese a parità di consumi hanno visto lievitare e in alcuni casi quasi raddoppiare la cifra in bolletta, sfiora adesso l’emergenza sociale col nuovo, previsto ma temibilissimo aumento che sembra ormai inevitabile.

L’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (Arera) ha previsto che nel primo trimestre 2022 si registrerà un aumento del costo dell’energia elettrica con una variazione della spesa complessiva del 55%.

“Il punto – afferma Massimo Zanon, presidente di Confcommercio Unione Metropolitana Venezia e Rovigo – è che tali aumenti, pur di entità eccezionale e di difficile sostenibilità per un’impresa di qualsivoglia dimensione, seguono quelli già avvenuti che hanno inciso pesantemente sulle tasche di tutte le imprese, le quali hanno visto impennare il costo dell’energia praticamente da un giorno all’altro”.

Nessuna tipologia di impresa si salva da questa mannaia, tutte sono colpite proporzionalmente ai costi che sostengono che, pur nelle diversità, risultano insostenibili anche per breve tempo. “Non si può pensare – sottolinea Zanon – che il fabbisogno energetico riguardi solo i settori dell’industria e dell’artigianato produttivo: la batosta è altrettanto pesante, nei numeri e nella sostanza, per tutto il mondo del terziario. Con la crisi che c’è e con quanto tutti i settori, e in particolar modo quello del terziario, hanno patito, aumenti di questo tipo rischiano di far esplodere situazioni già difficili da sostenere che riguardano ogni tipo di realtà aziendale. Le imprese medio piccole non hanno avuto un danno diverso, pur se più contenuto in valore assoluto, rispetto a quello di altri tipi di attività dove le cifre proporzionali alle dimensioni forse impressionano di più”.

E il caro bollette provoca non solo costi diretti per le imprese, ma anche l’inevitabile ridimensionamento del reddito reale delle famiglie e della loro capacità di spesa, che, inesorabilmente, si tradurrà ancora una volta in una contrazione dei consumi che andrà a discapito delle imprese.

“Le imprese – prosegue Zanon – non possono essere lasciate sole ad assorbire l’urto della crisi energetica internazionale, né possono essere chiamate a reggere l’effetto soluzioni mirate a un diverso impatto ambientale. Le scelte sull’ambiente sono condivisibili in linea di principio, ma devono trovare un equilibrio con la necessità di mantenere il Paese in piedi da un punto di vista economico con i tempi necessari. Occorrono riforme strutturali e misure immediate per compensare gli effetti negativi, che, diversamente, rischiano di mettere in ginocchio, anche ma ancora una volta, il mondo del terziario, il più penalizzato da questa pandemia”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Mauro da Mantova è morto. L’ospite della trasmissione ‘La Zanzara’ non ce l’ha fatta

Mauro da Mantova è morto ieri a Verona. Era ricoverato dal 10 dicembre, quasi subito era entrato in condizioni critiche e, alla fine, non c'è stato niente da fare. Mauro da Mantova, "ospite-incursore" della trasmissione radiofonica "La Zanzara" è spirato all’ospedale Borgo...

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Porto off-shore: tempi lunghi e incertezza sulla crocieristica

Le 11 proposte per il concorso di idee del porto Off-shore di Venezia arrivate all’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Settentrionale sono state accolte con ottimismo. C’è chi ha letto in questa nutrita partecipazione un inaspettato interesse per Venezia ma in...

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi Actv: ecco come e quando

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi di trasporto pubblico locale. La comunicazione arriva direttamente dall'Azienda che recepisce il DL del governo sul tema. E dato il rigore della disposizione non è certo il caso di prenderla alla leggera: la sanzione...

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...