COMMENTA QUESTO FATTO
 

Attenzione ai prelievi bancomat a Venezia, i clonatori sono scatenati

I Carabinieri della Tenenza di Dolo (Venezia) e del quarto Battaglione “Veneto” di Mestre hanno sorpreso e denunciato a Camponogara (Venezia) quattro cittadini ucraini a bordo di un furgone in sosta in una piazza del centro, trovati in possesso di materiale per l’accesso abusivo a sistemi
telematici attraverso i codici di accesso e la clonazione di carte di credito e bancomat.

A bordo del mezzo, trovato a poca distanza da uno sportello bancomat, oltre a un coltello a serramanico di 20 centimetri, è stato scoperto e sequestrato numeroso materiale elettronico per la clonazione di carte di credito attraverso l’intercettazione telematica dei dati digitati.
A bordo, inoltre, attrezzi idonei allo scasso: un piede di porco, due scanner portatili, quattro cacciaviti, un taglierino e un bisturi, una torcia, una pistola per colla a caldo e un saldatore, una tastiera simile a quella dei bancomat, quattro lettori di carte per inserimento bancomat, quattro cellulari, tre computer e quattro carte di credito.

Con lo “skimmer” installato sopra la fessura di inserimento delle carte magnetiche o all’interno della bocchetta dell’erogatore del denaro, assieme alla microcamera, i quattro avrebbero potuto carpire i codici Pin delle carte di credito e bancomat e riportarli in quelle clonate.

I quattro ucraini, di età dai 24 ai 38 anni, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Venezia per i reati di indebito utilizzo e falsificazione di carte di credito/pagamento, intercettazione illecita di comunicazioni informatiche e porto illegale di arma bianca, in concorso tra di loro.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here