16.4 C
Venezia
domenica 19 Settembre 2021

Capodanno 2021 a Venezia: pronti veglioni e feste private fino al mattino

HomeCapodannoCapodanno 2021 a Venezia: pronti veglioni e feste private fino al mattino

Mentre l’Italia si prepara a una nuova stretta, a Venezia si vendono i “pacchetti” per Capodanno 2021.
Feste nei palazzi, cene in barca, “balli e musica fino alle 4:00”.
E’ tutto un mondo quello che si apre digitando su Google “Capodanno Venezia 2021”, tanto che si ha quasi l’impressione di trovarsi in una realtà parallela. Una realtà nella quale si brinda e si festeggia come se il Covid, le terapie intensive e le migliaia di morti non fossero mai esistiti.
“Vieni a festeggiare la notte di Capodanno 2021 a Venezia”: parte così il primo annuncio che promuove un “cenone di San Silvestro in un palazzo nobiliare settecentesco affacciato sul Canal Grande”.
L’ingresso nella struttura anticipa il coprifuoco: “vi aspettiamo alle 20:30” dove, dopo il “primo brindisi con aperitivo e buffet” seguirà una ricca cena con capesante, mazzancolle e branzino dell’adriatico.
La festa proseguirà “fino alle 4:00 in un susseguirsi di balli, musica, splendide coreografie e tanto divertimento”.
Il prezzo? 250 euro a persona, con la possibilità di accedere anche solo all’ ”after dinner” per soli 50 euro.
E nonostante il programma possa cambiare “in base alle disposizioni Covid”, il veglione è tuttora prenotabile e accompagnato dalla scritta che avvisa che c’è un’ “alta richiesta”.
“A causa della domanda – si legge – una volta confermata la prenotazione non sono previsti rimborsi”

tranne nel caso di cancellazione dell’evento.
Se, come si spera, ci siamo imbattuti in un annuncio “datato”, sarebbe quantomeno il caso di revisionarne la pagina, anche perché i “partner” del sito (“Associazione italiana turismo responsabile”, “Confartigianato”, “Atvo”, “Camera di Commercio Venezia Rovigo Delta Lagunare” ma soprattutto “Regione Veneto”) potrebbero non esserne contenti.
Il dpcm del 3 dicembre (tuttora attualmente in vigore) parla chiaro: il coprifuoco serale resterà valido anche il 31 dicembre e consentirà dopo le 22:00 solo gli spostamenti motivati da comprovate situazioni di necessità.
Per lo stesso motivo non ci saranno deroghe per i ristoranti che dovranno osservare la chiusura alle 18:00.
Ma il portale non sembra curarsene e rilancia con un secondo evento, “più informale e divertente”, che si svolgerà dalle 19:00 “in una location privata, conosciuta solo dai veneziani, nel cuore di Castello tra l’Arsenale e la Celestia”.
Attraverso una ricerca incrociata si evince che il cenone avrà luogo nella sede di un’azienda di catering nei pressi della Tana.
I riferimenti ai “fuochi d’artificio” fanno propendere che anche questo annuncio sia datato ma comunque oggi prenotabile: 185 euro a testa con cocktail di benvenuto, cena di carne o pesce a scelta, brindisi di mezzanotte e “balli e musica con DJ fino alle 2:00”.
La politica di annullamento prevede una penalità del 30% “per cancellazioni entro 7 giorni precedenti dall’evento” mentre “non è previsto rimborso in caso di cancellazione successiva”.

