mercoledì 19 Gennaio 2022
0.6 C
Venezia

Covid, morto poliziotto di Mestre. L’ultimo messaggio: “Entro in intensiva, scudetto sulla lapide, grazie”

Homemorti per CovidCovid, morto poliziotto di Mestre. L'ultimo messaggio: "Entro in intensiva, scudetto sulla lapide, grazie"

Candido Avezzù è morto. Con grande dignità e con la forza che era tipica nella sua natura, alla fine si è arreso, la malattia, il maledetto Covid, l’ha vinto.
Le tappe del suo calvario sono sulle sue brevi note in Facebook.
28 luglio, andato all’ospedale di Jesolo per controlli: “Non è un posto dove passare le vacanze spero di andare a casa stamani”.
10 agosto: “Entro in Intensiva. Sulla lapide lo scudetto del 2 grazie. Grazie”.
Candido Avezzù aveva la forza di sdrammatizzare, ovvero tra il serio e il faceto informava tutti che la battaglia con il virus si era fatta drammatica e che la stava affrontando a viso aperto.
Sono passati 21 giorni da quel suo ingresso in Intensiva, poi l’epilogo

Candido Avezzù, Chicco per gli amici, è morto domenica in terapia intensiva dell’ospedale di Mestre dove era stato trasferito dopo una degenza all’ospedale di Dolo.
Aveva solo 58 anni.
Il suo percorso con il Covid è durato poco più di un mese.
E’ iniziato nella seconda metà di luglio, alla fine di una missione di una decina di giorni all’hotspot di Taranto che ospitava 300 immigrati di cui una certa quota risultata positiva.
Ed ora, assieme al grande dolore, c’è anche rabbia tra conoscenti amici e, naturalmente, famigliari, perché Candido, poliziotto, potrebbe anche aver contratto il virus nel periodo in cui faceva il suo dovere, obbedendo alla missione in cui credeva fermamente.

Candido Avezzù era originario di Mestre.
Lavoro, fidanzata, la palestra e l’amato cane erano le sue passioni.
Molto conosciuto a Mestre dove aveva prestato servizio alla Polfer, aveva lavorato anche a Santa Chiara.
Da un paio d’anni era al Reparto mobile di Padova.
Ennesima vittima incolpevole di questa guerra contro il virus a 58 anni, ci ricorda che la pandemia non è superata e che certi comportamenti collettivi che dimostrano leggerezza di questi tempi appaiono poco rispettosi davanti questi drammi.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione Venezia
Dalla redazione di Venezia. Per comunicare una segnalazione: [email protected]

3 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Spero che la rabbia di parenti ed amici sia sinceramente legata al fatto di non aver fatto il vaccino ampiamente consigliato
    Peccato morire per un virus altrimenti curabile

  2. leggo su altra testata giornalistic veneta che il compianto non si era vaccinato.
    SE QUESTO È VERO, considerato che le forze dell’ordine sono state tra le prime categoria ad entrare nel ciclo vaccinale, mi domando se avesse patologie che sconsigliavano la vaccinazione o che altro.
    Questo maledetto virus non è solo un banale raffreddore… almeno, non lo è per tutti ! come le morti quotidiane ancora ci dimostrano.
    r.i.p.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Corre per prendere il battello: infarto a bordo, non c’è niente da fare

Corre per prendere il battello, poi per l'imperscrutabile evolversi di quell'equilibrio precario che è lo stato di salute di ognuno, ha un attacco e, purtroppo, muore. Luciano Molin, 67 anni, è deceduto ieri a bordo di un battello dell'Actv. Attorno alle 15 l'uomo,...

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Sciopero Actv di 24 ore lunedì 13 dicembre. I servizi garantiti

AVM/Actv informa che l’organizzazione sindacale CUB Trasporti ha confermato la proclamazione di sciopero di 24 ore per lunedì 13 dicembre. Lo sciopero potrebbe interessare il personale Actv e AVM dei servizi navigazione, automobilistici, tranviari, People Mover, degli uffici AVM (sosta e ztl...

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità