mercoledì 19 Gennaio 2022
0.6 C
Venezia

Carnevale a Venezia, Polizia Locale in campo contro borseggiatori: presi 4 in 4 ore

HomeBorseggiatori manolestaCarnevale a Venezia, Polizia Locale in campo contro borseggiatori: presi 4 in 4 ore

Carnevale a Venezia, stretta dei controlli: bloccati in flagranza dalla Polizia locale quattro borseggiatori. Due arresti.

Carnevale a Venezia, Polizia Locale contro borseggiatori: presi 4 in 3 ore

Il Carnevale entra nel vivo a Venezia e di pari passo aumentano sopralluoghi e controlli delle squadre antiborseggio della Polizia locale, specie nei luoghi più frequentati. I risultati non si sono fatti attendere: in due distinte operazioni venerdì sono stati colti in flagranza di reato quattro ladri, due uomini e due donne. I primi hanno trascorso la notte in cella in attesa di comparire davanti al giudice per la convalida dell’arresto, le seconde sono state invece denunciate.

Il primo intervento poco dopo le 14, proprio di fronte al Teatro La Fenice: due cittadine serbe, di etnia rom, di 30 e 32 anni, sono state bloccate da agenti in borghese del Nucleo operativo mentre tentavano di borseggiare due turisti statunitensi facenti parte di una comitiva. La due, con numerosi precedenti specifici, tanto che una della coppia era stata scarcerata appena un mese fa, sono state segnalate all’Autorità giudiziaria poiché in avanzato stato di gravidanza. Al termine degli accertamenti entrambe hanno lasciato Venezia alla volta di Milano.

Tre ore più tardi, verso le 17.45, operatori in borghese hanno concentrato l’attenzione sulle banchine delle linee urbane Actv a piazzale Roma: a insospettirli un uomo che continuava a girovagare tra i passanti guardando insistentemente gli zaini. Gli agenti hanno quindi deciso di pedinarlo a distanza: per circa un quarto d’ora il sospetto, successivamente identificato come un 45enne di nazionalità romena, ha continuato a spostarsi di banchina in banchina alla ricerca di possibili vittime, avvicinandosi a coloro che tenevano lo zaino in spalla o la borsa a tracolla sulla schiena.

Alle 18 l’uomo è stato raggiunto da un complice e connazionale di 59 anni: la coppia è subito entrata in azione sulla banchina della linea 4L, che nel frattempo si era riempita di turisti, puntando una coppia di giovani turisti asiatici. All’arrivo dell’autobus, nella ressa, il 59enne ha allungato la propria sciarpa sopra la borsa della donna per nascondere la mano. Nel frattempo ha cercato di aprire la cerniera con destrezza, mentre il compare faceva da “palo” coprendo al contempo i movimenti del borseggiatore agli occhi dei passeggeri. E’ stato in quel momento che gli agenti sono intervenuti e hanno arrestato entrambi i ladri, gravati da importanti precedenti specifici.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Borseggiatori/trici
    Mi rendo disponibile come liberatore dell’umanità da questi alieni, hanno appena rubato il portafogli a mia moglie.
    Abbiamo a disposizione molti farmaci per sopprimerli senza farli soffrire …. lo faccio volentieri e gratis

  2. Capisco benissimo Maurizio…
    è una provocazione ma non troppo: dovete stare attenti perchè è stato raggiunto il punto di rottura: se la gente non ha più fiducia nella legalità comincerà a farsi giustizia da sè
    Elena

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102. Ma che cos'è "Quota 102" che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni? Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall'anno...

Salvi abitanti delle isole: possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base

"Salvi", si fa per dire, gli abitanti delle isole: è possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base fino al 10 febbraio. E' tutt'ora considerata un'eccezione, quindi il nuovo documento parla dei soli motivi di salute e di studio, ma è sicuramente...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.