Dallo stesso sito ecco l’esclusiva “crociera in Laguna con cena” a 295 euro a persona.
Recita l’incipit: “il 2021 sta arrivando… Non c’è nulla di più bello e romantico di un capodanno a Venezia in barca”.
Un’offerta rivolta soprattutto ai turisti, se non fosse che dal 21 dicembre al 6 gennaio non sarà permesso uscire dalla propria regione. Sarà rivolto soltanto ai veneti?
Il ricco menù, di pesce o vegetariano, sarà consumato “in tavoli da sei posti condivisi con altri passeggeri” mentre “l’intrattenimento e le sorprese dureranno per tutta la serata”.
Secondo il dpcm non sarà possibile cenare nemmeno negli alberghi in quanto “i ristoranti chiuderanno alle 18:00” e da quell’ora del 31 dicembre fino alle 7:00 del 1 gennaio “la ristorazione sarà consentita esclusivamente con servizio in camera”.
Ma c’è una struttura che approfittando dello status di “apartments” organizza un’“originale festa di capodanno in un edificio del XIII secolo a soli 10 minuti da Piazza San Marco”.
Ed è qui che

dalle 20:00 i partecipanti potranno usufruire di “aperitivo, buffet and cena + performance artistiche” mentre dalle 23:00 il luogo si trasformerà in discoteca con “djset: dancefloor dance/revival/house”.
Il tutto per 175 euro a testa che diventano 95 per chi volesse sfidare il coprifuoco e presentarsi alle 23 per il solo ”after dinner”.
La prenotazione, con una commissione di 12,96 euro a persona, non prevede rimborsi a meno di una “nostra cancellazione dell’evento”.
Sul problema dei festeggiamenti, dei cenoni e dei veglioni si era già espresso il premier Conte, che nella presentazione del dpcm aveva ammesso: “in un sistema liberaldemocratico non possiamo entrare nelle case delle persone e imporre stringenti limitazioni. Possiamo limitarci a indurre una forte raccomandazione”. E nonostante l’ ”invito” a festeggiare solo con le persone conviventi e provviste in ogni caso di dispositivi di protezione, la mancata osservanza dei “consigli” non dovrebbe dare luogo a sanzioni.
Resta da chiedersi perché i ristoranti chiudano alle 18:00 mentre i privati organizzano cenoni: un “buco legislativo” che suona come una beffa per una categoria obbligata allo stop mentre gli assembramenti si spostano in altre “location”.
Bisognerebbe capire se la “quota d’ingresso” per cene e balli non facciano rientrare questi “party” tra le attività di somministrazione, distinguendoli dai cittadini che ospiteranno in casa i genitori, il fratello e – forse – il cognato.

Come si comporteranno le Forze dell’Ordine? Useranno la stessa solerzia adottata con i ristoranti aperti dopo le 18:00? O al contrario, non trattandosi di locali pubblici, terranno fede alle parole del premier e assimileranno questi “party” alla convivialità delle abitazioni?
Consultando i siti di booking, inoltre, saltano all’occhio decine di appartamenti che potrebbero dar vita ad altrettante feste private.
A Santa Giustina c’è un “Terrace Luxury Loft perfect for 14 people” con “prezzo ribassato” di 1.445 euro per la notte del 31 dicembre.
Ma se gli ospiti sono “solo” 10 ecco gli “interi condomini” sul Canal Grande o in zona San Marco per la modica cifra di 608 e 500 euro.
Nella speranza che gli inquilini siano tutti conviventi o che indossino i dispositivi di protezione.

(foto: festa da un sito che pubblicizza la festa di Capodanno 2021 in internet)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

4 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Cioè…fatemi capire…io non posso far visita alle tre persone che frequento di solito…e questi fanno balla alta in cinquecento fino alle tre della mattina? Poi la multa manco gliela daranno….

  2. Secondo il mio pensiero, se dopo queste feste private si ammalano, bisogna fare una cosa sola, metterli in ISOLAMENTO, SENZA CURE, PER QUESTI NON CI SON CURE

  3. Caro Comandante Agostini, deve far intervenire i suoi Vigili dal momento che lei conosce personalmente tutti i proprietari di questi palazzi ed alberghi dove si svolgeranno queste feste, non bastano 400 euro di multa, bisogna revocare la licenza o autorizzazione in loro possesso, sanzionare il proprietario con 100 mila euro di multa, almeno faremo cassa per chi dovrà ricoverarsi a causa della loro imbecillità. Avete 14 giorni di tempo per chiudere le stalle.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor