lunedì 17 Gennaio 2022
9.6 C
Venezia

Carnevale di Venezia 2021, dall’11 al 16 febbraio la settimana grassa per la prima volta digitale

HomeCarnevale di VeneziaCarnevale di Venezia 2021, dall'11 al 16 febbraio la settimana grassa per la prima volta digitale

Carnevale di Venezia 2021: dopo il week-end inaugurale che ha visto una grande partecipazione di pubblico collegato in streaming da tutto il mondo e il tutto esaurito nei laboratori nelle Stanze Virtuali, ricomincia domani, giovedì 11 febbraio, il Carnevale di Venezia 2021 nella sua versione digitale inedita.
In quest’ anno del tutto eccezionale, il Carnevale di Venezia entra infatti nelle case e permette di sperimentare la “distanza necessaria” per una festa vissuta in sicurezza.
L’appuntamento in streaming riparte da Ca’ Vendramin Calergi, il palazzo affacciato sul Canale Grande sede del Casinò di Venezia, in coincidenza con il tradizionale ‘cuore’ della manifestazione: la settimana ‘grassa’ che va da giovedì 11 febbraio a martedì 16 febbraio, tutti i giorni a partire dalle ore 17.00 per circa un’ora e mezza.
Una carrellata di interviste, curiosità e racconti sul Carnevale presente e passato viene trasmessa in diretta sul sito del Carnevale, sui suoi canali social e su Televenezia (canale 71 del digitale terrestre): dalla storia delle dodici Marie al Volo dell’Angelo, dalle sue maschere più famose ai costumi e ai travestimenti, dal teatro alla trasgressione.
Inoltre, ogni giorno, durante le puntate e poi sui canali social, l’approfondimento Storie di Carnevale permette di scoprire, attraverso 40 brevi video appositamente realizzati per l’edizione 2021, i protagonisti – artisti, artigiani, costumisti – ma anche i luoghi del Carnevale, dai musei ai teatri, dagli atelier ai laboratori di maschere, dagli esercizi commerciali ai ristoranti, ai bàcari, alle pasticcerie e ai caffè dove si apprezzano le golosità tipiche del momento.

Ospiti della trasmissione di domani, giovedì 11 febbraio
Oltre agli ospiti fissi della trasmissione – Linda Pani, Alberto Toso Fei, il Principe Maurice – la puntata di domani ospita Stefano Karadjov, Direttore della Fondazione Brescia Musei e già responsabile del programma culturale del Carnevale; l’Assessore al Patrimonio, Toponomastica, Università e Promozione del Territorio del Comune di Venezia, Paola Mar, Fabio Busetto e Maria Botter di Veneziaeventi per l’angolo goloso, Mario Giuga e Fiorella Moro de Le Maschere di Mario del Settecento Veneziano, e Leonardo Faggian e Francesca Cecamore dell’Associazione “Compagnia l’Arte dei Mascareri”. Per il momento musicale, la voce di Lietta Naccari accompagnata al pianoforte da Giulia Vazzoler.
Contributi video di Atelier Pietro Longhi, Pantakin, Café Sconcerto, Wavents in collaborazione con il CERS Consorzio Europeo Rievocazioni Storiche e Alice De Bortoli.

Tra le proposte del Carnevale di Venezia 2021 vi è il video intitolato Il Carnevale dei Carnevali, realizzato da La Fabbrica del Vedere che presenta un estratto della lunga collaborazione dell’Archivio Carlo Montanaro con il Carnevale di Venezia. Si tratta di “coriandoli di cinema” tratti dalle opere di Georges Méliès e dai film dei maestri – da Charlie Chaplin a Buster Keaton, da Max Linder, Harold Lloyd a Stan Laurel e Oliver Hardy – visibili al link https://vimeo.com/509222507 a partire da giovedì grasso, 11 febbraio, alle ore 11.00, fino a martedì 16 febbraio, ultimo giorno di Carnevale.
Continuano, in parallelo, le Stanze Virtuali del Carnevale di Venezia, in diretta dalle sale di Ca’ Vendramin Calergi, dove grandi e piccoli possono essere protagonisti dell’edizione 2021, grazie agli eventi digitali, a cui si può accedere previa registrazione sul sito ufficiale del Carnevale (www.carnevale.venezia.it).
In particolare, per i più piccoli, prosegue il Kids Carnival propone laboratori, performance, racconti interattivi, e un’edizione digitale del concorso La Mascherina più Bella. Per gli adolescenti, il Teen Carnival offre travestimenti, tutorial, contest, meet&greet con gli influencer del momento. Iscrizioni sul sito: www.carnevale.venezia.it.

Dedicato alle persone di tutte le età è invece il tradizionale concorso de La Maschera più Bella che abitualmente sollecita le fantasie creative più originali sul Palco di San Marco e che quest’anno è digitale. I partecipanti, iscritti entro il 10 febbraio 2021 sul sito ufficiale www.carnevale.venezia.it, e che hanno inviato una foto del costume con una breve descrizione, saranno selezionati dalla giuria composta dal Team Artistico del Carnevale di Venezia e riunita nello studio, per partecipare alle dirette degli appuntamenti giornalieri nelle Stanze Virtuali da domani, 11 febbraio al 13 febbraio. I finalisti sfileranno in diretta streaming su tutti i canali ufficiali del Carnevale di Venezia e su Televenezia domenica 14 febbraio a partire dalle ore 17:15. Il vincitore sarà ospite speciale del Carnevale di Venezia 2022.




Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

Malore improvviso: muore a 52 anni mentre parla col collega

Malore improvviso mentre parla con un collega. Una circostanza apparentemente inoffensiva e priva di pericoli che però, in questo caso, non ha egualmente lasciato scampo alla vittima. Luca Cogno aveva 52 anni e venerdì mattina si è sentito male mentre stava conversando...

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.